Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
11 Giugno 2008 | IRAN

Iran

Rinviata di un mese l'esecuzione di Benhoud Shojaee e Mohammad Fadaie, minori al tempo dei fatti

 
versione stampabile

Adnkronos/Dpa

IRAN: RINVIATA ANCORA ESECUZIONE MINORENNE ACCUSATO DI OMICIDIO

Teheran, 10 giu. - L'Iran ha rinviato ancora esecuzione del giovane condannato a morte per aver ucciso quando era minorenne un uomo durante un rissa a Teheran nell'agosto del 2005. Lo rende noto oggi l'agenzia iraniana Isna. A seguito delle proteste dell'Unione Europea, che aveva condannato la violazione delle leggi internazionali, la magistratura iraniana aveva gia' rinviato di un mese a maggio l'esecuzione di Behnoud Shojaee.
Ora il suo avvocato, Mohammad Mostafaei, ha spiegato che l'ordine di rinvio e' arrivato direttamente dal capo della Giustizia iraniana, l'ayatollah Mahmoud Hashemi-Shahroudi che avrebbe rinviato l'esecuzione anche di un altro minorenne condannato a morte, Mohammad Fadaei. Secondo la legge islamica, le famiglie delle vittime possono chiedere un "prezzo del sangue", del denaro per fermare l'esecuzione del condannato.

AFP

Iran: sursis d'un mois pour deux meurtriers mineurs condamnés à mort

TEHERAN, 10 juin 2008 - Deux Iraniens, condamnés à la peine de mort pour des meurtres commis alors qu'ils étaient mineurs, ont obtenu un sursis d'un mois de la justice iranienne, a annoncé mardi un responsable judiciaire cité par l'agence officielle Isna.
La justice n'a fait aucun lien avec la demande formulée par Louise Arbour, la Haut commissaire de l'ONU aux droits de l'homme qui a exhorté Téhéran à ne pas exécuter quatre meurtriers âgés de moins de 18 ans au moment des faits, dont les deux visés par le sursis, Mohammad Fadaie et Behnoud Shojaie.

Sur "ordre" du chef de la justice iranienne, l'ayatollah Mahmoud Hachémi Shahroudi, "un sursis d'un mois a été accordé à ces deux condamnés pour trouver un accord" avec la famille des victimes, a déclaré Fakreddine Jafarzadeh, responsable du parquet des affaires criminelles, cité par Isna.
Selon la loi iranienne, si la famille de la victime accorde son pardon au meurtrier, celui-ci échappe à la mort, et doit purger une peine de prison de substitution.
Mardi matin, Louise Arbour, dont le mandat arrive à échéance fin juin, avait demandé à l'Iran de "suspendre les exécutions des quatre criminels mineurs, conformément à ses obligations internationales".
Dans un communiqué, elle a rappelé que l'Iran était partie à la Convention internationale sur les droits politiques et civils ainsi qu'à celle sur les droits de l'enfant.
Toutes deux "interdisent la peine de mort sur des mineurs".
Mohammad Fadaie et Behnoud Shojaie ont été reconnus coupables de meurtres commis alors qu'ils étaient âgés de 17 ans. Les deux autres condamnés sont Saïd Jaziie et Behnam Zareh.
Selon M. Jafarzadeh, Saïd Jaziie ne fait pas partie de la liste de 11 personnes devant être pendues mercredi à la prison d'Evine de Téhéran, comme l'avait rapporté la presse. La date de son exécution a été fixée au 25 juin.
Aucune précision n'a été donnée sur le sort du quatrième condamné.

NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati