Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
8 Dicembre 2007 | GIAPPONE

Japan

Eseguite tre condanne a morte. Una delle vittime aveva 74 anni

 
versione stampabile

PENA DI MORTE: ESEGUITE TRE CONDANNE IN GIAPPONE                      
ANSA
TOKYO, 7 DIC - Tre condannati a morte sono stati 
impiccati all'alba in Giappone, portando a nove il numero delle 
esecuzioni capitali portate a termine nel Paese nel 2007. Lo ha 
annunciato il ministero della Giustizia. (ANSA-AFP).
Il Giappone, che qualche ora 
fa ha compiuto tre esecuzioni capitali per impiccagione, ha 
rivelato per la prima volta l'identita' dei condannati e i 
crimini di cui erano accusati, nell'intento di aumentare il 
consenso dell'opinione pubblica verso la pena di morte.
   Il ministro della Giustizia aveva inizialmente fornito solo 
il numero delle persone giustiziate, ma media locali hanno 
diffuso poco dopo anche i loro nomi. 
   Seiha Fujima and Hiroki Fukawa sono stati impiccati a Tokyo e 
Noboru Ikemoto a Osaka. Tutti e tre, precisa una nota 
ministeriali, erano accusati di omicidi plurimi.
   ''E' stato deciso di dare maggiori informazioni per 
guadagnare consensi'', ha detto un funzionario del ministero, 
aggiungendo che la decisione e' giunta dal ministro della 
Giustizi Kunio Hatoyama, criticato recentemente per aver 
proposto di consentire l'esecuzione di condanne a morte anche 
senza la firma ministeriale.
   I giapponesi condannati a morte non conoscono la data della 
loro esecuzione fino al giorno dell'impiccagione.

_________

PENA MORTE:GIAPPONE,BOIA IN AZIONE CON PIU' TRASPARENZA
PER LA PRIMA VOLTA RESI NOTI NOMI E CRIMINI CONDANNATI 
   TOKYO, 7 DIC - Non si ferma il boia in Giappone, 
Tre persone sono state impiccate all'alba di oggi, portando a 
nove il numero dei giustiziati dall'inizio dell'anno, e per la 
prima volta, rompendo la cortina di rigido riserbo che 
circondava le esecuzioni capitali, sono stati resi noti i nomi 
dei condannati e i loro crimini. 
    Si delinea cosi' la nuova strategia del Giappone di fronte 
alla forte spinta internazionale in favore di una moratoria 
sulla pena di morte: da una parte si va avanti con le esecuzioni 
- piu' del doppio rispetto a quelle dell'anno scorso, un record 
negli ultimi 31 anni - dall'altra si fa leva su una maggiore  
trasparenza per fare aumentare il consenso popolare nei 
confronti della pena capitale.  
    I tre erano stati condannati per omicidi plurimi. Seiha 
Fujima, 47 anni, e Hiroki Fukawa, 42 anni, sono stati impiccati 
a Tokyo, mentre Noboru Ikemoto, 75 anni, e' stato messo a morte 
a Osaka. Fujima nel 1982 aveva ucciso una ragazza di 16 anni che 
lo aveva respinto, una sorella di 13 anni, la madre ed un 
testimone. Il secondo aveva ucciso due donne in una rapina 
compiuta nel 1999, mentre Ikemoto nel 1985 aveva ucciso tre 
vicini di casa. 
   E' stata una fonte del ministero della giustizia a precisare 
che la decisione di dare maggiori informazioni ''e' stata presa 
per guadagnare consensi'' dal ministro della giustizia Kunio 
Hatoyama. Ed Amnesty International ha riconosciuto lo ''sforzo 
di  trasparenza'' compiuto dal governo, pur protestando 
vigorosamente per le esecuzioni compiute quest'anno dal 
Giappone. 
    Fino al Natale dello scorso anno scorso, quando furono 
giustiziate quattro persone, c'era stata infatti nel paese una 
moratoria informale nelle esecuzioni per quasi due anni, dovuta 
alle convinzioni morali dell'allora ministro della Giustizia del 
premier Shinzo Abe, Seiken Sugiura, di fede buddhista.
   Ma dall'agosto scorso al ministero della giustizia e' 
arrivato Hatoyama, convinto sostenitore della pena di morte, che 
sembra aver imboccato un doppio binario in cui vanno inquadrate 
due sue proposte. Da una parte il ministro vorrebbe rendere 
inutile la firma che attualmente deve apporre ad ogni condanna a 
morte, rendendo automatico il procedimento di esecuzione entro 
sei mesi dalla decisione definitiva dei giudici, dall'altro sta 
studiando sistemi di esecuzione alternativi ''meno violenti'' 
dell' impiccagione.
   Nel braccio della morte restano ora 100 condannati, tra cui 
anche il 'santone' Shoko Asahara, ex-leader della setta 'Aum', 
responsabile nel 1995 dell'attentato con il gas nervino alla 
metropolitana di Tokyo, che provoco' la morte di 12 persone e 
l'intossicazione di almeno altre 5.500. Nessuno dei condannati 
sa quale e' la data fissata per il loro ingresso al patibolo 
fino al giorno decisivo, mentre ai loro parenti viene comunicato 
solo ad esecuzione avvenuta. 
   In Giappone ci sono vari gruppi che si battono contro la pena 
di morte, che anche per questi particolari viene considerata 
particolarmente crudele. Ma il movimento abolizionista, non e' 
mai riuscito a farsi strada nella coscienza degli elettori 
(secondo i sondaggi favorevoli al boia sono l'80% dei 
giapponesi) e della classe politica. 
    Il 18 dicembre l'assemblea generale delle Nazioni Unite 
votera' su una moratoria nelle esecuzioni, gia' approvata dalla 
terza commissione, grazie ad un grosso sforzo diplomatico 
dell'Italia. La risoluzione non sarebbe vincolante, ma avrebbe 
un forte peso morale.

___________________________________________

Trois condamnés à mort exécutés au Japon
 AFP                       
    TOKYO, 7 déc 2007- Trois condamnés à mort, dont un 
septuagénaire, ont été pendus vendredi à l'aube au Japon, portant à 
neuf le nombre d'exécutions capitales dans le pays cette année, a 
annoncé le ministère de la Justice.
    Trois autres condamnés avaient été pendus en août et trois 
autres en avril.
    Pour la première fois, le ministère a rendus publiques dans un 
communiqué les identités des condamnés exécutés vendredi. Il se 
bornait jusqu'à présent à annoncer les exécutions sans fournir le 
moindre détail.
    Il s'agit de Seiha Fujima, 47 ans, de Hiroki Fukawa, 42 ans, 
tous deux pendus à la prison de Tokyo, et de Noboru Ikemoto, 75 ans, 
mis à mort à la prison d'Osaka (ouest). Tous trois avaient été 
condamnés pour des meurtres.
    Ces trois exécutions sont les premières ordonnées par le 
ministre de la Justice Kunio Hatoyama, qui a pris ses fonctions en 
août dernier. M. Hatoyama est un fervent partisan de la peine de 
mort, même s'il a récemment prôné une méthode d'exécution plus 
"pacifique" que le gibet.
    Pour qu'un condamné soit pendu, la loi japonaise exige 
actuellement qu'un ordre d'exécution soit personnellement signé par 
le ministre de la Justice. En théorie, cet arrêt de mort doit être 
signé dans les six mois qui suivent la condamnation définitive, mais 
dans la pratique les condamnés à mort attendent en général des 
années, et souvent même des décennies, avant d'être exécutés.
    M. Hatoyama a suggéré récemment que l'exécution intervienne 
"automatiquement" dans les six mois, sans attendre l'accord du 
ministre de la Justice. Ces déclarations avaient soulevé un tollé 
parmi les organisations de défense des droits de l'homme japonaises 
et internationales.
    Le 25 décembre 2006, jour de Noël, les autorités japonaises 
avaient envoyé à la potence quatre condamnés pour meurtres, dont 
deux septuagénaires.
    Ces exécutions avaient mis un terme à un moratoire de facto de 
plus de quinze mois, en raison des convictions abolitionnistes du 
ministre de la Justice de l'époque, l'avocat bouddhiste Seiken 
Sugiura.
    M. Sugiura, qui avait toujours refusé de parapher les arrêts de 
mort, a quitté le gouvernement en septembre 2006.
    Le nombre de condamnés attendant dans les couloirs de la mort 
japonais après avoir épuisé toutes les voies de recours dépasse 
actuellement la centaine.
    Réputé pour sa faible criminalité, le Japon est, avec les 
Etats-Unis, le seul grand pays industrialisé à ne pas avoir aboli la 
peine capitale.
    Régulièrement interpellées par les associations de défense des 
droits de l'homme et l'Union européenne abolitionniste, les 
autorités nippones rappellent que 80% des Japonais sont partisans de 
la peine de mort, selon les sondages.
    Le condamné à mort le plus célèbre du pays est Shoko Asahara, 
gourou fondateur de la secte Aum Vérité Suprême, condamné au gibet 
en 2004 pour un attentat au gaz sarin dans le métro de Tokyo (12 
morts et 5.500 blessés) en 1995 ainsi que pour 15 autres homicides.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

1 visite

1 visite

7 visite

6 visite

7 visite
tutta i media correlati