Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
27 Dicembre 2007 | KUWAIT

Kuwait

Commutata la condanna a morte di una domestica filippina dopo l'intercessione di Gloria Arroyo presso l'Emiro Sabah al-Ahmad al-Sabah

 
versione stampabile

PENA MORTE: KUWAIT, COMMUTATA CONDANNA A DOMESTICA FILIPPINA         

 

 

   (ANSA-AFP) - KUWAIT,- Una domestica filippina, che era 

stata condannata a morte in Kuwait per aver ucciso il suo datore 

di lavoro, si e' vista commutare la condanna in ergastolo 

dall'emiro dopo un incontro con la presidente filippina Gloria 

Arroyo.

   Sabah al-Ahmad al-Sabah ha detto che normalmente non 

interviene sul potere giudiziario, che e' distinto 

dall'esecutivo. ''Ma dal momento che Lei e' qui - ha detto alla 

Arroyo - per sollecitare di persona un atto di clemenza, io non 

firmero' il decreto di esecuzione. E cio' rientra nelle mie 

prerogative''. 

   La Arroyo, giunta oggi in Kuwait, ripartira' in serata 

dall'emirato.

   Marilou Ranario, 34 anni, era stata condannata a morte nel 

settembre 2005 per aver ucciso il suo datore di lavoro a 

coltellate per una disputa su maltrattamenti e su questioni 

economiche. A febbraio la corte di appello aveva respinto un 

primo ricorso e la corte di cassazione aveva poi confermato la 

sentenza il 27 novembre.

   La vicenda aveva provocato una forte eco nelle Filippine dal 

momento che nell'emirato vivono e lavorano 73.000 filippini, di 

cui circa 60.000 come colf, e che in passato si sono verificati 

numerosi casi di maltrattamenti da parte dei datori di lavoro. 

_______________

KUWAIT: ARROYO RINGRAZIA EMIRO CHE HA SALVATO FILIPPINA CONDANNATA A MORTE

 

 

      Manila,  - (Adnkronos/Dpa) - "Un atto di gentilezza 

dell'emiro". Cosi' la presidente delle Filippine, Gloria Macapagal 

Arroyo, ha salutato la decisione dell'emiro del Kuwait, Sheikh Sabah 

al-Ahmad al-Sabah, di commutare in ergastolo la condanna a morte per 

la domestica filippina che aveva ucciso la sua datrice di lavoro.

 

      Per ottenere la grazia della connazionale la Arroyo si e' recata

ieri in missione nel Kuwait dove la condanna alla pena capitale della 

33 enne Marilou Ranario era stata confermata dalla Corte suprema lo 

scorso 27 novembre. "I nostri Paesi possono essere separati da molte 

miglia e da religioni diverse -ha detto Arroyo- ma condividiamo un 

comune senso di giustizia e di pieta'". Il rientro della presidente a 

Manila e' previsto per domani.

 

      Il caso della Ranario e' un tema particolarmente sentito nelle 

Filippine dove il governo viene accusato di non garantire molte 

protezioni agli oltre 8 milioni di lavoratori emigrati all'estero che 

lo scorso anno hanno garantito rimesse per 14 miliardi di dollari, il 

10% in piu' dei 12,8 miliardi di dollari inviati ai parenti in patria 

nel 2005.

NOTIZIE CORRELATE
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
10 Ottobre 2018

10 ottobre 2018 - Giornata Mondiale contro la Pena di Morte, Sant'Egidio rafforza l'impegno per l'abolizione

10 Ottobre 2018
Giornata mondiale contro la pena di morte

Intervista a Mario Marazziti, della Comunità di Sant'Egidio: la vendetta rende prigionieri


Nel 2017 la maggior parte delle esecuzioni ha avuto luogo in Iran, Arabia Saudita, Iraq e Pakistan.
9 Agosto 2018
The Los Angeles Times

The Catholic Church's opposition on the death penalty began with previous popes


By Mario Marazziti
29 Giugno 2018
BURKINA FASO

Il Burkina Faso elimina la pena di morte: un altro passo verso l’abolizionismo globale

tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

1 visite

0 visite

0 visite

9 visite

5 visite
tutta i media correlati