Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
20 Gennaio 2009 | SINGAPORE

Singapore

Le recente recrudescenza delle esecuzioni sfida la tendenza mondiale ad una loro generale riduzione

 
versione stampabile

AMNESTY INTERNATIONAL

PUBLIC STATEMENT

AI Index: ASA 36/002/2009
Date: 13 January 2009

Singapore: Executions since December defy global trend

Singapore, estimated to have one of the highest per capita execution rates in the world, should stop its use of the death penalty and instead join the 138 states throughout the world that have ceased executions in law or practice, said Amnesty International.

The city-state, with a population of 4.6 million, has executed at least 420 people since 1991.  Singapore has condemned at least three people to die since 18 December, when the United Nations General Assembly overwhelmingly approved the “Moratorium on the use of the death penalty”. Singapore strongly criticized the resolution. At least two people have been executed since then.

The media reported the execution of Singaporean Mohammed Ali Johari, on 19 December for murder. Tan Chor Jin, a Singaporean man, was hanged on 9 January for murder.  On 30 December, the High Court sentenced to death Chijioke Stephen Obioha, a 20-year old Ghanaian man, for trafficking cannabis. His alleged accomplice, a Zambian woman, was not mentioned in recent media reports, but because drug trafficking carries a mandatory death sentence in Singapore, it is feared that she will be given the death penalty as well.  

Amnesty International recognises the seriousness of these crimes and supports all calls for justice. Amnesty International, however, opposes the death penalty in all cases as a violation of the most fundamental human right: the right to life. It is the ultimate cruel, inhuman and degrading punishment and there is no escaping the risk of error, which can lead to the execution of an innocent person.

Most death sentences in Singapore follow convictions for drug trafficking. The Misuse of Drugs Act provides for mandatory death sentences for at least 20 different offences and contains a series of presumptions which shift the burden of proof from the prosecution to the defence.

The UN Special Rapporteur on extrajudicial, summary or arbitrary executions has called for the death penalty to be eliminated for drug-related offences and has argued that the mandatory nature of the death sentence is a violation of international legal standards.

Singapore’s policies and practice bucks the solid and long-standing trend towards global abolition of the death penalty. When the Universal Declaration of Human Rights was adopted in 1948, eight countries had abolished the death penalty in law or practice. Sixty years later, the number stands at 138. Within the Asia Pacific region, Singapore is one of 14 states that retain the death penalty in law and practice. 27 states in the region have either abolished the death penalty or are holding a de facto moratorium.

As not all sentences and executions are reported publicly, it is possible that there have been more death penalty cases in the last few weeks. Amnesty International has requested that the Singapore government make public comprehensive information about the state’s use of the death penalty. Singapore has yet to publicly provide the requested annual statistics covering the period from 1993 to the present day.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati