Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
14 Agosto 2008 | SUDAN

Sudan

Trenta condanne a morte emesse finora per l'attacco a Omdurman

 
versione stampabile

ANSA

SUDAN: 30 CONDANNE A MORTE FINORA PER ATTACCO A OMDURMAN TRE TRIBUNALI SI SONO ESPRESSI, NE MANCANO ANCORA DUE

KHARTOUM, - Sono arrivate a 30 fino a questo momento le condanne a morte per impiccagione emesse da tribunali sudanesi incaricati di giudicare 52 aderenti al Movimento per la Giustizia e l'Eguaglianza (Jem), del Darfur, che il 10 maggio attaccarono in modo massiccio la citta' gemella di Khartoum, Omdurman, mettendola a ferro e fuoco con armi pesanti montate su 300 jeep e lasciando sul terreno circa 220 morti.
Oggi sono state comunicate le sentenze di due delle cinque corti impegnate nell'accertamento delle responsabilita' per quell'episodio, che creo' preoccupazione nel presidente Omar el Bashir e il suo governo, sulla cui testa si stava preparando la tempesta della richiesta di incriminazione per genocidio e crimini di guerra da parte della giustizia internazionale.
I due tribunali hanno emesso rispettivamente 10 e 12 sentenze capitali. Altre otto erano state emesse due giorni fa. Ora si attende il giudizio di altri due tribunali, tra i quali sono stati suddivisi i giudizi sugli arrestati per l'episodio di guerra piu' sconvolgente verificatosi nel centro del potere sudanese da quando e' in corso la guerra civile del Darfur, cominciata nel febbraio 2003.
Un ulteriore sviluppo ha movimentato oggi la situazione di grande tensione che si e' sviluppata negli ultimi tempi in Sudan, dopo la notizia della richiesta di incriminazione di Bashir da parte del procuratore generale della Corte Penale Internazionale (Cpi), Luis Moreno Ocampo. L'altro movimento ribelle del Darfur, il Movimento di Liberazione Sudanese (Slm), divenuto partner di governo dopo aver firmato un accordo di pace - accordo in alcuni momenti apparentemente ritrattato ma ancora in vigore - ha chiesto oggi al presidente Bashir di graziare, tutti gli accusati dell'assalto a Omdruman condannati a morte.
Bashir lo ha gia' fatto per 400 ragazzi, che sono stati rilasciati due giorni fa.
E' stato il vicesegretario generale dell'Slm, Yassir Arman, a invitare Bashir a considerare quei ribelli ''prigionieri di guerra'' e a non ratificare le loro condanne a morte. Parlando a una cerimonia alla periferia di Khartoum per commemorare il terzo anniversario della morte dell'antico capo del movimento, John Garang, Arman ha anche detto che il Sudan dovrebbe collaborare con la Cpi a proposito della vicenda giudiziaria che vede coinvolto il presidente sudanese.

NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati