Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
3 Novembre 2009 | MONGOLIA

Mongolia

Una condanna a morte ridotta a carcere ordinario

 
versione stampabile

Ulan Baator Post

Mongolian Death Row Inmate Gets Commuted

Last week, Amnesty International has welcomed the news that Mongolian prisoner Buuveibaatar has had his death sentence commuted after received a pardon by the Formal President of Mongolia, Ts. Elbegdorj.

The 33-year-old man was found guilty of murdering his ex-girlfriend’s new boyfriend, in January 2008. His father claims the crime was committed in self-defense.

“We applaud President Elbegdorj’s pardon, but it’s only a first step”, says Sam Zarifi, Director of Amnesty International’s Asia-Pacific Program.

“Mongolian government should introduce a moratorium on the death penalty, and commute the sentences for everyone currently on the death row in Mongolia.”

Buuveibaatar was sentenced to death by the Bayangol District Court of Ulaanbaatar, on August 1, 2008.

The day after the murder, Buuveibaatar was arrested and taken to Bayangol District police station, where he was interrogated overnight without access to a lawyer. His father says that Buuveibaatar confessed the crime after torture during interrogation.

Amnesty International called for pardon in July 2009. “Buuveibaatar had exhausted all his means of appeal and his life could only be spared pursuant to a presidential pardon. He will continue to serve a prison sentence.” A. I. said.

At least five people were executed in 2008 in Mongolia, where all aspects of the death penalty are classified as state secrets.

The families and lawyers of those on death row receive no prior notification of the execution, and the bodies of those executed never return to their families. Conditions on death row are extremely basic.

“Amnesty International calls the government to promptly implement all required measures to move towards abolition of the death penalty, as stated in The National Human Rights Action Program of Mongolia”, added Sam Zarifi.

NOTIZIE CORRELATE
17 Novembre 2019
Buona notizia!

Usa, sospesa in Texas l'esecuzione di Rodney Reed! Ringraziamo tutti coloro che hanno inviato petizioni


La pena di morte è una strada senza ritorno, molti condannati sono poi stati riconosciuti innocenti ed estranei ai fatti #NoDeathPenalty
27 Ottobre 2019
Ruben NON verrà eseguito il 30 ottobre!

Buona notizia! La Corte d'Appello del Texas ha concesso una sospensione dell'esecuzione a Ruben Gutierrez


Ringraziamo tutti quelli che hanno inviato l'appello per Ruben
8 Ottobre 2019
RINGRAZIAMO TUTTI COLORO CHE HANNO INVIATO PETIZIONI E CONTRIBUITO ALLA GIUSTIZIA

L'ESECUZIONE DI RANDY HALPRIN E' STATA SOSPESA! RIPRENDEREMO A MANDARE APPELLI SE SARA' NECESSARIO


ERA PREVISTA PER IL 10 OTTOBRE 2019 GIORNATA MONDIALE CONTRO LA PENA DI MORTE
6 Settembre 2019
STATI UNITI

Nonostante le migliaia di appelli l’esecuzione di Bill Crutsinger ha avuto luogo. Dolore e sdegno per questo orrore


Grazie a tutti quelli che hanno inviato appelli e che continueranno a lottare con noi
16 Agosto 2019

Sospesa - per la seconda volta - l'esecuzione di Dexter Johnson in Texas. Grazie a tutti coloro che hanno aderito all'appello in suo favore

3 Maggio 2019
GEORGIA
E' stata la prima esecuzione in Georgia nel 2019, la precedente il 4 maggio di un anno fa

L'esecuzione di Scotty Morrow è purtroppo avvenuta. Preghiamo per lui e continuiamo a lottare per l'abolizione della pena di morte, perché non c'è giustizia senza vita


Gli appelli esauriti, la clemenza negata. Scotty ha chiesto ancora perdono ai familiari delle vittime
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

1 visite
tutta i media correlati