Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
29 Febbraio 2008 | ARABIA SAUDITA

Saudi Arabia

Ahmad Al-Bahrani salvato a pochi secondi dalla morte dal perdono della famiglia della vittima

 
versione stampabile

EFE

Perdón familia de la víctima salva vida asesino segundos antes decapitación

Riad, 27 feb - El saudí Ahmad Al Bahrani, condenado a la pena capital por haber asesinado a un compatriota, escapó a la muerte cuando la familia de la víctima decidió perdonarlo segundos antes de que fuese decapitado.
Según informa el diario Okaz en su página web, Al Bahrani fue conducido ayer, con los ojos vendados y las manos atadas a la espalda, a una plaza pública de la provincia de Qatif (oeste) para ser ejecutado a sable.
Allí, el verdugo tenía su espada desenfundada y preparada para cortarle la cabeza cuando un miembro de la familia de la víctima anunció que estaban dispuestos a perdonarlo.
Sin embargo, la familia condicionó el perdón a que Al Bahrani, condenado a muerte desde hace cinco años, pase otros tres años en la cárcel y pague una "diya" (dinero de sangre) de seis millones de riales saudíes (1,600 millones de dólares), reducidos posteriormente a 500.000 riales (133.000 dólares).
Según la ley islámica, aplicada en Arabia Saudí, uno paga la "diya" cuando causa la muerte de forma no intencionada de una persona, y su cantidad la determina el juez dependiendo de las circunstancias del accidente, la nacionalidad y la religión de la víctima.
En el caso de asesinato deliberado, un delito castigado con la pena capital por la ley islámica, el condenado puede evitar la aplicación de la sentencia si la familia de la víctima acepta el "dinero de sangre".
En este caso, la familia de la víctima es quien determina la suma de la "diya", que en algunos casos llega a millones de dólares.
Al menos 28 personas han sido ejecutadas desde principios de este año en el reino wahabí, donde además del asesinato, delitos como la violación, el tráfico de drogas, el asalto a mano armada o la brujería son castigados con la pena capital.

NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati