Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
13 Ottobre 2009 | VATICANO, COLOMBIA

Città del Vaticano

Dal Sinodo per l'Africa appello all'abolizione della pena di morte

 
versione stampabile

Adnkronos

PENA DI MORTE: SINODO AFRICA, FORTE DIBATTITO PER ABOLIZIONE TOTALE

 

Citta' del Vaticano, 12 ott. - ''Io, ma non solo io, ho lanciato qui nel Sinodo, anche qualche giorno fa, nella discussione libera, il tema della pena di morte perche' il Sinodo ne faccia un punto fermo per tutto il continente''. E' quanto ha detto alla Radio Vaticana, mons. Giorgio Biguzzi vescovo di Makeni, in Sierra Leone, e presidente della conferenza episcopale del Paese.

 

''In Sierra Leone - ha aggiunto - c'e' nella legge la possibilita' della pena di morte. Il guaio e' che e' stata usata da regimi passati, spesso come un sistema per eliminare gli avversari politici. Mai la dottrina della Chiesa ha voluto questo: la pena di morte non e' ammissibile''. Mons. Biguzzi ha ricordato che il no della Chiesa alla pena di morte ''viene recepito da gran parte dei cattolici nel continente. C'e' pero', devo riconoscerlo, un certo gruppo che pensa, ritiene che per i crimini piu' gravi sia una 'giusta retribuzione', per cosi' dire''.

 

Un'idea che trova consenso anche fra i cattolici: ''Anche tra i cattolici c'e' chi la pensa cosi'. La commissione giustizia e pace, nelle proprie raccomandazioni fatte al governo della Sierra Leone, ha chiesto l'abolizione della pena di morte. Pero', appena e' stato pubblicato il rapporto della commissione, c'e' stata una risposta dal governo in carica all'epoca che diceva: 'No, non possiamo accettare l'abolizione della pena di morte per tutti i crimini. Per alcuni, molto gravi, la conserviamo'. Quindi non c'e' ricezione generale di questo messaggio, che venga abolita in maniera completa''.

 

Asca

SINODO AFRICA: DA VESCOVI APPELLO PER ABOLIZIONE TOTALE PENA DI MORTE

Citta' del Vaticano, 12 ott - Un appello ''inequivocabile'' per l'abolizione, ''totale e universale'', della pena di morte: e' quanto sta emergendo dai lavori del Sinodo dei vescovi sull'Africa, secondo quanto riferisce la Radio Vaticana. ''Io - ma non solo io - ho lanciato qui nel Sinodo, anche qualche giorno fa, nella discussione libera, questo tema perche' il Sinodo ne faccia un punto fermo per tutto il continente'', riferisce ad esempio il vescovo di Makeni, in Sierra Leone, e presidente della conferenza episcopale nel paese, mons. Giorgio Biguzzi. ''In Sierra Leone - racconta - c'e' nella legge la possibilita' della pena di morte. Il guaio e' che e' stata usata da regimi passati, spesso come un sistema per eliminare gli avversari politici. Mai la dottrina della Chiesa ha voluto questo: la pena di morte non e' ammissibile''.

Tuttavia, ammette il presule, anche tra i cattolici c'e' ''''un certo gruppo che pensa, ritiene che per i crimini piu' gravi sia una ''giusta retribuzione'', per cosi' dire''.

 

Ansa

SINODO AFRICA: APPELLO VESCOVI PER ABOLIZIONE PENA MORTE

CITTA' DEL VATICANO, 12 OTT - Un appello inequivocabile per l'abolizione, totale e universale, della pena di morte: i vescovi cattolici, riuniti nel Sinodo sull'Africa in Vaticano, hanno ribadito e ricordato che la voce della Chiesa e' quanto mai necessaria di fronte a crimini come i trattamenti brutali dei prigionieri di guerra, l'uccisione di civili nei conflitti, il reclutamento dei bambini-soldato. La proposta per l'abolizione della pena di morte e' partita dal vescovo di Makeni, in Sierra Leone, e presidente della conferenza episcopale nel paese, mons. Giorgio Biguzzi. ''In Sierra Leone - ha spiegato ai microfoni della Radio Vaticana - c'e' nella legge la possibilita' della pena di morte. Il guaio e' che e' stata usata da regimi passati, spesso come un sistema per eliminare gli avversari politici. Mai la dottrina della Chiesa ha voluto questo: la pena di morte non e' ammissibile. Io - ma non solo io - ho lanciato qui nel Sinodo, anche qualche giorno fa, nella discussione libera, questo tema perche' il Sinodo ne faccia un punto fermo per tutto il continente. (ANSA).

 

 

Radio Vaticana

Dal Sinodo per l'Africa l'appello all'abolizione della pena di morte e la denuncia dei golpe silenziosi. Intervista con mons. Biguzzi

I colpi di Stato “silenziosi” e l’esigenza di un “buon governo” hanno dominato, stamani, l’undicesima Congregazione generale del secondo Sinodo dei Vescovi per l’Africa, in corso in Vaticano sui temi della riconciliazione, la giustizia e la pace. Alla presenza di Benedetto XVI, i presuli hanno riflettuto anche sui temi della migrazione interna e sui rapporti con le religioni tradizionali africane. In chiusura dei lavori, poi, l’Aula del Sinodo ha ribadito l’appello per l’abolizione totale della pena di morte. Il servizio di Isabella Piro:

Un appello inequivocabile per l’abolizione, totale e universale, della pena di morte: l’Aula del Sinodo lo ribadisce e ricorda che la voce della Chiesa è quanto mai necessaria di fronte a crimini come i trattamenti brutali dei prigionieri di guerra, l’uccisione di civili nei conflitti, il reclutamento dei bambini-soldato. La strada della riconciliazione, dicono i Padri Sinodali, passa attraverso il rifiuto di simili violenze perché la guerra non è una giustificazione per i crimini contro l’umanità.
 
Partendo poi dal caso del Sud Africa, il Sinodo riflette sui colpi di Stato “silenziosi”, quelli perpetrati da partiti magari eletti regolarmente dal popolo, ma che poi non ne ascoltano la voce, si identificano totalmente con lo Stato, non vogliono un’alternanza democratica al potere. Per questo, viene ribadita l’urgenza di riforme per un sistema di giustizia equo, perché il “buon governo” non è solo una priorità, ma una necessità.
 
E in quest’ambito, la Chiesa ha il diritto di far sentire la propria voce: non si tratta di interferenza nel campo politico, dicono i Padri Sinodali, perché la Chiesa parla in difesa dei diritti degli uomini, figli di Dio. I pastori non vogliono prendere il posto degli economisti o dei politici, ma solo aiutare tutti i fedeli a vivere una vita più autenticamente cristiana.
 
Quindi, il Sinodo per l’Africa guarda alle migrazioni interne che coinvolgono almeno 40 milioni di persone e auspica che tutte le Conferenze episcopali africane si dotino di una pastorale per la mobilità umana, coinvolgendo anche chi è migrato all’estero, ha trovato un lavoro ed ora può aiutare il proprio Paese d’origine. Centrale anche l’attenzione alle religioni tradizionali africane, che costituiscono la matrice per forgiare una cultura di riconciliazione.
 
Poi, dai Padri Sinodali arrivano alcuni suggerimenti: istituire un fondo di solidarietà diocesano, regionale e continentale, gestito dalla Caritas, che aiuti l’Africa svincolandola dagli aiuti dell’Occidente; creare Facoltà universitarie per la pace e la riconciliazione; promuovere la devozione alla Divina Misericordia che può favorire il dialogo con l’Islam.
 
E ancora: i presuli chiedono una riflessione attenta sul drammatico fenomeno della stregoneria, che vede molte persone discriminate, isolate, vittime di violenze perché accusate di poteri sovrannaturali. E attenzione viene richiesta anche per i giovani così che, attraverso una maggiore diffusione della Dottrina Sociale della Chiesa, imparino a lavorare per la pace. I piani pastorali, inoltre, dovrebbero assegnare un posto più importante al sacramento della riconciliazione.
 
Spazio, poi, a donne e bambini: per le prime si richiede un maggior coinvolgimento nelle Commissioni Giustizia e Pace, mentre per i secondi, soprattutto per gli orfani di guerra, si auspica una sempre maggiore accoglienza in tutte le strutture ecclesiastiche, poiché troppo spesso questi piccoli hanno soltanto la Chiesa da chiamare “Madre”.
 
Infine, i Padri Sinodali guardano avanti e suggeriscono che l’Assemblea Speciale per l’Africa si concentri sulla formazione dei sacerdoti perché il futuro di questo continente dipende anche da loro.
 
E come abbiamo sentito stamani è stato lanciato un appello per l’abolizione della pena di morte. La proposta è partita dal vescovo di Makeni, in Sierra Leone, e presidente della conferenza episcopale nel paese, mons. Giorgio Biguzzi. Ascoltiamolo al microfono di Paolo Ondarza.

R. – In Serria Leone c’è nella legge la possibilità della pena di morte. Il guaio è che è stata usata da regimi passati, spesso come un sistema per eliminare gli avversari politici. Mai la dottrina della Chiesa ha voluto questo: la pena di morte non è ammissibile. Io – ma non solo io – ho lanciato qui nel Sinodo, anche qualche giorno fa, nella discussione libera, questo tema perché il Sinodo ne faccia un punto fermo per tutto il continente.
 
D. – Come viene recepito il no della Chiesa alla pena di morte nel suo Paese?
 
R. – Io penso che la gran parte dei nostri cattolici lo accettano e lo vogliono. C’è però – devo riconoscerlo – un certo gruppo che pensa, ritiene che per i crimini più gravi sia una “giusta retribuzione”, per così dire.
 
D. – Anche tra i cattolici?

R. – Anche tra i cattolici c’è chi la pensa così. La Commissione Giustizia e Pace, nelle proprie raccomandazioni fatte al governo della Sierra Leone, ha chiesto l’abolizione della pena di morte. Però, appena è stato pubblicato il rapporto della Commissione, c’è stata una risposta dal governo in carica all’epoca che diceva: “No, non possiamo accettare l’abolizione della pena di morte per tutti i crimini. Per alcuni, molto gravi, la conserviamo”. Quindi non c’è ricezione generale di questo messaggio, che venga abolita in maniera completa.
 
D. – Nel suo intervento, lei ha formulato una proposta che ha ricevuto anche molti consensi …
 
R. – Sì: una proposta rivolta alle Chiese dell’Europa e del Nord America. Questo lo sento molto. Ho visto che gli altri vescovi sono d’accordo, e sono loro molto grato. Perché l’evangelizzazione e la crescita della Chiesa nell’Africa sub-sahariana la si deve all’aiuto in personale e in mezzi da parte delle Chiese dell’Occidente. Oggigiorno, però, queste Chiese intervengono e fanno progetti di sviluppo con i loro uffici. Questo è l’appello che voglio rivolgere, proprio cordialmente, umilmente. Io dico: perché fare questi progetti di sviluppo creando altre organizzazioni parallele a noi, e non invece attraverso le nostre Caritas o attraverso i nostri uffici diocesani di sviluppo, attraverso le nostre Commissioni di Giustizia e Pace?
 
D. – Dall’Aula del Sinodo lei ha rivolto un appello: che il Papa venga a visitare la Sierra Leone.
 
R. – Noi abbiamo già fatto domanda ufficiale attraverso i canali propri, cioè attraverso il nunzio e abbiamo ricevuto risposta che la domanda è arrivata a Roma. Noi speriamo che venga a confermarci nella fede e a gioire, anche, dell’ospitalità e della cordialità e della vitalità della nostra piccola Chiesa.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati