Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
10 Luglio 2008 | QATAR

Qatar

L'emiro Hamad Ben Khalifa al-Thani grazia un condannato a morte saudita su richiesta del ministro dell'Interno di Riyad

 
versione stampabile

ANSA

PENA MORTE: LIBERATO SAUDITA CONDANNATO PER COLPO STATO

RIAD, 9 LUG - Wabran Al-Yami, un saudita condannato a morte in Qatar per aver preso parte ad un tentativo di colpo di Stato nel 1996, e' stato liberato lunedi' e rimandato nel suo paese dopo aver passato circa 12 anni in prigione.
A riportare la notizia e' il quotidiano saudita Asharq Al-Awsat che precisa che l'uomo e' stato graziato dal capo di Stato del Qatar, Hamad Ben Khalifa Al-Thani, su richiesta del ministro dell'Interno saudita, Nayef Ben Abdel Aziz.
''Prenderemo tutte le misure necessarie alle circostanze prima di rimandare Wabran Al-Yami dalla sua famiglia'', aggiunge il quotidiano citando le parole di un portavoce dell'associazione governativa saudita dei diritti dell'uomo.
Wabran Al-Yami e' l'unico saudita tra 19 persone condannate a morte per implicazione nel tentativo di colpo di stato che le autorita' di Doha affermano di aver scongiurato nel febbraio del 1996.
La grazia al detenuto e' stata concessa in un momento in cui le relazioni tra Qatar e Arabia Saudita stanno andando verso un sostanziale miglioramento dopo un periodo di tensioni durato molti anni.
Il processo di normalizzazione dei rapporti tra i due paesi e' iniziato dopo la nomina di un ambasciatore saudita a Doha all'inizio del 2008, sei anni dopo il richiamo del suo vecchio rappresentante in Qatar.

AFP

Qatar: Libération d'un Saoudien condamné à mort pour tentative coup d'Etat

RYAD, 9 juil 2008  - Un Saoudien, condamné à mort au Qatar  pour son rôle dans une tentative de coup d'Etat en 1996, a été  gracié et remis à son pays après avoir passé près de 12 ans en  prison, a rapporté mercredi un quotidien saoudien.
Wabran Al-Yami a été libéré lundi en vertu d'une grâce de l'émir  du Qatar, Hamad Ben Khalifa Al-Thani, accordée à la demande du  ministre saoudien de l'Intérieur, Nayef Ben Abdel Aziz, a précisé le  quotidien Asharq Al-Awsat.
"Les autorités saoudiennes entreprennent les mesures d'usage, en  de telles circonstances, avant de remettre Wabran Al-Yami à sa  famille", a ajouté le journal citant un porte-parole d'une  association gouvernementale saoudienne des droits de l'Homme.
Cette mesure de grâce est intervenue au moment où les relations  entre le Qatar et l'Arabie saoudite, en froid depuis plusieurs  années, connaissent une amélioration substantielle. Un processus de  normalisation a été engagé entre les deux pays, après la nomination  par Ryad début 2008 d'un ambassadeur à Doha, six ans après le rappel  de son ancien représentant au Qatar.
Wabran Al-Yami était le seul Saoudien parmi 19 personnes  condamnées à mort en appel pour implication dans une tentative de  coup d'Etat que les autorités de Doha avaient affirmé avoir mis en  échec en février 1996.
Ce coup d'Etat avorté visait à renverser l'émir du Qatar. Hamad  Ben Khalifa Al-Thani avait lui-même renversé son père, Khalifa Ben  Hamad Al-Thani, en juin 1995 lors d'une révolution de palais.
Ce  dernier a regagné le Qatar en octobre 2004 après neuf ans d'exil.

NEWS CORRELATE
4 Dicembre 2016
FIRENZE, ITALIA
A Firenze seduta solenne del Consiglio Regionale in occasione della Giornata internazionale "Città per la vita, contro la pena di morte" e Festa della Toscana, alle ore 11.00, presso il Teatro della Compagnia regionale

Riconoscimento alla Comunità di Sant'Egidio per l'impegno nella lotta alla pena capitale


Ha ritirato il premio il Prof. Adriano Roccucci, segretario generale della Comunità di Sant'Egidio
1 Dicembre 2016

dal Colosseo

1 Dicembre 2016
da Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte


Il 30 novembre è la Giornata mondiale delle città per la vita, iniziativa nata nel 2002 per abolire la pena capitale
30 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA
In occasione della Giornata delle Città per la Vita e dei 35 anni di abolizione della pena di morte in Francia

Parigi: 30 novembre, ore 19 Incontro per l'abolizione universale della pena di morte, Maison Victor Hugo, 6 Places de Vosges, Paris (Metro Bastille)


Con la Comunità di Sant'Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace, alla presenza altre personalità
30 Novembre 2016
LISBONA, PORTOGALLO
Insieme alla Comunità di Sant'Egidio

Lisbona è città per la vita, contro la pena di morte, appuntamento il 30 novembre ore 18, Arco da rua Augusta


Sono molte le città portoghesi che aderiscono alla Giornata delle città per la vita
29 Novembre 2016
BIELORUSSIA
Lo annuncia Andrei Paluda dell'Associazione Viasna. Con la Comunità di Sant'Egidio siamo vicini alla sua famiglia

Apprendiamo con dolore che condanna di Ivan Kulesh è stata eseguita in Bielorussia


Ivan è uno dei condannati per i quali stiamo inviando appelli urgenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati