Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
22 Aprile 2008 | AFGHANISTAN

Afghanistan

Karzai difende la pena di morte

 
versione stampabile

ANSA

PENA MORTE: AFGHANISTAN, KARZAI LA DIFENDE

KABUL, 21 APR - L'Afghanistan e' ''legato'' alla pena di morte per via della legge islamica e per ragioni di sicurezza nazionale. Lo ha detto oggi il presidente afghano Hamid Karzai, sollecitato a commutare un centinaio di condanne recenti alla pena capitale.
Parlando a una conferenza stampa congiunta con il capo della diplomazia Ue Javier Solana, in visita oggi in Afghanistan, Karzai ha detto che ''la sharia (legge islamica) e' chiarissima su questo punto, il governo e il popolo afghano - sulla base di queste regole - sono legati (alla pena di morte) e vi si atterranno''.
''Affinche' la giustizia possa adempiere il suo ruolo e contro coloro che hanno fatto dei nostri figli dei martiri, hanno mozzato loro le mani, le dita, le orecchie, contro coloro che hanno sequestrato gente e l'hanno uccisa (...) la sharia e' chiara'', ha sottolineato.
Quindici condannati sono stati fucilati nell'ottobre scorso in una seconda ondata di esecuzioni da quando i taleban sono stati cacciati dal potere a fine 2001 da una coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti.

____________________

AFP

Le président Hamid Karzaï défend la peine de mort en Afghanistan

KABOUL, 21 avr 2008  - L'Afghanistan est "attaché" à la peine de mort, en vertu de la loi islamique et pour des raisons de sécurité nationale, a indiqué lundi le président afghan Hamid Karzaï, sollicité pour commuer une centaine de condamnations récentes à la peine capitale.
Quinze condamnés ont été fusillés en octobre dernier, la seconde vague d'exécution depuis que les talibans ont été chassés du pouvoir fin 2001 par une coalition internationale emmenée par les Américains et qui a soutenu la mise en place du gouvernement de M. Karzaï.
Une centaine de condamnés à mort attendent une décision du président.
"La charia (la loi islamique) est très claire sur ce point, le gouvernement et le peuple d'Afghanistan --sur la base de ces règles-- sont attachés (à la peine de mort) et s'y tiendront", a poursuivi M. Karzaï au cours d'une conférence de presse conjointe avec Javier Solana, le diplomate en chef de l'Union européenne, en visite d'une journée à Kaboul.
"Pour que la justice puisse remplir son rôle et contre ceux qui ont fait de nos enfants des martyrs, ont coupé leurs mains, leurs doigts, leurs oreilles, qui ont enlevé des gens et qui les ont tués, alors dans ces cas, la charia est claire", a-t-il martelé.
Les fondamentalistes musulmans talibans, qui multipliaient les exécutions publiques quand ils dirigeaient le pays de 1996 à 2001, mènent une insurrection sanglante depuis qu'ils ont été chassés du pouvoir fin 2001 par une coalition internationale emmenée par les Etats-Unis.

NOTIZIE CORRELATE
9 Agosto 2018
The Los Angeles Times

The Catholic Church's opposition on the death penalty began with previous popes


By Mario Marazziti
29 Giugno 2018
BURKINA FASO

Il Burkina Faso elimina la pena di morte: un altro passo verso l’abolizionismo globale

26 Giugno 2018
Mons. Rodolfo Diamante, segretario esecutivo della Commissione episcopale per la pastorale carceraria presenta un libro contro la pena di morte

La Conferenza episcopale delle Filippine resta vigile sul tema della pena di morte


In occasione della memoria del dodicesimo anniversario dell'abolizione della pena capitale nel paese
18 Giugno 2018
BIELORUSSIA
La Bielorussia è l'unico paese europeo che ancora mantiene e applica la pena capitale, la sospensione delle due condanne è un fatto senza precedenti

La Corte Suprema bielorussia sospende due condanne a morte


la diplomazia francese era intervenuta lo scorso anno con un comunicato con il quale invitava la Bielorussia ad introdurre una moratoria contro la pena di morte
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

9 visite

5 visite
tutta i media correlati