Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
13 Dicembre 2008 | MESSICO

México

I vescovi fermamente mobilitati contro ogni ipotesi di reintroduzione della pena capitale

 
versione stampabile

ZENIT.org

Messico: Vescovi contrari alla reintroduzione della pena di morte

La sua applicazione allunga la catena della violenza, denunciano

CITTA' DEL MESSICO, venerdì, 12 dicembre 2008 ().- Di fronte alla proposta di reintrodurre la pena di morte in Messico, la Conferenza Episcopale del Paese ha pubblicato un commento affermando che “la vita umana non deve essere considerata un oggetto del quale disporre arbitrariamente, ma la realtà più sacra e intangibile presente al mondo”.

“Non può esserci pace quando manca la difesa di questo bene fondamentale – dichiarano i Vescovi –. Non si può invocare la pace e disprezzare la vita”.

Nel testo, i presuli riconoscono che in Messico si vivono “momenti difficili per delitti, sequestri, criminalità e ogni tipo di violenza”.

“Il dolore e la sofferenza di quanti sono stati vittime di tutto questo male sono comprensibili – riconoscono –. Sappiamo che sono disperati e comprendiamo la loro richiesta di una soluzione che risolva definitivamente questo grave problema e applichi la giusta pena ai delinquenti, molte volte tutelati dall'impunità o dalla corruzione da parte dei funzionari pubblici”.

In questo contesto, “in vari settori della società si leva la voce per la quale la pena di morte è la soluzione che può risolvere una volta per tutte questa grave situazione”.

La Chiesa, tuttavia, “oggi più che mai vede come un segnale di speranza l'avversione sempre più diffusa da parte dell'opinione pubblica nei confronti della pena di morte, anche come strumento di 'legittima difesa' sociale, considerando le possibilità che ha una società moderna per reprimere efficacemente il crimine di modo che, neutralizzando chi lo ha commesso, non lo si privi definitivamente della possibilità di redimersi”.

La posizione di difesa della vita e di opposizione alla pena di morte proposta dalla Chiesa, spiegano i Vescovi del Messico, “si basa sui libri della Sacre Scritture, soprattutto sul libro della Genesi, in cui ci viene mostrato con grande chiarezza che nessuno può concedersi il diritto di uccidere, visto che questo prolungherebbe a tempo indefinito e aumenterebbe la catena della violenza”.

“Lo mostra l'episodio di Caino, al quale dopo aver ucciso suo fratello Dio impone una pena di esilio, proteggendolo allo stesso tempo da chi voglia attentare contro la sua vita, spezzando la catena dello spargimento di sangue”.

Lo Stato, scrivono i presuli, “ha la piena responsabilità di applicare le pene con l'obiettivo di riparare al disordine introdotto dalla violenza, dal delitto e dall'insicurezza”, ma “oltre a difendere l'ordine pubblico e la sicurezza delle persone deve anche contribuire alla correzione dei colpevoli”.

“La violenza ha un limite – concludono –, Dio non la vuole più”.

 

NOTIZIE CORRELATE
9 Agosto 2018
The Los Angeles Times

The Catholic Church's opposition on the death penalty began with previous popes


By Mario Marazziti
29 Giugno 2018
BURKINA FASO

Il Burkina Faso elimina la pena di morte: un altro passo verso l’abolizionismo globale

26 Giugno 2018
Mons. Rodolfo Diamante, segretario esecutivo della Commissione episcopale per la pastorale carceraria presenta un libro contro la pena di morte

La Conferenza episcopale delle Filippine resta vigile sul tema della pena di morte


In occasione della memoria del dodicesimo anniversario dell'abolizione della pena capitale nel paese
18 Giugno 2018
BIELORUSSIA
La Bielorussia è l'unico paese europeo che ancora mantiene e applica la pena capitale, la sospensione delle due condanne è un fatto senza precedenti

La Corte Suprema bielorussia sospende due condanne a morte


la diplomazia francese era intervenuta lo scorso anno con un comunicato con il quale invitava la Bielorussia ad introdurre una moratoria contro la pena di morte
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

9 visite

5 visite
tutta i media correlati