Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
27 Dicembre 2007 | KUWAIT

Kuwait

Commutata la condanna a morte di una domestica filippina dopo l'intercessione di Gloria Arroyo presso l'Emiro Sabah al-Ahmad al-Sabah

 
versione stampabile

PENA MORTE: KUWAIT, COMMUTATA CONDANNA A DOMESTICA FILIPPINA         

 

 

   (ANSA-AFP) - KUWAIT,- Una domestica filippina, che era 

stata condannata a morte in Kuwait per aver ucciso il suo datore 

di lavoro, si e' vista commutare la condanna in ergastolo 

dall'emiro dopo un incontro con la presidente filippina Gloria 

Arroyo.

   Sabah al-Ahmad al-Sabah ha detto che normalmente non 

interviene sul potere giudiziario, che e' distinto 

dall'esecutivo. ''Ma dal momento che Lei e' qui - ha detto alla 

Arroyo - per sollecitare di persona un atto di clemenza, io non 

firmero' il decreto di esecuzione. E cio' rientra nelle mie 

prerogative''. 

   La Arroyo, giunta oggi in Kuwait, ripartira' in serata 

dall'emirato.

   Marilou Ranario, 34 anni, era stata condannata a morte nel 

settembre 2005 per aver ucciso il suo datore di lavoro a 

coltellate per una disputa su maltrattamenti e su questioni 

economiche. A febbraio la corte di appello aveva respinto un 

primo ricorso e la corte di cassazione aveva poi confermato la 

sentenza il 27 novembre.

   La vicenda aveva provocato una forte eco nelle Filippine dal 

momento che nell'emirato vivono e lavorano 73.000 filippini, di 

cui circa 60.000 come colf, e che in passato si sono verificati 

numerosi casi di maltrattamenti da parte dei datori di lavoro. 

_______________

KUWAIT: ARROYO RINGRAZIA EMIRO CHE HA SALVATO FILIPPINA CONDANNATA A MORTE

 

 

      Manila,  - (Adnkronos/Dpa) - "Un atto di gentilezza 

dell'emiro". Cosi' la presidente delle Filippine, Gloria Macapagal 

Arroyo, ha salutato la decisione dell'emiro del Kuwait, Sheikh Sabah 

al-Ahmad al-Sabah, di commutare in ergastolo la condanna a morte per 

la domestica filippina che aveva ucciso la sua datrice di lavoro.

 

      Per ottenere la grazia della connazionale la Arroyo si e' recata

ieri in missione nel Kuwait dove la condanna alla pena capitale della 

33 enne Marilou Ranario era stata confermata dalla Corte suprema lo 

scorso 27 novembre. "I nostri Paesi possono essere separati da molte 

miglia e da religioni diverse -ha detto Arroyo- ma condividiamo un 

comune senso di giustizia e di pieta'". Il rientro della presidente a 

Manila e' previsto per domani.

 

      Il caso della Ranario e' un tema particolarmente sentito nelle 

Filippine dove il governo viene accusato di non garantire molte 

protezioni agli oltre 8 milioni di lavoratori emigrati all'estero che 

lo scorso anno hanno garantito rimesse per 14 miliardi di dollari, il 

10% in piu' dei 12,8 miliardi di dollari inviati ai parenti in patria 

nel 2005.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati