Donations to the Community of Sant'Egidio are tax deductible
under current regulations

Also this year it can target the 5x1000 to the Community of Sant'Egidio
Write the number 80191770587 in the tax return

Andrea Riccardi: on the web

Andrea Riccardi: on social networks

Andrea Riccardi: press review

change language
sei in: no death penalty - news newslettercontact uslink

Sostieni la Comunità

 
July 22 2011 | MALAYSIA

Malaysya

The Indonesian Coalition Against Death Penalty (HATI) denounces the case of Wilfrida Soik, a catholic, handicapped girl who risks to be sentenced to death

 
versione stampabile

Agenzia Fides

ASIA/MALAYSIA - Chiesa e Ong in campo per salvare Wilfrida, ragazza cattolica che rischia la pena di morte

Kuala Lumpur () - Una ragazza cattolica indonesiana, Wilfrida Soik, giace nelle carceri malesi, accusata di aver ucciso la sua datrice di lavoro, e rischia la condanna a morte. In sua difesa si sono mobilitate alcune organizzazioni non governative, in Indonesia e Malaysia, e la Chiesa indonesiana di Atambua (diocesi nella parte occidentale dell'isola di Timor, da cui la ragazza proviene). Il caso, infatti, presenta molte ambiguità e necessita di chiarimenti a tutti i livelli. Inoltre Wilfrida è una ragazza disabile mentale, vittima di trafficanti di esseri umani. E' quanto l'Agenzia Fides apprende da fonti nella Chiesa indonesiana e dalla "Coalizione contro la Pena di Morte" in Indonesia, che sta cercando di indagare sul caso, di tutelare i diritti di Wilfida e di evitare che sia giustiziata.
La Chiesa cattolica di Atambua, attraverso il Vescovo Mons. Datu Serik, ha segnalato il caso alla "Commissione per i Diritti Umani" dell'Indonesia e si sta impegnando e trovare le giuste strade per chiedere la grazia in favore di Wilfrida e per farla tornare a casa. La sua storia, infatti, riferita a Fides, è una storia di povertà, emarginazione e sfruttamento. Wilfrida viene da una famiglia molto povera. Nata nel 1993 nella provincia di Belu (provincia di Nusa Tenggara orientale), la ragazza dall'età di due anni soffre di disturbi mentali. L'anno scorso è stata avvicinata da alcuni uomini che, attraverso l'Agenzia del Ministero del Lavoro di Belu, le hanno procurato un lavoro in Malaysia. Per farla espatriare tali figuri hanno anche falsificato i suoi documenti, facendo risultare che Wifrida fosse maggiorenne. Di fatto Wilfrida è stata vittima di un organizzazione che traffica esseri umani, soprattutto donne. Giunta in Malaysia, Wilfrida è stata impiegata come domestica nel la città di Pasir Mas (nei pressi di Johor), nella casa di una anziana signora, Yeap Seok Pen, a sua volta malata di morbo di Parkinson. La signora è stata ritrovata morta il 7 dicembre 2010, Wilfrida è stata accusata di omicidio e arrestata. Il tribunale di Pasir Mas il 9 maggio scorso ha tenuto una udienza per accertare la colpevolezza della giovane ma, come riferiscono fonti di Fides "il risultato non è tanto chiaro, né lo sono le prove a carico della ragazza". Sta di fatto che Wilfrida rischia la pena captale. La Coalizione contro la Pena di morte in Indonesia, che riunisce numerose associazioni, fra le quali la Comunità di Sant'Egidio, ha scritto al Ministero degli Esteri Indonesiano e l'Ambasciata indonesiana in Malaysia ha preso in consegna il caso. Il Presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono ha formato di recente la "Indonesian Migrant Workers Task Force", proprio per trattare i casi spinosi di lavoratori migranti che condannati alla pena capitale all'estero.
Charles Hector Fernandez, avvocato cattolico di Kuala Lumpur, responsabile dell'associazione "Malaysians Against Death Penalty and Torture" (MADPET), dichiara all'Agenzia Fides: "Cercheremo di conoscere a fondo il caso di Wilfrida, e di fare quanto è in nostro potere per aiutarla". E spiega: "Secondo l'ordinamento malaysiano, in caso di omicidio, il giudice è obbligato a applicare la pena capitale. È uno dei temi su cui ci stiamo impegnando, chiedendo una revisione della norma, perché il giudice possa scegliere almeno se, in base alle attenuanti, comminare l'ergastolo".
"In Malaysia - prosegue - ci sono oltre 640 detenuti nel braccio della morte, in attesa di esecuzione. Le esecuzioni vanno avanti, non c'è una moratoria, ma sono state ridotte fino ad eseguirne solo 2 nel 2010. Sembra che il governo sia propenso e riesaminare la questione della pena di morte, almeno per rimuoverla come pena per alcuni reati, e togliere l'obbligatorietà per i giudici. Sarebbe un passo avanti, anche se noi speriamo in una completa abolizione. A tal fine sono importanti le pressioni internazionali, che possono aiutare molto". (PA)

NEWS CORRELATE
September 6 2019

Despite thousands of appeals for clemency, Billy Crutsinger was executed yesterday. Pain and disdain for this horror. Let’s keep on struggling to stop the death penalty


Thanks to all those who joined our appeals
March 15 2019
UNITED STATES
March 14, 2019

Bishops’ Conference Committee Chairman Welcomes Governor of California’s Declaration of Moratorium on Death Penalty


#DeathChamberClosedForMercy
March 15 2019
UNITED STATES
By Mario marazziti

The death penalty makes everyone guilty. The revolutionary choice of the governor of California who signed the moratorium on capital executions ·

February 27 2019
Bruxelles from February 26 to March 1

Pope Francis on Wednesday urged the abolition of the death penalty worldwide Francis sent a video message to the "World Congress Against the Death Penalty"

November 14 2018
NEW YORK, UNITED STATES

Third Committee (Social, Humanitarian, Cultural) Approves Death Penalty Moratorium


Approved as amended by a recorded vote of 123 in favour to 36 against, with 30 abstentions
November 3 2018
GERMANY
The death penalty in Germany was canceled by the judiciary of the Federal Republic in 1949, while in the Democratic Republic it was abolished in 1987

The German state of Hesse has voted to finally scrap the death penalty from its constitution

tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
November 28 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
November 12 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
November 11 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
October 24 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
June 4 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

114 visite

253 visite

66 visite

76 visite

80 visite
tutta i media correlati