Donations to the Community of Sant'Egidio are tax deductible
under current regulations

Also this year it can target the 5x1000 to the Community of Sant'Egidio
Write the number 80191770587 in the tax return

Andrea Riccardi: on the web

Andrea Riccardi: on social networks

Andrea Riccardi: press review

change language
you are in: no death penalty - news contacting usnewsletterlink

Support The Community

 
March 10 2011 | UNITED STATES

USA

Abolition in Illinois: interview with Mario Marazziti

 
printable version

Radio Vaticana

L'Illinois festeggia l'abolizione della pena di morte. Vicina la meta di una moratoria universale

Abolita la pena di morte nell'Illinois. La proposta di legge - già approvata in gennaio da Camera e Senato - è stata firmata ieri dal governatore Pat Quinn, dopo il anni di moratoria delle esecuzioni capitali. E' il ló.mo Stato negli Usa "dove non si ucciderà più per legge", sottolinea la Comunità di Sant'Egidio in prima fila sulla scena internazionale tra le organizzazioni più impegnate sul fronte abolizionista in tutto il mondo. Robcrta Gisotti ha intervistato Mario Marazziti, portavoce della Comunità:

D. - Come avete accolto la notizia, e come si è arrivati a questo nuovo traguardo?

R. - Dopo dieci anni che lavori ad un sogno, è un sogno che si avvera! Noi ci auguriamo di poter fare una grande celebrazione a Roma, al Colosseo, che è diventato il simbolo di questa campagna per la vita internazionale, senza eccezioni.

D. - II governatore Pat Queen ha detto di avere firmato il provvedimento perché non ha trovato nessuna prova credibile dell'effetto deterrente della pena di morte Sul crimine ...

R. - Non esiste, in nessun Paese del mondo, alcuna prova che dimostri che dove c'è la pena di morte diminuiscano i crimini gravi; addirittura, ci sono prove del contrario. Oppure ancora, quando si abolisce, come è accaduto in Canada nell'arco di alcuni anni questa nuova cultura della vita contribuisce anche a ridurre i crimini gravi.

D. - Queen si è detto pure convinto che sia meglio prevenire la criminalità piuttosto che spendere enormi somme per mantenere il sistema della pena capitale. Quindi è un sistema costoso?

R. - E' un sistema molto costoso, perché in un Paese democratico ci sono anche delle garanzie:

quindi ricorsi, appelli, la Corte d'Appello, la Corte Suprema ... Questo a volte rischia anche di bloccare il funzionamento della giustìzia. Il caso più clamoroso è la California: lì abbiamo il più grande braccio della morte del mondo, con 700 persone; praticamente una esecuzione ogni due anni; una grande possibilità, quindi, di non essere mai uccisi, che per un terzo del tempo intasa, con i ricorsi, le Corti superiori fino alla Corte Suprema dello Stato. Quindi è un sistema costoso ma soprattutto è un sistema malato, perché è comunque una 'scorciatoia' a problemi sociali che non si sanno risolvere. E' come per la prigione: quando non si investe in scuola, in educazione, in sostegno alle famiglie in difficoltà e in lotta alla povertà e si arriva solo al momento finale, quindi al momento di reprimere il crimine, quella società fallisce.    "•

D. - Quanti Stati al mondo hanno ancora nel loro Ordinamento la pena di morte, e tra questi quanti la praticano?

R. - Partiamo dal voto alle Nazioni Unite per una moratoria universale: siamo arrivati a 109 voti favorevoli, poi ci sono gli astenuti e gli assenti e una cinquantina di Stati che vota contro. Ma, in realtà, i Paesi che compiono tutte le esecuzioni nel mondo sono sei o sette. Tra questi è certamente la Cina, ma la Cina è un Paese che sta cambiando rapidamente: sono già quattro gli interventi della Corte Suprema e delle autorità cinesi che riducono i casi in cui la pena di mortepuò essere applicata, e questo nell'arco degli ultimi due anni. Direi che, paradossalmente, la Cina è il Paese che sta cambiando più in fretta. Poi, purtroppo, vi è l'Iran che esibisce la pena di morte; abbiamo inoltre alcuni Paesi arabi, Iraq ed Egitto ... Ma, per esempio, nelMaghreb e nel Mediterraneo, il vento di cambiamento ha dato un primo segnale: il governo provvisorio tunisino ha fermato la pena capitale! Io credo che ci troviamo veramente in un momento di svolta epocale, (gf)

RELATED NEWS
November 29 2016
BELARUS

Death convict Ivan Kulesh executed

November 29 2016

On November 30th join the World Day of the Cities for Life against the death penalty


How, when and where to join all over the world. The map of the cities, latest news, video. Visit this page for updates and share it! The hashtag is #nodeathpenalty
November 29 2016
UNITED STATES
Join the lay Catholic Community of Sant'Egidio

Various locations throughout the Florida dioceses will again participate in the International Day of Cities for Life


You are invited to attend an event in your area! Cities for Life, Against the Death Penalty
November 21 2016
NEW YORK, UNITED STATES
The results at the Third Committee of the General Assembly, the committee regarding issues relating to human rights, show momentum against the death penalty in the world

Death Penalty: the yes vote increases at the Third UN Committee, reaching a total of 115


Its resolution is debated and voted every other year
November 8 2016
KENYA

Death penalty: Sant'Egidio in Nairobi. From commuting sentences to humanizing society

November 5 2016
ZIMBABWE

10 death row inmates freed

all related news

ASSOCIATED PRESS
November 28 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
November 12 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
November 11 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
October 24 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
June 4 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
all press-related

VIDEO PHOTOS
4:04
Motion Grafic "cities for life" 2012 -
4:14
Motion Grafic cities for life FR -
3:01
Promo Engl 2013 citiesforlife -

72 visits

232 visits

49 visits

53 visits

61 visits
all the related media