Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
7 Marzo 2008 | ITALIA

Italia

Sottosegretario Vernetti: continua la battaglia dell'Italia contro la pena di morte

 
versione stampabile

ANSA

Vernetti a ONU, continua battaglia dell'Italia sottosegretario esteri a consiglio diritti umani a Ginevra

GINEVRA - L'Italia continuera' a portare avanti la battaglia contro la pena di morte, ha assicurato oggi il sottosegretario agli Esteri Gianni Vernetti alla riunione del Consiglio Diritti Umani riunito in sessione a Ginevra. Per Vernetti e' stata anche l'occasione per esprimere la preoccupazione italiana per la grave situazione in Iran, Paese che - ha ricordato - ha eseguito 57- 58 pene capitali nei mesi di gennaio e febbraio.
La risoluzione sulla moratoria approvata nel dicembre scorso dall'Assemblea generale dell' Onu e' ''un punto di partenza'' che dovra' essere seguito dalla sua ''concreta applicazione a livello mondiale'', ha dichiarato il sottosegretario sottolineando l'interesse dell'Italia alla proposta, proveniente dalla societa' civile e da acuni interlocutori, di istituire una figura internazionale di riferimento incaricata di portare avanti la moratoria delle esecuzioni.
Potrebbe trattarsi di un relatore speciale del Consiglio dei diritti umani, di una personalta' eminente o di un rappresentante dell'Alto commissario dell'Onu per i diritti umani, ha poi spiegato Vernetti in un incontro con le organizzazioni non governative e i giornalisti. ''Prima di fare una proposta formale bisogna verificare il consenso su tale proposta'', ha aggiunto precisando di averne discusso in occasione di vari colloqui avuti a Ginevra.
Nel suo intervento il sottosegretario ha posto l'accento sulle situazioni in Myanmar, in Somalia e Darfur.
''Pensiamo che il Myanmar debba restare in cima all'agenda della comunita' internazionale e del Consiglio dei diritti umani'', ha affermato Vernetti. Grande attenzione deve essere prestata anche alla situazione in Somalia: il Consiglio deve trovare i modi ed i mezzi di mantenere l'attenzione della comunita' internazionale sulla crisi somala. A tale scopo, l'Italia si adoperera' per chiedere un rinnovo del mandato dell'esperto indipendente sulla Somalia, un mandato che pone l'accento sull'assistenza tecnica e la coperazione. Il Sottosegretario non ha mancato di insistere sulla ''inquietante situazione'' in Darfur.
Ricordando il sessantesimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, Vernetti ha sottolineato ''l'universalita', l'indivisibilita' e l'interdipendenza di tali principi''. Quindi ha auspicato che il Consiglio mantenga il sistema dei mandati per Paese e tematici, meccanismo osteggiato da alcuni Paesi e che consente la nomina di esperti indipendenti su specifiche situazioni dei diritti umani. Vernetti ha infine ricordato l'impegno italiano sul tema del diritto all'accesso all'acqua e in favore di una piu' ampia educazione ai diritti umani nel mondo.
Durante la sua visita a Ginevra, il sottosegretario ha incontrato la Vice Alto Commissario per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, signora Kang, alcune Ong ed ha avuto colloqui con colleghi di diversi Paesi, quali Francia, Slovenia e Brasile.

NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati