Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
26 Settembre 2009 | CINA

China

A Shangai potranno essere condannati a morte gli ubriachi che causano incidenti

 
versione stampabile

ANSA

CINA: SHANGHAI;PENA MORTE PER UBRIACHI CHE CAUSANO INCIDENTI

ROMA, - I conducenti ubriachi responsabili di gravi incidenti potranno essere condannati a morte. Lo ha annunciato il sito della polizia di Shanghai, avvertendo gli automobilisti che nei casi piu' gravi le autorita' giudiziarie potrebbero infliggere la pena capitale.

In una nota dal titolo ''Severe punizioni per i guidatori ubriachi'' e' specificato che chi si mette al volante con un tasso alcolemico superiore al consentito (in Cina 80 milligrammi) rischia il ritiro della patente per almeno tre mesi, una multa di 500 yuan (circa 50 euro) e, nei casi di incidenti piu' gravi, anche la pena di morte. Le pene, conclude la nota, saranno inflitte rapidamente e senza sconti.

La Cina ha visto negli ultimi tempi un aumento allarmante degli incidenti mortali provocati dall'abuso di alcol. La stampa locale ha sollevato un acceso dibattito dopo la condanna alla penna capitale inflitta a un trentenne di Chengdu (capoluogo della provincia del Sichuan), Sun Weiming, responsabile di un incidente che ha provocato lo scorso anno la morte di quattro
persone.

Il giovane, al quale e' stato riscontrato un tasso alcol emico di 135,8 milligrammi, aveva bevuto almeno otto bicchieri di baijiu (grappa cinese) senza preoccuparsi di dover poi guidare, secondo quanto riferito dagli amici che avevano cenato quella sera con lui.

L'accesa protesta dell'opinione pubblica sull'eccessiva gravita' della pena data a Sun e non prevista dalla legge ha spinto le autorita' a fare marcia indietro su quello che in Cina e' ormai noto come ''il primo caso di un ubriaco alla guida condannato a morte''.

I giudici hanno commutato la pena capitale con l'ergastolo, ma hanno anche aperto la strada a una possibile riforma della legge per la sicurezza stradale del 1997, giudicata da molti poco efficace.

 

China Daily

CHINA: Shanghai: Drunk drivers may face death penalty

Drunken drivers convicted of jeopardizing public safety can be sentenced to death in Shanghai, according to the Notice on Severely Punishing Drunken Driving by Shanghai police on their website.

Drivers convicted of drunken driving will have their licenses reovoked for at least three months and be fined 500 yuan ($72), the notice said.

The Shanghai police defined for the 1st time that drunken drivers, who have a laissez-faire attitude toward people's life and property when violating traffic rules, shall be convicted of "jeopardizing the public safety in a dangerous manner".

The most severe punishment for those offenders shall be the death penalty.

The notice said all drunken drivers have to be punished as severely and promptly as possible with no more lenient punishments.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

1 visite

0 visite

7 visite

6 visite

7 visite
tutta i media correlati