Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
26 Settembre 2009 | CINA

China

A Shangai potranno essere condannati a morte gli ubriachi che causano incidenti

 
versione stampabile

ANSA

CINA: SHANGHAI;PENA MORTE PER UBRIACHI CHE CAUSANO INCIDENTI

ROMA, - I conducenti ubriachi responsabili di gravi incidenti potranno essere condannati a morte. Lo ha annunciato il sito della polizia di Shanghai, avvertendo gli automobilisti che nei casi piu' gravi le autorita' giudiziarie potrebbero infliggere la pena capitale.

In una nota dal titolo ''Severe punizioni per i guidatori ubriachi'' e' specificato che chi si mette al volante con un tasso alcolemico superiore al consentito (in Cina 80 milligrammi) rischia il ritiro della patente per almeno tre mesi, una multa di 500 yuan (circa 50 euro) e, nei casi di incidenti piu' gravi, anche la pena di morte. Le pene, conclude la nota, saranno inflitte rapidamente e senza sconti.

La Cina ha visto negli ultimi tempi un aumento allarmante degli incidenti mortali provocati dall'abuso di alcol. La stampa locale ha sollevato un acceso dibattito dopo la condanna alla penna capitale inflitta a un trentenne di Chengdu (capoluogo della provincia del Sichuan), Sun Weiming, responsabile di un incidente che ha provocato lo scorso anno la morte di quattro
persone.

Il giovane, al quale e' stato riscontrato un tasso alcol emico di 135,8 milligrammi, aveva bevuto almeno otto bicchieri di baijiu (grappa cinese) senza preoccuparsi di dover poi guidare, secondo quanto riferito dagli amici che avevano cenato quella sera con lui.

L'accesa protesta dell'opinione pubblica sull'eccessiva gravita' della pena data a Sun e non prevista dalla legge ha spinto le autorita' a fare marcia indietro su quello che in Cina e' ormai noto come ''il primo caso di un ubriaco alla guida condannato a morte''.

I giudici hanno commutato la pena capitale con l'ergastolo, ma hanno anche aperto la strada a una possibile riforma della legge per la sicurezza stradale del 1997, giudicata da molti poco efficace.

 

China Daily

CHINA: Shanghai: Drunk drivers may face death penalty

Drunken drivers convicted of jeopardizing public safety can be sentenced to death in Shanghai, according to the Notice on Severely Punishing Drunken Driving by Shanghai police on their website.

Drivers convicted of drunken driving will have their licenses reovoked for at least three months and be fined 500 yuan ($72), the notice said.

The Shanghai police defined for the 1st time that drunken drivers, who have a laissez-faire attitude toward people's life and property when violating traffic rules, shall be convicted of "jeopardizing the public safety in a dangerous manner".

The most severe punishment for those offenders shall be the death penalty.

The notice said all drunken drivers have to be punished as severely and promptly as possible with no more lenient punishments.

NEWS CORRELATE
19 Ottobre 2017

GRAZIE a quanti hanno firmato l'appello per Anthony Shore: stanotte la sua esecuzione è stata fermata. La raccolta firme continua


L'esecuzione rimandata di tre mesi
10 Ottobre 2017

Nella Giornata mondiale contro la pena di morte visitiamo i condannati più poveri in Africa


Pena di morte e povertà è il tema della Giornata di quest'anno. Il lavoro di Sant'Egidio nelle carceri africane in vista della Giornata delle Città per la Vita del 30 novembre
IT | EN
6 Ottobre 2017

Sosteniamo "the Pledge", l'appello lanciato da CMN ad impegnarsi per abolire la pena capitale, dando attuazione alle parole del Papa

30 Settembre 2017
STATI UNITI
"Dall'ira al perdono" questo fu il suo motto e il suo stile di vita

A un mese dalla scomparsa Sant’Egidio ricorda Ron Carlson, che ha speso la vita per l'abolizione della pena capitale


Ron Carlson è deceduto a Houston (Texas) il 1 settembre 2017 a seguito di un incidente stradale
7 Luglio 2017
STATI UNITI
Dopo una vasta campagna mondiale basata sulla preoccupazione per la sua salute mentale e sulla richiesta di abolizione della pena di morte

Apprendiamo con dolore che in Virginia ha avuto luogo l'esecuzione di William Morva


William Morva, 35 anni, è morto alle 9.15 di giovedì nel centro correttivo di Greensville a Jarratt, in Virginia
24 Giugno 2017
STATI UNITI

Comunità di Sant'Egidio: a Washington per rafforzare l'impegno contro la pena di morte

tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

9 visite

15 visite

9 visite

9 visite
tutta i media correlati