Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
5 Giugno 2008 | ITALIA

Italia

Il grido di Papini contro la pena di morte. Un inedito del 1956.

 
versione stampabile

AGORA’DOMENICA

1956, il grido di Papini contro il boia. Un inedito scritto piu’ di 50 anni fa.

In tempi non sospetti e preconizzando future battaglie sui diritti umani il noto autore della “Vita di Cristo si scagliava contro un Occidente ancora incapace di una scelta di civiltà: abbandonare «la più terribile macchia e la più infame stoltizia» del diritto
«I nostri pronipoti saranno stupefatti ed esterrefatti nell’apprendere che uomini colti e calmi, che avevano studiato umane Lettere e divine scritture, che si credevano cristiani, potessero decidere a mente fredda che fosse troncata la vita di altri uomini»
Tra qualche secolo o qualche millennio - se il genere umano nel frattempo non sarà del tutto

abbruttito o del tutto sterminato - questa nostra età presente, che a noi sembra superiore a tutte quelle che l'hanno preceduta, susciterà stupore e ribrezzo in quei lontani pronipoti che vorranno o dovranno, per ragioni di studio o di curiosità, occuparsi dei fatti nostri, dei nostri usi e costumi.

Non poche forme e abitudini della nostra vita muoveranno a schifo e forse ad orrore quei futuri storici, ma io credo e ritengo che il maggior scandalo della nostra civiltà, anzi la più terribile macchia e la più infame stoltizia apparirà ai loro occhi LA PENA DI MORTE.
Ancor oggi comminata e legittimata dalle consuetudini e dalle leggi in quasi tutti i Paesi della Terra. Quei civili storici dell'avvenire sapranno certamente che l'Europa e l'America dei nostri giorni riconoscono l’origine divina dei dieci comandamenti tra i.quali uno dei più essenziali ed imperativi è senza dubbio quello che ordina: «Non uccidere». I nostri pronipoti troveranno naturale, benché doloroso, l'omicidio commesso dai malfattori, dai delinquenti, dai frenetici, dai passionali, dai violenti, dai forsennati per motivi che vanno dall'odio del rivale all'avidità del lucro, dall'orgoglio ferito all'esasperazione della gelosia e della lussuria. Non assolveranno, ma potranno comprendere gli omicidi commessi nel furore di una rissa, di una sommossa, di una battaglia. Ma saranno stupefatti ed esterrefatti nell’apprendere.che certi uomini colti e calmi, disinteressati e ragionevoli, che avevano studiato filosofia e criminologia, umane lettere e divine scritture, che si dicevano e si credevano cristiani, potessero decidere a mente fredda, raccolti nella quiete delle camere di consiglio dei tribunali, che fosse troncata un certo giorno la vita di altri uomini, colpevoli forse ma certo malati e infelici.
Il comandamento di Dio che proibisce di uccidere non consente e non ammette nessuna eccezione scappatoia e tanto meno quando si tratta di uomini che rappresentano o dovrebbero rappresentare la giustizia, la ragione, la società e la civiltà. Un malvivente sanguinario che ammazza una creatura umana ispira ripugnanza, paura e pietà, ma un giudice togato, laureato e stipendiato che un bel giorno, in nome di un codice, di un principio, di un re, di un partito, di un popolo pronuncia una sentenza d morte e incarica un altro uomo, detto carnefice, di impiccare, di strozzare o strangolare, decapitare o fucilare o fulminare il condannato, sembrerà a quei futuri studiosi del nostro tempo, qualcosa di incredibile, di inverosimile, di obbrobrioso e di sconcertante che confonde il pensiero, atterrisce il cuore e sconvolge l’immaginazione. Se un essere savio e religioso potesse credere che il miglior modo di punire l'assassino fosse quello di farlo assassinare a sua volta, cioè di imitarlo, a dispetto del divieto del Creatore, della.logica e della carità, è la prova di una insania morale talmente assurda, feroce e diabolica che qualcuno di quei nostri posteri non vorrà credere ai suoi occhi dinanzi ai documenti che saranno rimasti delle costumanze di tutti i secoli della storia fino al nostro. Eppure noi sentiamo annunciare ogni giorno, senza fremere né inorridire, che i tribunali di Nazioni cosiddette civili, in nome di Sua Maestà o del popolo, hanno ordinato di togliere, con spaventosi strumenti, la vita a due o sette o dieci creature umane che molto spesso non hanno ammazzato nessuno, ma sono colpevoli soltanto di non avere le stesse passioni, opinioni o illusioni di coloro che in questo momento impugnano il bastone del comando. Oggi quasi nessuno si stupisce o protesta o ha il coraggio di gridare la sua indignazione contro la sanguinolenta selvaggeria.
Noi siamo tutti, volendo o no, sapendo o no, complici silenziosi e necessari del boia.

NEWS CORRELATE
21 Aprile 2017
STATI UNITI

L'Arkansas ha messo a morte uno dei condannati di nome Ledell Lee


E' prima esecuzione dal 2005. La nostra campagna continua con l'invio di appelli e la richiesta di clemenza
15 Aprile 2017
STATI UNITI
Un giudice ha accolto il ricorso dell'azienda produttrice dei farmaci: il prodotto non era stato venduto per questo scopo

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica


Il provvedimento è temporaneo, continuiamo a inviare appelli!
7 Aprile 2017
STATI UNITI

La lotta e le speranze di fermare le esecuzioni in Arkansas


Anche alcune ex guardie carcerarie hanno scritto al governatore, preoccupate per i pesantissimi effetti psicologici sui loro colleghi
3 Marzo 2017
CITTÀ DEL VATICANO, CITTÀ DEL VATICANO

Il Vaticano all' Onu ribadisce il suo no alla pena di morte, non si fa giustizia uccidendo


L'intervento di Mons. Jurkovic a Ginevra
1 Febbraio 2017
FILIPPINE

Filippine: fermezza dei vescovi contro la pena di morte


Il Vangelo della vita è il cuore del messaggio di Gesù
4 Dicembre 2016
FIRENZE, ITALIA
A Firenze seduta solenne del Consiglio Regionale in occasione della Giornata internazionale "Città per la vita, contro la pena di morte" e Festa della Toscana, alle ore 11.00, presso il Teatro della Compagnia regionale

Riconoscimento alla Comunità di Sant'Egidio per l'impegno nella lotta alla pena capitale


Ha ritirato il premio il Prof. Adriano Roccucci, segretario generale della Comunità di Sant'Egidio
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

9 visite

4 visite

6 visite

5 visite

6 visite
tutta i media correlati