Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
2 Gennaio 2008 | ITALIA

Comunità di Sant'Egidio

Comunicato Stampa - Uzbekistan: abolita la pena di morte

 
versione stampabile

UZBEKISTAN: ABOLITA LA PENA DI MORTE
LA COMUNITA’ DI SANT’EGIDIO E LE MADRI DELL’UZBEKISTAN CONTRO LA PENA DI MORTE SALUTANO LA PRIMA ABOLIZIONE DEL 2008

Il 1° gennaio 2008 l’Uzbekistan ha abolito la pena di morte. E’ la conferma di un cambiamento radicale, verso una giustizia senza morte, all’indomani dell’approvazione da parte delle Nazioni Unite della Risoluzione per una Moratoria Universale.

La decisione prevista dal decreto presidenziale del 1 agosto 2005, che prevedeva la cancellazione della pena capitale nel paese a partire dal primo giorno di quest’anno, è stata confermata dalla Corte Suprema. La Comunità di Sant’Egidio e l’Associazione delle Madri dell’Uzbekistan contro la Pena di Morte hanno lavorato per anni per fermare la pena capitale in tutta l’Asia centrale e in Uzbekistan. Salutano con gioia e apprezzamento un passaggio storico, che segue l’abolizione dello scorso anno da parte del Kyrgystan e che si iscrive nel percorso verso la moratoria e l’abolizione del Kazakhstan, come confermato dal Presidente del Senato del Kazakhstan K.J.Tokayev all’Incontro mondiale interreligioso di Napoli promosso dalla comunità di sant’Egidio e dall’Arcidiocesi di Napoli lo scorso ottobre.

L’Uzbekistan diventa così il 134mo paese abolizionista nel mondo e il terzo dell’Asia Centrale ex Sovietica, dopo Turkmenistan e Kyrgyzstan.

E’ altamente significativo che l’Uzbekistan sia anche il primo paese ad eliminare la pena di morte dopo l’approvazione della moratoria da parte dell’Assemblea Generale dell’ONU il 18 dicembre scorso.

Questo storico evento è stato costruito negli anni e ha visto il Governo dell’Uzbekistan avviare un percorso che ha indicato in due anni, dal 2005 al 2007 la fase di preparazione dell’abolizione completa della pena capitale, percorso che è stato mantenuto in tutti i suoi dettagli e che è stato confermato dalla coraggiosa e storica decisione confermata il 1 gennaio del 2008 dalla corte Suprema.

E’ una abolizione che si lega al lavoro straordinario degli abolizionisti uzbeki e in particolare del movimento delle Madri contro la Pena di Morte, fondate da Tamara Chikunova, che con la Comunità di Sant’Egidio hanno lavorato alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica nazionale e internazionale, alla difesa dei condannati a morte e della giusta difesa legale in Uzbekistan, fino all’accompagnamento di tutto il processo di sospensione delle esecuzioni, di sostegno alla Risoluzione per una Moratoria Universale approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni unite il 18 dicembre 2007 e all’abolizione di ieri.

Dal 2002, Tamara Chikunova e la Comunità di Sant’Egidio lavorano all’abolizione della pena di morte in Uzbekistan e in tutta l’area. Dal 2002, dall’atto della nascita della Coalizione Mondiale contro la Pena di Morte (WCADP) presso la sede romana della Comunità, con la partecipazione dei principali movimenti abolizionisti e per la difesa dei diritti umani del mondo (da Ensemble Contre la Pein de Morte a Penal Reform Internazionale, dalla National Coalition to Abolish the Death Penalty ad Amnesty International, all’ACAT e alla FIDH), la battaglia per l’abolizione della pena di morte in Uzbekistan è entrata tra le priorità dell’agenda della lotta alla pena di morte nel mondo.

Tamara Chikunova ha risvegliato la coscienza del mondo con la sua tragica esperienza di madre, che aveva perso l’unico figlio, ingiustamente condannato a morte e ucciso per mano dello stato, nel segreto e senza poterlo vedere.

Da allora la Comunità di Sant’Egidio ha sostenuto la nascita e il lavoro dell’Associazione delle Madri contro la Pena di Morte, costituita di parenti delle persone giustiziate.

In questi anni 21 condannati a morte sono stati salvati dall’esecuzione fino ad oggi, attraverso la creazione di un pool di sostegno legale qualificato e l’azione di difesa dei diritti umani in loco, nonostante molte difficoltà e rischio personale della vita di Tamara Chikunova, più volte minacciata, mentre a lungo è stato negato il riconoscimento statale all’Associazione da parte dello Stato. L’attenzione internazionale, l’intervento delle rappresentanze italiane ed europee a Tashkent, di concerto con la Comunità di Sant’Egidio, hanno reso possibile il riconoscimento e l’azione dell’Associazione delle Madri contro la Pena di Morte e tutelato, nei limiti del possibile, l’incolumità di Tamara Chikunova.

La Comunità di Sant’Egidio si felicita con il Governo dell’Uzbekistan per il rigore e la meticolosità con cui ha portato avanti un atto di grande civiltà che rende onore al paese e che rappresenta un decisivo contributo per una giustizia più umana nel mondo.

NEWS CORRELATE
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
10 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO

Dichiarazione finale del Congresso Regionale in Abidjan


La svolta africana: umanizzare le carceri e abolire la Pena di Morte
9 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO
E' il terzo Congresso Regionale contro la pena capitale. Grande l'interesse, si sono iscritte oltre 300 persone

Il Congresso Regionale delle Associazioni Abolizioniste del mondo in Costa d'Avorio il 9 e 10 aprile 2018


La sessione plenaria del 10 Aprile dal titolo “Pena di morte, povertà, condizioni carcerarie: da una Giornata Mondiale all'altra” sarà presieduta da Annemarie Pieters (al centro nella foto)
23 Febbraio 2018
STATI UNITI

Lo stato della Florida ha portato a compimento l'esecuzione letale di Branch, nella prigione statale della Florida a Raiford


Branch, che era nel braccio della morte da quasi 25 anni, è stato dichiarato morto per un'iniezione letale alle 6:05 del pomeriggio
23 Febbraio 2018
STATI UNITI

Il governatore Greg Abbott ha commutato in pena a vita Thomas Whitacker


Il governatore ha ha accettato la raccomandazione rara e unanime del Texas Board of Pardons and Parole di concedere la grazia Thomas, condannato a morte, la cui esecuzione doveva avere luogo ieri
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

9 visite

5 visite

5 visite

6 visite

8 visite
tutta i media correlati