Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
17 Potrebbe 2008 | STATI UNITI

European Union/USA

L'Unione Europea contro la ripresa delle esecuzioni n USA.

 
versione stampabile

European Commission

EUROPEAN UNION: Declaration by the EU Presidency on behalf of the EU concerning the resumption of executions in the USA

On 2 May 2008 the Ambassadors of the European Union in Washington appealed to the relevant authorities in the State of Georgia to spare the life of Mr. William Lynd. Most regrettably, clemency appeals in the case of Mr. Lynd were denied and a subsequent appeal hearing before the Georgia Supreme Court also proved unsuccessful.
The European Union deeply regrets that Mr. William Lynd was executed in the State of Georgia on 6 May 2008.
This execution breaks a de facto moratorium that has been in place across the United States while the United States Supreme Court was hearing the Baze v. Rees case. The United States Supreme Court ruling of 16 April 2008 in Mr. Baze's case, allowed for the continued use of lethal injection as practiced by the State of Kentucky.
The EU again reiterates its longstanding position against the death penalty in all circumstances and accordingly strives to achieve its universal abolition, seeking a global moratorium on the death penalty as the first step. We believe that the elimination of the death penalty is fundamental to the protection of human dignity, and to the progressive development of human rights.
The EU recalls that on 18 December 2007, the United Nations General Assembly adopted a resolution on a Moratorium on the use of the death penalty, which explicitly calls upon all States that still maintain the death penalty to establish a moratorium on executions with a view to abolishing the death penalty.
The EU notes that any miscarriage or failure of justice in the application of the death penalty represents an irreparable and irreversible loss of human life. No legal system is immune from mistakes and there is no reliable evidence that the death penalty provides added value in terms of deterrence.
In light of this most regrettable resumption in the use of the death penalty in the United States, with the execution of Mr. Lynd in the State of Georgia, the European Union urges the immediate re-establishment of a de facto moratorium on the use of the death penalty across the entire United States, with a view to abolishing the death penalty.
The Candidate Countries Turkey and Croatia*, the Countries of the Stabilisation and Association Process and potential candidates Bosnia and Herzegovina, Montenegro and Serbia, and the EFTA countries Iceland, Liechtenstein and Norway, members of the European Economic Area, as well as the Republic of Moldova, Armenia and Azerbaijan align themselves with this declaration.
* Croatia and the former Yugoslav Republic of Macedonia continue to be part of the Stabilisation and Association Process.

NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati