Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
2 Maggio 2009 | IRAN

Iran

Messa a morte Delara Darabi, minorenne al tempo dei fatti

 
versione stampabile

ANSA

PENA MORTE: IRAN; AMNESTY,DELARA DARABI E' STATA GIUSTIZIATA

ROMA, 1 MAG - E' stata giustiziata oggi in Iran Delara Darabi, la pittrice condannata a morte per un omicidio commesso a 17 anni. Lo rende noto Amnesty International sul proprio sito web.

L'organizzazione per la difesa dei diritti umani condanna l'esecuzione e accusa: ''Il suo avvocato non e' stato informato, nonostante l'obbligo di legge di ricevere la comunicazione 48 ore prima dell'esecuzione'', ha detto Hassiba Hadj Sahraoui, viceresponsabile di Amnesty per il Medio Oriente ed il Nord Africa.

''Questa sembra essere stata una cinica mossa da parte delle autorita' per evitare proteste interne ed internazionali, che avrebbero potuto salvare la vita di Delara'', ha aggiunto.

L'esecuzione e' avvenuta nonostante fosse stata accordata all'imputata, il 19 aprile scorso, una sospensione di due mesi della pena.

Delara Darabi e' stata riconosciuta colpevole di avere ucciso nel 2003 a scopo di rapina una parente con l'aiuto del suo ragazzo, condannato per questo a dieci anni di reclusione. Dopo l'arresto la ragazza confesso' di essere stata l'esecutrice materiale del delitto, ma durante il processo nego' ogni responsabilita', gettando le colpe sul giovane.

Amnesty International non considera il processo equo, e la corte si e' rifiutata di prendere in esame ulteriori prove, denuncia l'organizzazione.

L'esecuzione della pittrice porta a 140 il numero di persone giustiziate in Iran nel 2009. Si tratta della seconda donna.

 

Reuters

Iran hangs woman for murder committed when minor-report

TEHRAN, May 2 - Iran has executed a woman convicted of a murdering her father's cousin when she was 17, Iranian media reported on Saturday.

Human rights groups criticized Iran's execution on Friday of 23-year-old Delara Darabi in the northern city of Rasht.

"Delara Darabi, a painter charged with murder, was executed on Friday morning in Rasht prison without her lawyer and family being informed of her execution," the daily Etemad reported on Saturday.

The paper said Darabi had been in jail for five years and had initially confessed to the murder because she believed she would be pardoned as the crime was committed when she was a minor.

"Amnesty International is outraged at the execution of Delara Darabi, and particularly at the news that her lawyer was not informed about the execution," Amnesty said on its website.

Human rights groups have criticised Iran for sentencing minors to death. Iran says it only carries out the death penalty when a prisoner reaches the age of 18.

Iran has executed at least 42 juvenile criminals since 1990, including seven in 2007, according to the groups which say Saudi Arabia and Yemen are the only two other countries to do so.

Murder, rape, adultery, armed robbery, drug trafficking and apostasy are all punishable by death under Iran's sharia law.

Rights groups had praised Iran when it seemed to have ended the practice in October 2007. But a judiciary official later clarified Iran's position, saying juvenile offenders could still face execution for murder but not for other capital crimes.

Iran regularly rejects accusations of human rights abuses, saying it is following Islamic sharia and accusing Western governments of double standards.

(Editing by Matthew Jones)

 

AFP/Amnesty

Iran: exécution d'une jeune iranienne, mineure au moment du crime

NICOSIE, 1 mai 2009 - Une jeune iranienne condamnée à mort pour un meurtre commis quand elle était mineure a été exécutée vendredi, a annoncé Amnesty international en exprimant son "indignation".

Delara Darabi, qui a aujourd'hui 23 ans, avait été reconnue coupable d'avoir tué à l'âge de 17 ans la cousine de son père lors d'un cambriolage effectué avec un complice de 19 ans. La Cour suprême avait confirmé la sentence en 2007.

"Amnesty international est indignée par l'exécution de Delara Darabi et, particulièrement par les nouvelles selon lesquelles son avocat n'en a pas été informé", a déclaré l'adjointe de la directrice de l'organisation de défense des droits de l'Homme pour le Moyen-Orient et l'Afrique du Nord.

L'exécution a eu lieu vendredi matin dans la prison centrale de Rasht, au nord-est de Téhéran, en violation de la législation qui "prévoit que l'avocat doit être averti 48 heures à l'avance", a affirmé dans un communiqué Hassiba Hadj Sahraoui.

"Les autorités ont agit, semble-t-il de manière cynique pour éviter les protestations locales et internationales qui auraient pu sauver la vie de Delara Darabi", a-t-elle poursuivi.

Selon Amnesty, c'est la seconde personne à être exécutée cette année en Iran "après sa condamantion pour un crime qu'elle aurait commis avant ses 18 ans".

"Elle a été exécutée malgré une décision du chef de la justice qui lui a donné le 19 avril un sursis de deux mois à l'exécution", a-t-elle protesté. "Cela montre que même les décisions du chef de la justice ne sont pas respectées dans les provinces".

Le 16 avril, son avocat Abdolsamad Khoramshahi avait déclaré au quotidien Etemad que sa cliente serait exécutée dans quatre jours si la famille de la victime ne lui accordait pas son pardon.

En cas de condamnation à mort après un meurtre, seule la famille de la victime a pouvoir d'accorder le pardon en n'exigeant pas la "quissas" (rétribution).

M. Khoramshahi avait affirmé que sa cliente était innocente et fait état "d'erreurs" dans le traitement de son dossier par la justice.Delara Darabi avait reconnu le crime avant de se rétracter, affirmant alors avoir été droguée par son compagnon et avoir seulement été témoin du meurtre. Elle avait expliqué au tribunal pour mineur s'être d'abord accusée du meurtre car elle pensait ne pas pouvoir être condamnée à mort à cause de son âge.

Selon Amnesty, l'exécution de Darabi porte à "140 le nombre d'exécutions cette année en Iran".

Selon un décompte de l'AFP à partir de sources de presse, 74 personnes ont été exécutées en Iran depuis le début de l'année (sans compter Darabi).

Le meurtre, le viol, le vol à main armée, le trafic de drogue et l'adultère sont passibles de la peine de mort en Iran.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati