Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
18 Dicembre 2007 | VIAREGGIO, ITALIA

"NON C'E' GIUSTIZIA SENZA VITA”

L'ASSEMBLEA GENERALE DELL'ONU DICE SI ALLA MORATORIA UNIVERSALE DELLE ESECUZIONI: UNA TAPPA STORICA PER UN MONDO SENZA PENA DI MORTE

La Comunità di Sant'Egidio festeggia questo fondamentale passo per la difesa della vita

 
versione stampabile
Da Mario Marazziti, portavoce della Comunità di Sant’Egidio e coordinatore della Campagna Mondiale per una Moratoria Universale della Pena Capitale.

“Un passaggio storico. L’approvazione della Risoluzione per una Moratoria Universale della Pena capitale all’Assemblea generale delle Nazioni Unite segna una tappa decisiva per l’affermazione di una giustizia capace di rispettare sempre la vita, una giustizia senza morte. E' una pietra miliare che segna un nuovo standard morale largamente condiviso e che sarà sempre più difficile e imbarazzante ignorare a livello internazionale.
E' il segno di un cambiamento importante nella coscienza del mondo, che in misura crescente ritiene non più accettabile e una umiliazione del fondamentale dei diritti umani, il diritto alla vita, la morte inflitta dallo stato. E' un cambiamento importante nella coscienza del mondo, come in passato per la schiavitù e la tortura.

Il grande impegno profuso per 15 anni dai paesi retenzionisti per impedire che la Risoluzione venisse presentata e approvata mostra come si tratti di un passaggio davvero storico. E' l'inizio di una nuova fase in cui l'ONU è chiamata a monitorare l'implementazione della Risoluzione e la fine delle esecuzioni e della pena di morte come strumento di giustizia diventa un obiettivo qualificante per la Comunità internazionale e non solo per le organizzazioni più attive nella difesa dei diritti umani in ogni circostanza.

“E’ un contributo decisivo per accelerare un processo che ha già visto dagli anni 90 oltre 50 paesi rinunciare all’uso della pena di morte e il suo uso restringersi in molti paesi retenzionisti, per un accresciuto rispetto della vita umana e per i crescenti dubbi sulla sua efficacia e correttezza nell’applicazione, anche nei sistemi giudiziari più evoluti.
“E’ una vittoria del mondo e della vita, una vittoria della difesa della dignità e dei diritti umani.

E' una vittoria che è il frutto di una straordinaria sinergia tra governi europei e non europei, davvero cross-regional, e le Organizzazioni non governative che hanno lavorato per decenni alla costruzione di un pensiero e di pratiche capaci di immaginare una giustizia senza morte.

Il grande lavoro di paesi come l'Italia, la Francia e l'Unione Europea non sarebbe stato altrettanto efficace senza il grande contributo dei co-autori della Risoluzione e, tra i tanti, Messico, Brasile, Nuova Zelanda, Gabon e Filippine. E' un successo che segna anche la fine, nella difesa dei diritti umani, della divisione tra sostenitori della moratoria e sostenitori dell’abolizione: un fronte comune a cui la Comunità di Sant'Egidio ha dedicato un grande impegno, un passaggio indispensabile per l'approvazione della Risoluzione e l'arretramento della pena capitale nel mondo.
La Comunità di Sant’Egidio ha lavorato intensamente per questo risultato, da anni, assieme ad altri protagonisti storici della Campagna mondiale, raccolti o a fianco della Coalizione Mondiale Contro la Pena di Morte (WCADP).

E’ stata una strada difficile, contrastata da chi ha cercato di far passare questa decisione storica come un’ingerenza in affari interni dei singoli paesi e come una visione “europea” dei diritti umani.

I 5 milioni di firme, da 153 paesi del mondo, richiedenti una moratoria universale consegnati dalla Comunità di Sant'Egidio e dalla WCDAP al Presidente dell'Assemblea Generale e la crescita del movimento mondiale delle Città per la vita, che su invito della Comunità di Sant'Egidio, del Comune di Roma e della Regione Toscana già raccoglie 800 città del mondo in maniera attiva contro la pena di morte rappresentano in maniera concreta la richiesta planetaria di un mondo senza più pena di morte e di una giustizia sempre rispettosa della vita e dei diritti umani.

La Comunità di Sant'Egidio continuerà il suo lavoro a fianco delle organizzazioni e dei paesi africani impegnati nella creazione di un sistema giudiziario senza pena di morte, come pure in Asia e America. Si congratula con l'abolizione della pena di morte nel New Jersey, una prova di un cambiamento nella coscienza internazionale in sintonia con lo storico passaggio all'ONU.

Per festeggiare l'approvazione della Risoluzione da parte dell' Assemblea Generale dell'ONU la Comunità di Sant'Egidio invita tutte le 800 Città per la Vita ad illuminare in maniera speciale I loro monumenti-simbolo, a cominciare dal Colosseo di Roma in una Grande Festa Mondiale della Vita nei giorni 24 e 25 dicembre.

Mario Marazziti è a New York e può essere raggiunto per interviste e altre informazioni ai numeri +39.335.7263641 - +39.346.8501247

email/blackberry [email protected]

Piazza S.Egidio, 3/a - 00153 ROMA - Tel +39.585661 - Fax +39.58566331
NEWS CORRELATE
7 Luglio 2017
STATI UNITI
Dopo una vasta campagna mondiale basata sulla preoccupazione per la sua salute mentale e sulla richiesta di abolizione della pena di morte

Apprendiamo con dolore che in Virginia ha avuto luogo l'esecuzione di William Morva


William Morva, 35 anni, è morto alle 9.15 di giovedì nel centro correttivo di Greensville a Jarratt, in Virginia
24 Giugno 2017
STATI UNITI

Comunità di Sant'Egidio: a Washington per rafforzare l'impegno contro la pena di morte

2 Maggio 2017
STATI UNITI

Anthony Farina non è più condannato a morte. Non sarà libero, ma non rischia più l'esecuzione


Dal 2012 migliaia di appelli urgenti alle autorità e lettere e cartoline a Anthony hanno sostenuto questo importante cambiamento
29 Aprile 2017
STATI UNITI
Apprendiamo che lo Stato dell'Arkansas ha portato a termine quattro delle esecuzioni previste

L'ultima esecuzione ieri, Kenneth William era un afroamericano di 38 anni

21 Aprile 2017
STATI UNITI

L'Arkansas ha messo a morte uno dei condannati di nome Ledell Lee


E' prima esecuzione dal 2005. La nostra campagna continua con l'invio di appelli e la richiesta di clemenza
15 Aprile 2017
STATI UNITI
Un giudice ha accolto il ricorso dell'azienda produttrice dei farmaci: il prodotto non era stato venduto per questo scopo

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica


Il provvedimento è temporaneo, continuiamo a inviare appelli!
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

2 visite

0 visite

0 visite

19 visite

10 visite
tutta i media correlati