Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
28 Febbraio 2009 | GIAPPONE

Japan

Un missionario italiano: "La mia battaglia contro la pena di morte

 
versione stampabile

Il Messaggero

«La mia battaglia contro il boia»

Un missionario italiano lotta per evitare la pena di morte a un ex Yakuza

di Stefania Viti

TOKYO Solo nel 2008 sono state 15 le persone giustiziate in Giappone. Il numero più alto nella storia recente dopo quello del 1975, l'anno horribilis in cui vennero eseguite ben 17 sentenze. Nonostante la risoluzione sulla moratoria (partita dall'Italia nel 1993) sia stata approvata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2007, il Giappone non sembra molto intenzionato ad ascoltare gli appelli internazionali. La moratoria ha infatti un valore non vincolante e il governo giapponese, forte di un'opinione pubblica la cui maggioranza è a favore della pena capitale, continua a trattare questo problema come una questione di legislazione interna e di giustizia piuttosto che di diritti umani, come invece vorrebbe la comunità internazionale. Il 2009 conta, dunque, già ben 4 esecuzioni, tre delle quali eseguite soltanto dopo appena tre anni dalla sentenza definitiva ed effettuate come sempre con il sistema dell'impiccagione. Un segnale negativo, dunque, visto che in Giappone il tempo di attesa tra la condanna e l'esecuzione è stato sinora, in media, di circa una decina d'anni. Le esecuzioni avvengono sempre senza preavviso, tanto che anche i parenti dei giustiziati vengono avvertiti solo a fatto avvenuto e, tranne il sabato e la domenica, ogni giorno potrebbe essere l'ultimo.

Tra i 95 detenuti che si trovano attualmente nel braccio della morte c'è anche Kawabuchi Masayoshi, un uomo di 33 anni reo di aver ucciso quattro persone nel 1994. Condannato in primo grado all'ergastolo, ha avuto la sentenza tramutata in pena capitale dalla Corte Alta (la nostra Corte d'Appello). Kawabuchi ha, dunque, fatto ricorso alla Corte Suprema (la nostra Corte di Cassazione) con la richiesta che la pena estrema venga trasformata di nuovo in ergastolo. Ad aiutare Masayoshi in questa richiesta c'è anche Giuliano Delpero, un missionario della Missione operaia San Pietro e Paolo - un piccolo ordine di 16 membri sparsi in tutto il mondo e riconosciuto dalla Chiesa nel 1966 - che si trova in Giappone dal 1984.

Giuliano sta portando avanti una raccolta di firme: «Ne abbiamo già raccolte 4.000 ma il nostro obiettivo è quello di arrivare a 10.000. Vorrei fare un appello a tutti coloro che credono che la pena di morte sia una ingiustizia e invitarli a scrivere a questo indirizzo e-mail: [email protected] per firmare la petizione e aiutare Masayoshi. Le firme devo pervenire entro la metà di marzo» spiega il missionario.

La storia di Masayoshi è molto triste, racconta Delpero che lo visita regolarmente in carcere. Abbandonato da entrambi i genitori in tenera età, cresce per strada. Entra giovanissimo a far parte del gruppo locale di Yakuza, la mafia giapponese, dove subisce violenze di ogni tipo. Arruolato come gregario, per cercare di emergere accetta di partecipare a missioni che termineranno nell'uccisione di quattro persone. «Masayoshi, che si è convertito al cattolicesimo, è oggi una persona pentita dei propri errori e cerca di fare del bene. Scrive regolarmente alle famiglie delle sue vittime chiedendo perdono. Ha inoltre fondato all'interno del carcere l'associazione “Mugi no Kai” (Il Gruppo del Frumento) che pubblica anche un giornale e cerca di aiutare i detenuti in difficoltà. Il caso di Masayoshi in Giappone è molto conosciuto continua Delpero . La stampa ne ha fatto un caso mediatico e lo ha trattato come una sentenza esemplare. Si tratta, infatti, del primo condannato a morte nonostante all'epoca di alcuni fatti non fosse maggiorenne. Siamo stupiti di constatare come la giustizia giapponese non tenga conto delle attenuanti sociali e dell'ambiente degradato nel quale è cresciuto questo ragazzo».

Dal prossimo maggio entrerà in vigore la riforma del codice penale giapponese, che prevede l'introduzione di una giuria popolare nei processi penali. Questo cambiamento potrà forse aiutare quel dibattito sociale sui diritti umani e la pena capitale che in Giappone stenta a emergere.

NEWS CORRELATE
4 Dicembre 2016
FIRENZE, ITALIA
A Firenze seduta solenne del Consiglio Regionale in occasione della Giornata internazionale "Città per la vita, contro la pena di morte" e Festa della Toscana, alle ore 11.00, presso il Teatro della Compagnia regionale

Riconoscimento alla Comunità di Sant'Egidio per l'impegno nella lotta alla pena capitale


Ha ritirato il premio il Prof. Adriano Roccucci, segretario generale della Comunità di Sant'Egidio
1 Dicembre 2016

dal Colosseo

1 Dicembre 2016
da Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte


Il 30 novembre è la Giornata mondiale delle città per la vita, iniziativa nata nel 2002 per abolire la pena capitale
30 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA
In occasione della Giornata delle Città per la Vita e dei 35 anni di abolizione della pena di morte in Francia

Parigi: 30 novembre, ore 19 Incontro per l'abolizione universale della pena di morte, Maison Victor Hugo, 6 Places de Vosges, Paris (Metro Bastille)


Con la Comunità di Sant'Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace, alla presenza altre personalità
30 Novembre 2016
LISBONA, PORTOGALLO
Insieme alla Comunità di Sant'Egidio

Lisbona è città per la vita, contro la pena di morte, appuntamento il 30 novembre ore 18, Arco da rua Augusta


Sono molte le città portoghesi che aderiscono alla Giornata delle città per la vita
29 Novembre 2016
BIELORUSSIA
Lo annuncia Andrei Paluda dell'Associazione Viasna. Con la Comunità di Sant'Egidio siamo vicini alla sua famiglia

Apprendiamo con dolore che condanna di Ivan Kulesh è stata eseguita in Bielorussia


Ivan è uno dei condannati per i quali stiamo inviando appelli urgenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati