Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
21 Gennaio 2009 | IRAN

Iran

Il Capo della Magistratura Mahmud Ashemi Shahrudi annulla la condanna alla lapidazione a Kobra Najjar

 
versione stampabile

ANSA

IRAN: CAPO MAGISTRATURA ANNULLA LAPIDAZIONE DONNA

TEHERAN, 20 GEN - Una donna condannata alla lapidazione in Iran ha avuto commutata la pena in cento frustate per ordine del capo dell'apparato giudiziario, ayatollah Mahmud Hashemi Shahrudi.

Il quotidiano Etemad Melli, che da' oggi la notizia, precisa che la donna, Kobra Najjar, ha gia' scontato otto anni di reclusione per complicita' con il suo amante nell'uccisione del marito, un tossicodipendente che la obbligava a prostituirsi nonostante avesse quattro figli piccoli. Dopo aver scontato questa pena, Kobra ha passato altri cinque anni in attesa di essere lapidata perche' riconosciuta colpevole di adulterio.

Il suo amante, Habib A., ha scontato dieci anni di reclusione ed e' stato poi liberato perche' i figli dell'ucciso gli hanno concesso il perdono.

L'ayatollah Shahrudi aveva emesso un decreto nel 2002 con il quale ordinava la sospensione delle sentenze di lapidazione, ma diversi casi sono stati registrati comunque in questi sei anni.

Tre esecuzioni sono state ammesse dalle autorita': quella di un uomo nel 2007 nella provincia di Qazvin e di altri due nel dicembre scorso a Mashhad.

Secondo gli attivisti iraniani per i diritti umani, altre nove persone condannate attendono l'esecuzione.

 

AFP

Iran: l'autorité judiciaire commue la peine de lapidation d'une femme

TEHERAN, 20 jan 2009 () - Le chef de l'autorité judiciaire iranienne, l'ayatollah Mahmoud Hachémi Shahroudi, a commué la peine de lapidation d'une femme reconnue coupable d'adultère, à cent coups de fouet, a rapporté mardi le quotidien Etemad Melli.

Kobra N., âgée de 48 ans, avait été reconnue coupable de complicité dans le meurtre de son mari et de relation adultère. Elle avait été condamné à huit ans de prison pour le premier chef d'accusation et à la lapidation pour le deuxième.

Elle a purgé ses huit années de prison et était maintenue en détention depuis cinq ans en attendant l'application de la peine de lapidation.

Le journal ajoute que son mari, toxicomane, obligeait la femme à se prostituer. Le meurtrier, Habib A., a été libéré après avoir purgé une peine de dix ans de prison.

Selon Etemad Melli, après la décision de l'ayatollah Shahroudi, il reste neuf autres personnes, sept femmes et deux hommes, condamnées à la lapidation dans les prisons iraniennes.

Le pouvoir judiciaire iranien a confirmé la semaine dernière que deux hommes avaient été exécutés par lapidation à la fin décembre à Mashhad (nord-est), en contravention avec une directive suspendant ce type de peine.

Avant les lapidations de Mashhad, au moins cinq Iraniens ont connu le même sort depuis la publication en 2002 de la directive du pouvoir judiciaire.

Selon la loi islamique en vigueur en Iran, l'adultère est punissable de lapidation. Le condamné est placé dans un trou et enterré jusqu'à la taille s'il est un homme et jusqu'au cou s'il est une femme. Il a la vie sauve s'il arrive à en sortir. Les pierres utilisées ne doivent être ni trop petites, ni trop grosses.

NEWS CORRELATE
4 Dicembre 2016
FIRENZE, ITALIA
A Firenze seduta solenne del Consiglio Regionale in occasione della Giornata internazionale "Città per la vita, contro la pena di morte" e Festa della Toscana, alle ore 11.00, presso il Teatro della Compagnia regionale

Riconoscimento alla Comunità di Sant'Egidio per l'impegno nella lotta alla pena capitale


Ha ritirato il premio il Prof. Adriano Roccucci, segretario generale della Comunità di Sant'Egidio
1 Dicembre 2016

dal Colosseo

1 Dicembre 2016
da Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte


Il 30 novembre è la Giornata mondiale delle città per la vita, iniziativa nata nel 2002 per abolire la pena capitale
30 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA
In occasione della Giornata delle Città per la Vita e dei 35 anni di abolizione della pena di morte in Francia

Parigi: 30 novembre, ore 19 Incontro per l'abolizione universale della pena di morte, Maison Victor Hugo, 6 Places de Vosges, Paris (Metro Bastille)


Con la Comunità di Sant'Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace, alla presenza altre personalità
30 Novembre 2016
LISBONA, PORTOGALLO
Insieme alla Comunità di Sant'Egidio

Lisbona è città per la vita, contro la pena di morte, appuntamento il 30 novembre ore 18, Arco da rua Augusta


Sono molte le città portoghesi che aderiscono alla Giornata delle città per la vita
29 Novembre 2016
BIELORUSSIA
Lo annuncia Andrei Paluda dell'Associazione Viasna. Con la Comunità di Sant'Egidio siamo vicini alla sua famiglia

Apprendiamo con dolore che condanna di Ivan Kulesh è stata eseguita in Bielorussia


Ivan è uno dei condannati per i quali stiamo inviando appelli urgenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

1 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati