Donations to the Community of Sant'Egidio are tax deductible
under current regulations

Also this year it can target the 5x1000 to the Community of Sant'Egidio
Write the number 80191770587 in the tax return

Andrea Riccardi: on the web

Andrea Riccardi: on social networks

Andrea Riccardi: press review

change language
you are in: no death penalty - news contacting usnewsletterlink

Support The Community

 
April 18 2012 | ITALY

USA – The death penalty is too expensive, so executions slow down. But the “grass-roots” America still wants the state revenge

 
printable version

Scritto da FEDERICO RAMPINI - la Repubblica | 18 Aprile 2012

Cresce il numero degli Stati che la abolisce: sono cinque negli ultimi cinque anni, diciassette in tutto. Una svolta storica, sostenuta certo da ragioni morali. Ma anche da argomenti ben più pragmatici: uccidere i condannati incide sui bilanci, meglio tenerli in carcere  Il governatore Dannel Malloy del Connecticut è il 17esimo della lista: la sua firma è l'ultimo atto, dopo il voto dell'assemblea legislativa locale, per abrogare la pena di morte. La condanna capitale si sta ritirando lentamente, uno Stato alla volta. Nel Nordest degli Stati Unitiè praticamente scomparsa. Il ritmo dell'abbandono accelera: cinque Stati negli ultimi cinque anni, con dei "pezzi grossi" come New York, New Jersey, Illinois, New Mexico. Quei 17 Stati dove la massima pena ormai è l'ergastolo sono ancora in minoranza, certo. E lo squilibrio territoriale disegna "due Americhe", divise esattamente come ai tempi della guerra civile. Nel profondo Sud la condanna a morte resiste, e non solo sulla carta, ma con un ritmo di esecuzioni sostenuto. Tuttavia questa spaccatura - politica, etica, religiosa - potrebbe esaurirsi.
La novità è segnalata dal referendum che si terrà in California.

Dalla West Coast emerge una "destra abolizionista". Insensibile ai tradizionali argomenti umanitari, quest'ala conservatrice vuole liberarsi della pena capitale per un'altra ragione, molto pragmatica: costa troppo. In un'era di austerity, con il Tea Party che incalza dal basso e la base repubblicana che vuole tagli spietati alla spesa pubblica, il "braccio della morte" è diventato un lusso che l'America non può più permettersi.

Sembra incredibile, ma l'ergastolo fa risparmiare.

La storia della pena capitale negli Stati Uniti è già ricca di colpi di scena, avanzatee ritirate. L'ultimo ciclo storico, favorevole alle esecuzioni, fu aperto dalla Corte suprema quando nel 1976 autorizzò gli Stati a ripristinare una condanna che era stata di fatto accantonata. Nei 35 anni successivia quella sentenza ci sono state 1.278 esecuzioni. Però dal 1999 in poi il declino è netto: il Death Penalty Information Center indica in quell'anno il picco storico (98 esecuzioni), dieci anni dopo si erano quasi dimezzate (52) e nel 2011 erano scese a 43. «Il declino indica un trend- dice Richard Dieter che dirige quel centro - è evidente che il sostegno dell'opinione pubblica alla condannaa morte sta arretrando». La pena capitale resta comunque in vigore nelle legislazioni di 33 Stati Usa, oltre che a livello federale: dove può essere applicata ad esempio nei casi di terrorismo.
E' un conteggio da aggiornare continuamente, perché la frontiera continuaa spostarsi in favore degli abolizionisti. Tra gli Stati che hanno in discussione l'abrogazione della condanna capitale figurano Maryland, Montana, Kansas, Kentucky, Washington, Ohio, Oregon, Pennsylvania. Ci proveranno, almeno a discuterne, perfino due grandi Stati del Sud: Floridae Georgia. Quello del Sud è il fronte più ostico. Lo riconosce una esponente dell'abolizionismo umanitario, Denny LeBoeuf che dirige il Capital Punishment Project presso la più grande ong schierata in difesa dei diritti civili, l'American Civil Liberties Union (Aclu). «Negli Stati che appartennero alla vecchia Confederazione sudista- dice- la fine della pena di morte non è dietro l'angolo, questo purtroppo non lo può credere neppure un ottimista patologico».

La storica discriminante NordSud si sovrappone alla dimensione razziale di questa pena. I numeri sono eloquenti. Da una parte dicono che dal 1976 ad oggi si sono eseguite solo 4 condanne nel Nordest (dove domina la cultura progressista del New England), 75 negli Stati "liberal" della West Coast inclusa la California, contro le 1.060 esecuzioni avvenute nel Sud. In quanto allo squilibrio razziale: il 35% dei condannati al patibolo che hanno ricevuto la scarica elettrica o l'iniezione letale, sono neri; e questo mentre la componente afroamericana rappresenta solo il 12,6% della popolazione americana. La massima probabilità di subire l'esecuzione, statisticamente si verifica nei casi in cui l'imputato è nero per un crimine la cui vittima era bianca.
Un'altra serie statistica sconvolgente riguarda gli errori giudiziari, identificati da quando è invalso l'uso sistematico degli esami del Dna per il riesame delle esecuzioni: trai condannatia morte che sono finiti al patibolo negli ultimi 40 anni, ci sono 123 casi comprovati di innocenti. Postumi.
Errori giudiziari a ripetizione, razzismo e squilibrio etnico: questi sono gli argomenti forti di una campagna umanitaria, portata avanti da un ampio schieramento nel mondo intero (spicca il ruolo della Comunità di Sant'Egidio).

Finora però questi temi faticavano a fare breccia nell'opinione pubblica conservatrice. La novità, ancora una volta, può arrivare dalla California. Quello che viene considerato lo Stato "liberal" per eccellenza, in passato ha riservato delle sorprese clamorose anche di segno opposto. Sul finire degli anni Settanta proprio la California fu un laboratorio sperimentale di due trionfali operazioni conservatrici: la rivolta anti-tasse reaganiana; e la riscossa della pena di morte. Nel 1978 vinceva il più celebre referendum californiano detto Proposition 13: stabilì un tetto alla pressione fiscale, dando il via ad un vasto movimento di rivolta del contribuente cavalcato dalla destra, di cui gli epigoni si vedono oggi nel Tea Party. Sempre nel 1978 in California vinse anche la Proposition 7, che ripristinò la pena di morte autorizzandone un'applicazione fra le più vaste e severe di tutti gli Stati Uniti. I promotori della Proposition 7 furono i due esponenti del partito repubblicano John e Ron Briggs, padre e figlio, con l'assistenza del giurista Donald Heller. Da allora sono passati 34 anni, e nel prossimo mese di novembre gli stessi Briggs junior e Heller sottoporranno all'elettore californiano un nuovo referendum. Stavolta per abolire la pena di morte. Un clamoroso capovolgimento di posizione da parte di due leader locali della destra storica. Heller ha spiegato il suo "pentimento" con franchezza: «L'aver reintrodotto la pena di morte in California si è rivelato un fallimento colossale. Non funziona». La vera ragione della delusione per i due conservatori ha poco a che vedere con errori giudiziario il tormento etico sul valore della vita, almeno in prima istanza. «E' una questione di costi - ha detto Briggs - perché cominciammo con 300 detenuti nel braccio della morte e oggi siamo a quota 720.
Nel frattempo tutto questo ci è costato 4 miliardi di dollari...».

Briggs e Heller hanno un approccio pragmatico che mette in crisi la base conservatrice del Tea Party: questo movimento populista è composto al 99% di bianchi, ha una cultura implicitamente razzista (come nella campagna su "Obama il Kenyano"), ma il suo appeal è legato alla protesta contro il deficit pubblico e le tasse.

Briggs e Heller hanno scoperto che il costo di un condannato a morte in California, paradossalmente, supera di gran lunga quello di un ergastolano. Sembra impossibile? Il fatto è che la pena capitale si trascina dietro una serie di ricorsi e contro-ricorsi, per i quali lo Stato spende una fortuna in avvocati. Più il costo dei super-penitenziari. Nella campagna abolizionista della California si distingue anche una ex guardiana della famigerata prigione di San Quintino, Jeanne Woodford, insieme con l'ex procuratore generale di Los Angeles Gil Garcetti che dice: «Per le ristrettezze di bilancio stiamo licenziando insegnanti e vigili del fuoco, non possiamo permetterci 185 milioni l'anno per questa follia». C'è perfino una perversa crudeltà nei confronti delle vittime: fa orrore il caso di una donna stuprata da un presunto serial killer nel 1981, che da allora continua a dover periodicamente testimoniare nei diversi gradi di ricorso del condannato a morte. Una tortura che la costringe a rivivere il suo stupro da 30 anni. «Sulla legittimità morale della pena di morte l'America si divide da decenni - osserva la giurista Paula Mitchell della Loyola Law School - ma l'argomento dei costi è politicamente neutro, e può catturare un consenso molto ampio».

Ma la vendetta di Stato continua a piacere all'America profonda

Scritto da VITTORIO ZUCCONI - la Repubblica | 18 Aprile 2012

Nessuno dei candidati alla Casa Bianca discute il patibolo
Dio ama il boia - ti risponderanno - è scritto nel grande libro della Verità rivelata, nella Sacra Scrittura, parola del Signore. E chi siamo noi peccatori, noi Americani che ci consideriamo la «luminosa città di Dio sulla collina» (dal Vangelo secondo Ronald Reagan, 11/01/1989), per disobbedire alla Sua parola? Sta qui, nel cocktail inebriante di religiosità letterale e fondamentalista e di istinti violenti di una civiltà costruita sull'associazione fra la Bibbia e la Colt, il nocciolo tossico che spiega perché gli Stati Uniti d'America siano rimasti ormai l'unica nazione occidentale, e la sola democrazia politica insieme con il Giappone,a praticareea difendere la pena capitale. Anche quando la speranza di un ravvedimento americano sembra farsi più forte e nuovi Stati si aggiungono alla lista delle moratorie, il nocciolo si rimpicciolisce.
Ma si fa ancora più duro. Il 64% degli interpellati dai demografi della Gallup crede ancora fermamente nella pena di morte e il 50% pensa che non sia inflitta abbastanza spesso. Nessuno dei candidati alla Casa Bianca per il 2013, non il presidente in carica Barack Obama, non il suo avversario Mitt Romney, osa mettere in discussione il dogma del patibolo. Quando uno degli speranzosi alfieri del partito repubblicano, il deplorevole governatore del Texas Rick Perry difese e addirittura esaltò durante un dibattito teletrasmesso l'esecuzione di Cameron Todd Willingham al quale aveva negato la commutazione, la platea esplose in un'ovazione. Eppure Willingham era innocente o almeno meritevole di nuove indagini: tutte le indagini successive alla condanna a morte, e le petizioni sul tavolo di Perry quando diede l'ok allo stantuffo nelle siringhe letali, avevano indicato che le tesi della pubblica accusa erano senza fondamento.
Per quattro decenni, da quando la Corte Suprema aveva temporaneamente sospeso il supplizio capitale, la speranza degli abolizionisti come lo scrittore di thriller legali e avvocato lui stesso, Scott Turow divenuto accanito critico della forca, era stata che la certezza di avere mandato a morire persone non colpevoli avrebbe finalmente toccato il nocciolo duro di fondamentalismo vendicativo dentro il cuore dell'America. Non è stato, almeno non fino a ora, così. Duecento settanta condannati a morte negli ultimi 30 anni sono stati completamente esonerati grazie ai nuovi test del Dna condotti sui reperti forensi.
È impossibile stabilire quanti innocenti abbiano salito i gradini del patibolo, quanti degli uomini (soltanto tre femmine sono state messe a morte per legge) che sono stati gassati con il cianuro, rosolati sulla sedia elettrica, freddati dal plotone di esecuzione, impiccati, paralizzati con curaro e poi sepolti vivi dentro il proprio corpo e soffocati in apparente riposo dal sodio pentotal, fra i circa 16mila uccisi dopo l'impiccagione del capitano George Kendall nella Virginia del 1608 per alto tradimento. Un'estrapolazione basata sulle nuove scoperte scientifiche dal "Progetto Innocenza" indica nel 3% i casi di errore letale, dunque potrebbero essere cinquecento gli innocenti ammazzati nel nome della legge.
Ma la risposta di quei due americani su tre che restano aggrappati all'illusione della giustizia perfetta, quella che chiede una vita come «retribuzione» contro chi una vita ha rubata, oltre alle citazioni delle occasioni nelle quali numerose volte il temibile Dio dell'Antico Testamento chiede «l'occhio per occhio» o invoca (Levitico, 20:10) la morte per adulterio, è ancora più agghiacciante del puro fanatismo biblico. «Il rischio di errore naturalmente esiste - razionalizza Steven Stewart, pubblico ministero dell'Indiana - ma il fatto che possano raramente essere stati giustiziati innocenti non deve impedire l'applicazione della legge, non più di quanto incidenti d'auto mortali debbano portare alla eliminazione delle automobili». «Effetti collaterali», dunque, morti accidentali e malaugurate, sul fronte di una guerra che appare giusta e addirittura santa. Ancora più fanaticamente, il docente di filosofia morale all'Università del Texas ad Austin, J. Budziszewski, taglia corto sentenziando che «la pena capitale riporta ordine morale nel disordine morale prodotto dal crimine».
Non è irragionevole pensare che in futuro, soprattutto se i cristiani che si riconoscono nella Chiesa Cattolica riprenderanno il memorabile appello fatto a St. Louis dove Giovanni Paolo II chiese di abolire la forca, anche gli Stati Uniti riconosceranno la inutile barbarie dell'omicidio di Stato, quella barbarie che neppure i metodi di morte come l'iniezione letale - studiata per risparmiare al pubblico l'orrore di sedie elettriche o camere a gas, non per «umanità» verso la vittima - riescono a rendere tollerabile. Ma non subito, non nella viltà di una classe politica che liscia il pelo dell'elettorato e non nel periodico riattizzarsi di ondate di terrore collettivo. E asseconda il peggio che dorme nel grande corpo dell'America: la confusione fra la giustizia divina e la vendetta umana.

RELATED NEWS
November 29 2016
BELARUS

Death convict Ivan Kulesh executed

November 29 2016

On November 30th join the World Day of the Cities for Life against the death penalty


How, when and where to join all over the world. The map of the cities, latest news, video. Visit this page for updates and share it! The hashtag is #nodeathpenalty
November 29 2016
UNITED STATES
Join the lay Catholic Community of Sant'Egidio

Various locations throughout the Florida dioceses will again participate in the International Day of Cities for Life


You are invited to attend an event in your area! Cities for Life, Against the Death Penalty
November 21 2016
NEW YORK, UNITED STATES
The results at the Third Committee of the General Assembly, the committee regarding issues relating to human rights, show momentum against the death penalty in the world

Death Penalty: the yes vote increases at the Third UN Committee, reaching a total of 115


Its resolution is debated and voted every other year
November 8 2016
KENYA

Death penalty: Sant'Egidio in Nairobi. From commuting sentences to humanizing society

November 5 2016
ZIMBABWE

10 death row inmates freed

all related news

ASSOCIATED PRESS
November 28 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
November 12 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
November 11 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
October 24 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
June 4 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
all press-related

VIDEO PHOTOS
4:04
Motion Grafic "cities for life" 2012 -
4:14
Motion Grafic cities for life FR -
3:01
Promo Engl 2013 citiesforlife -

72 visits

232 visits

49 visits

53 visits

61 visits
all the related media