Donations to the Community of Sant'Egidio are tax deductible
under current regulations

Also this year it can target the 5x1000 to the Community of Sant'Egidio
Write the number 80191770587 in the tax return

Andrea Riccardi: on the web

Andrea Riccardi: on social networks

Andrea Riccardi: press review

change language
sei in: no death penalty - news newslettercontact uslink

Sostieni la Comunità

 
September 18 2012 | SUDAN

Adnkronos/Aki - Sudan: Layla Ibrahim Issa Jumul was freed. She was sentenced to death by stoning. (IT)

 
versione stampabile

 SUDAN: RILASCIATA DONNA CONDANNATA A LAPIDAZIONE PER ADULTERIO

 Khartoum, 18 set. - (Adnkronos/Aki) - "Layla Ibrahim Issa Jumul,

la ventitreenne condannata a morte in Sudan per lapidazione, e' stata

rilasciata". Lo annuncia una nota di 'Italians for Darfur' che,

supportata da 'Giulia' (Giornaliste italiane unite libere

indipendenti), aveva avviato una petizione per chiedere la liberazione

della giovane accusata di adulterio, raccogliendo oltre 10mila firme.

La notizia e' stata confermata ufficialmente dagli avvocati difensori

della giovane donna e dai volontari di 'Awid - Women's Right', che

hanno supportato Layla e i suoi familiari durante la detenzione.

 

L'accusa di adulterio, per la quale era stata condannata a morte

tramite lapidazione, e' stata tramutata in "atti contro la morale

pubblica" dalla Corte di Appello del tribunale di Mayo. "Quello di

Layla e' il secondo caso di una donna destinata alla pena capitale e

poi rilasciata dalle autorita' giudiziarie sudanesi - ricorda

Antonella Napoli, presidente di 'Italians for Darfur' - pressate dalla

mobilitazione internazionale".

 

Il 3 luglio scorso le porte della prigione di Khartoum si erano

aperte per Intisar, 20 anni, madre di un bambino di pochi mesi come

Layla. "Ringraziamo tutti coloro che ci hanno affiancati in questa

battaglia - aggiunge la Napoli - Sono queste notizie che ridanno

vigore al lavoro di chi crede fermamente nel rispetto dei diritti

umani".

 

SUDAN: RILASCIATA DONNA CONDANNATA A LAPIDAZIONE
ITALIANS FOR DARFUR, GRAZIE A MOBILITAZIONE INTERNAZIONALE

(ANSA) - ROMA, 18 SET - "Layla Ibrahim Issa Jumul, la
ventitreenne condannata a morte in Sudan per lapidazione, Š
stata rilasciata". E' quanto si legge in una nota di Italians
for Darfur che, supportata da GIULIA (il network di Giornaliste
italiane unite libere indipendenti), aveva avviato una petizione
per chiedere la liberazione della giovane accusata di adulterio
raccogliendo oltre 10 mila firme.
La notizia è stata confermata ufficialmente dagli avvocati
difensori della giovane donna e dai volontari di Awid - Women's
right che hanno supportato Layla e i suoi familiari durante la
detenzione. L'accusa di adulterio, per la quale era stata
condannata a morte tramite lapidazione, Š stata tramutata in
"atti contro la morale pubblica" dalla Corte di Appello del
tribunale di Mayo.
"Quello di Layla Š il secondo caso di una donna destinata
alla pena capitale e poi rilasciata dalle autorità giudiziarie
sudanesi - ricorda Antonella Napoli, presidente di Italians for
Darfur - pressate dalla mobilitazione internazionale''. Il 3
luglio scorso le porte della prigione di Khartoum si erano
aperte per Intisar, 20anni, madre di un bambino di pochi mesi
come Layla. (ANSA).

NEWS CORRELATE
November 14 2018
NEW YORK, UNITED STATES

Third Committee (Social, Humanitarian, Cultural) Approves Death Penalty Moratorium


Approved as amended by a recorded vote of 123 in favour to 36 against, with 30 abstentions
November 3 2018
GERMANY
The death penalty in Germany was canceled by the judiciary of the Federal Republic in 1949, while in the Democratic Republic it was abolished in 1987

The German state of Hesse has voted to finally scrap the death penalty from its constitution

October 12 2018
UNITED STATES
OLYMPIA, Wash. (AP)

Washington state ends 'racially biased' death penalty


Washington's Supreme Court unanimously struck down the state's death penalty Thursday as arbitrary and racially biased, making it the 20th state to do away with capital punishment.
October 10 2018
RUSSIA

Belarusian Orthodox church supports moratorium on death penalty

October 10 2018
by dp.Spring96

Treatment of death row prisoners in Belarus


While on death row, convicts face a number of violations of their rights. During their one monthly visit with a family member, they are forbidden from referring to detention conditions
September 27 2018
UNITED STATES
We thank all those who believed in human justice and who chose to respect life

Texas Executes Troy Clark on September 26, 2018, he was 51 years old


The Texas Board of Pardons and Paroles had rejected a request for clemency from Troy Clark.
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
November 28 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
November 12 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
November 11 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
October 24 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
June 4 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

99 visite

246 visite

61 visite

72 visite

77 visite
tutta i media correlati