Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

change language
sei in: no pena di morte - campagna contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 

Campagna


 
versione stampabile

 

Un lungo cammino verso l'abolizione

 

Dalla seconda metà degli anni novanta le tenebre dei bracci della morte e la battaglia contro la pena capitale sono diventati uno dei terreni di impegno globale della comunità di Sant’Egidio. Estrema sintesi delle violazioni dei diritti umani, la pena di morte rappresenta una forma di tortura, contraddice una visione riabilitativa della giustizia, abbassa l’intera società civile al livello di chi uccide, legittima la violenza al livello più alto e, spesso si fa strumento per colpire minoranze politiche, etniche o religiose. Oggi, dopo anni di battaglie civili e di sforzi diplomatici a diversi livelli, sono oggi 140 i paesi abolizionisti di fatto o di diritto (97 per tutti i reati, 8 per i reati comuni e 35 sono abolizionisti de facto), mentre sono 58 i paesi che ancora mantengono la pena capitale. Anche se negli ultimi anni il numero di esecuzioni è lentamente diminuito sono ancora circa 20000 le persone su cui pesa una condanna a morte.

La Comunità di Sant’Egidio è entrata nei bracci della morte, attraverso la corrispondenza epistolare, iniziando con Dominique Green, un giovane afroamericano detenuto nel Texas, per poi raggiungere attraverso una rete di amici, oltre 1800 condannati a morte. 
Ti ringrazio per avermi mandato dei libri. Ma quello per cui veramente ti ringrazio è di esserti calata in questo pozzo di tenebra senza sapere cosa potevi aspettarti e offrendomi la tua compassione. Questo mi dà speranza, perché mi dice che i sentimenti umani sono ancora vivi in questo mondo duro, duro che noi pur chiamiamo casa nostra. Così scriveva un condannato a morte dal braccio della morte dell' Ohio, nel 2008. E un altro condannato scriveva dal braccio della morte di Livingston in Texas, nel 2005:  “ In queste tenebre è difficile mantenere sentimenti umani e devo combattere la rabbia per le enormi umiliazioni che mi hanno inflitto. Condannare a morte un uomo è una cosa. Ma un’altra è chiuderlo tra mura di isolamento e segregazione, spogliarlo di qualsiasi autentica relazione umana, tagliarlo da tutto ciò che rende bello il suo mondo interiore, da tutto ciò che lo rende umano. La vita è come l'acqua, per sua natura tende a scorrere, e quando non può diventa stagnante. Il mio mondo interiore è fatto di tanti ricordi e tanti desideri, a cui non è dato di scorrere. Non ho altro modo per realizzarli che scrivere, disegnare, parlare durante le visite. Quindi non ho altra scelta che osservarli mentre si corrompono” . Le lettere in questi anni ci hanno aiutati a capire, a non dimenticare e a rinnovare le motivazioni per una battaglia complessa e difficile.  Alla corrispondenza sono seguite le visite, la difesa legale, gli appelli per i condannati, i tentativi di umanizzazione della condizione carceraria.

Nel 1998 La Comunità di Sant’Egidio ha promosso un Appello per una Moratoria Universale della pena di morte che ha raccolto oltre cinque milioni di firme in 153 paesi del mondo e ha creato un fronte morale, interreligioso e laico mondiale contro la pena di morte. L’appello è stato consegnato alle Nazioni Unite alla vigilia del voto della storica Risoluzione 62/149 dell’Assemblea Generale sul rifiuto della pena di morte come mezzo di giustizia (2007). La risoluzione per la moratoria universale, che si vota ogni due anni in Assemblea Generale Onu, vede una crescita dei voti favorevoli. Anche l'ultima votazione del 19 dicembre 2016 in Assemblea Generale Onu ha dato un nuovo risultato positivo, i paesi che hanno votato contro la risoluzione di moratoria universale in nove anni sono passati da 52 a 40, i paesi favorevoli sono 117 e 31 quelli che si sono astenuti dal voto. 

 Nel 2002 a Roma è nata a Roma la Coalizione Mondiale contro la Pena di Morte. In quello stesso anno il 30 novembre la Comunità di Sant’Egidio ha lanciato la prima Giornata Mondiale delle “Città per la vita-Città contro la Pena di morte” (Cities For Life, Cities Against the Death Penalty). La data è stata scelta perché ricorda la prima abolizione della pena capitale da parte del Granducato di Toscana, il 30 novembre 1786.

In questo 30 novembre 2017 sono 70 le capitali del mondo che aderiscono all'iniziativa,  2163 sono le città di 97 paesi del mondo. I comuni che aderiscono a questa sedicesima edizione della Giornata Mondiale "Città per la Vita, contro la pena di morte" daranno vita a mobilitazioni, marce, sit in, spettacoli, assemblee pubbliche, in scuole e università.  

 Dal 2007 la Comunità di Sant’Egidio promuove ogni anno una Conferenza internazionale dei Ministri della Giustizia che è un laboratorio di dialogo e un workshop internazionale in chiave abolizionista e coinvolge paesi retenzionisti e abolizionisti in un lavoro comune. La Conferenza quest'anno si terrà a Roma il 28 novembre.