Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
25 Aprile 2009 | CINA

China

Condanna a morte "sospesa" per un giovane tibetano. Probabilmente avrà salva la vita

 
versione stampabile

ANSA

TIBET: CONDANNA A MORTE SOSPESA PER UN GIOVANE RIBELLE

PECHINO, - Una condanna a morte 'sospesa' per due anni e' stata inflitta da un tribunale cinese ad un giovane tibetano per i moti dell'anno scorso a Lhasa. Lo ha scritto oggi il quotidiano Tibet Daily, che appartiene al Partito comunista cinese.

Il giovane e' stato ritenuto responsabile di un incendio nel quale sono morte sei persone. Altri due giovani, ritenuti i suoi complici dal tribunale, sono stati condannati uno all'ergastolo, l'altro a dieci anni di prigione. L'8 aprile scorso altre quattro condanne a morte, due delle quali sospese per due anni erano state comminate ad altri quattro giovani tibetani.

Le condanne a morte sospese vengono riconsiderate trascorso il periodo stabilito dal tribunale e in genere vengono tramutate in ergastolo.

L'anno scorso manifestazioni anticinesi si sono svolte a Lhasa a partire dal 10 marzo e fino alla fine di maggio. Il 14 marzo nella capitale giovani tibetani hanno attaccato i negozi degli immigrati cinesi. Nelle violenze, secondo la Cina, sono morte 22 persone: civili e poliziotti uccisi dai rivoltosi. I tibetani affermano che le vittime sono state almeno duecento e che settemila persone sono state arrestate. Finora sono state annunciate 81 sentenze, comprese quelle di cui ha dato notizia oggi il Tibet Daily.

 

AFP

Tibet: condamnation à mort avec sursis pour un émeutier de Lhassa

PEKIN - La justice chinoise a condamné à mort avec un sursis de deux ans un émeutier tibétain de Lhassa et infligé des peines de prison à deux autres pour avoir provoqué des incendies meurtriers en mars 2008 à Lhassa, a rapporté mardi l'agence Chine Nouvelle.

Penkyi a été reconnu coupable d'avoir le 14 mars 2008, lors des émeutes antichinoises, mis le feu à deux magasins, où six personnes ont trouvé la mort, selon l'agence, citant le Quotidien du Tibet.Deux de ses complices ont été condamnés à la prison à vie et à une peine de dix ans d'emprisonnement.

La peine capitale avec un sursis de deux ans est généralement commuée en peine de prison, si le condamné fait preuve de bonne conduite.

Au début du mois, la justice avait prononcé les deux premières condamnations à mort, sans sursis, envers des émeutiers de Lhassa également pour des incendies meurtriers.

Deux autres accusés avaient également écopé de la peine de mort avec un sursis de deux ans et un autre de la prison à perpétuité.

Les manifestations antichinoises avaient débuté le 10 mars à Lhassa, jour anniversaire du soulèvement contre la tutelle de Pékin de mars 1959, avant de prendre une tournure plus violente le 14 mars et de s'étendre à d'autres régions de Chine où vivent des minorités tibétaines.

Pékin avait accusé le dalaï lama, chef spirituel des Tibétains en exil en Inde, des les avoir fomentées pour saboter les jeux Olympiques de Pékin en août.

NEWS CORRELATE
21 Novembre 2017

Live concert al Colosseo per dire tutti insieme #PENADIMORTEMAI


Grande Concerto con Max Giusti e tanti amici dello spettacolo mentre più di 2000 città si illuminano
21 Novembre 2017
ROMA, ITALIA
Via di Campo di Marzio 78

10° Incontro Internazionale dei Ministri della giustizia ''Un mondo senza pena di morte''


Per partecipare al Convegno confermare entro venerdì 24 novembre 2017 telefonando al 39 06 585661 o scrivendo una email a [email protected]
19 Ottobre 2017

GRAZIE a quanti hanno firmato l'appello per Anthony Shore: stanotte la sua esecuzione è stata fermata. La raccolta firme continua


L'esecuzione rimandata di tre mesi
10 Ottobre 2017

Nella Giornata mondiale contro la pena di morte visitiamo i condannati più poveri in Africa


Pena di morte e povertà è il tema della Giornata di quest'anno. Il lavoro di Sant'Egidio nelle carceri africane in vista della Giornata delle Città per la Vita del 30 novembre
IT | EN
6 Ottobre 2017

Sosteniamo "the Pledge", l'appello lanciato da CMN ad impegnarsi per abolire la pena capitale, dando attuazione alle parole del Papa

30 Settembre 2017
STATI UNITI
"Dall'ira al perdono" questo fu il suo motto e il suo stile di vita

A un mese dalla scomparsa Sant’Egidio ricorda Ron Carlson, che ha speso la vita per l'abolizione della pena capitale


Ron Carlson è deceduto a Houston (Texas) il 1 settembre 2017 a seguito di un incidente stradale
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati