Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
24 Aprile 2008

Palestinian Authority

La World Coalition chiede al Presidente di attuare la moratoria delle esecuzioni

 
versione stampabile

Human Rights Tribune

Palestinian Authority: Against the death penalty in Palestinian occupied territories

The World Coalition Against the Death penalty calls on President Mahmoud Abbas to declare and official moratorium on the death penalty and not to ratify Mr Tha'er Rmailat's death sentence.
On 6 April 2008, the Palestinian High Military Court in Jenin sentenced Mr Tha'er Mahmoud Husni Rmailat to death by firing squad. Mr Rmailat, an officer of the Palestinian Military Intelligence, was convicted for the murder of a member of the Palestinian National Security Forces.
The World Coalition Against the Death Penalty (WCADP) is concerned that Mr Rmailat was not given the guarantees of a fair trial. In particular, his lawyer indicated that he was given only one day notice before the hearing when the legislation of the Palestinian Authority requires that a written notice be sent 72 hours in advance; and that his client was denied a psychological evaluation.
The WCADP notes with satisfaction that the Palestinian Authority has issued a decree on 22 June 2005 requesting that all sentences pronounced by the State Security courts, including death sentences, be retried in civilian courts as they were considered to fall short of international standards for fair trials and due process. It also notes that no execution has been carried out since July 2005.
It is concerned however that death sentences continue to be pronounced in conditions that contravene both international standards and the national legislation.
On 18 December 2007, the General Assembly of the United Nations adopted a resolution calling upon member states that maintain the death penalty to: Respect international standards that provide safeguards guaranteeing the protection of the rights of those facing the death penalty, in particular the minimum standards, as set out in the annex to Economic and Social Council resolution 1984/50 of 25 May 1984; Establish a moratorium on executions with a view to abolishing the death penalty;
In the spirit of the 2005 presidential decree, attached to the fair administration of justice, and of the United Nations General Assembly resolution, the World Coalition Against the Death Penalty calls upon President of the Palestinian authority Mr Mahmoud Abbas :
1) not to ratify Tha'er Rmailat's death sentence;
2) to issue a Presidential Decree declaring a moratorium on the death penalty, pending total abolition by the Palestinian Legislative Council.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati