Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
19 Novembre 2009 | RUSSIA

Russia

La moratoria proseguirà, in vista della totale abolizione della pena di morte

 
versione stampabile

Interfax

Russian Constitutional Court outlaws death penalty foreverm

ST.  PETERSBURG.  Nov  19 - The Constitutional Court has banned death  penalty  in  Russia  forever,  a source at the court press office told Interfax on Thursday.

"This is not the extension of the death penalty moratorium. This is a permanent ban," he said.

The  Constitutional Court ruled that Russian courts would not apply death penalty  after  January  1,  2010, when the last constituent – the Chechen Republic - acquired the right to jury trials.

 

 

AP

Russian court extends moratorium on death penalty

By IRINA TITOVA  ST.PETERSBURG, Russia - Russia's Constitutional Court effectively outlawed the death penalty Thursday, saying that a moratorium on capital punishment should remain in force until the nation fully bans executions.

Constitutional Court chief Valery Zorkin said that Russia must extend the moratorium on executions until it ratifies a European convention banning the death penalty.

Russia announced a moratorium on capital punishment when it joined the Council of Europe in 1996 and pledged to abolish it, but has not done so.

The Kremlin-controlled parliament has been reluctant to fully outlaw executions, due to broad public support for the death penalty.

Persistent violence in the North Caucasus region has prompted some to demand the death penalty for those involved in terrorism, and there is also public pressure for convicted serial killers, murderers and child abusers to be executed.

But reviving capital punishment would harm relations with the EU and undermine Kremlin claims that Russia is no less modern than European countries. President Dmitry Medvedev has spoken out about the importance of the rule of law and basic human values.

«The State Duma hasn't yet ratified the protocol banning capital punishment because many in Russia support the death penalty,» said Mikhail Krotov, Medvedev's envoy to the Constitutional Court. «The society needs more time to ban the death penalty. But the government structures support a ban on capital punishment.» The court's ruling came as an earlier moratorium on death penalty imposed in 1999 was to lose its legal foundation in January, when jury trials are to be introduced in Chechnya.

The moratorium had specified that courts must not hand out death sentences until jury trials are available in all of Russia's provinces. Chechnya is the only province where they have not been introduced.

The court specifically said Thursday that the introduction of jury trials in all regions of Russia «doesn't create conditions for using the death penalty.»

 

 

Ansa

PENA DI MORTE: RUSSIA,MORATORIA PROSEGUE ANCHE DOPO 1/1/201O IN VIGORE DAL 1996 CON DECRETO IELTSIN. VERSO ABOLIZIONE

 MOSCA, 19 NOV - In Russia la moratoria sull'applicazione della pena di morte proseguira' anche dopo il primo gennaio prossimo, con l'obiettivo molto probabile di una sua completa abolizione. E' quanto ha stabilito oggi la Corte costituzionale, che ha lasciato chiaramente intendere la volonta' di eliminare la pena capitale dall'ordinamento giudiziario russo.

La moratoria e' in atto in Russia dal 1996, quando l'allora presidente Boris Ieltsin emano' un decreto al riguardo, per favorire l'adesione della Russia al Consiglio d'Europa.

Nel febbraio 1999 la Corte costituzionale aveva vietato di pronunciare condanne a morte fino a quando in tutto il paese non fosse stato completato l'insediamento di corti d'assise e di giurie popolari. La Cecenia, ultima regione della Federazione russa a essere ancora priva di tali organismi giudiziari, li istituira' a partire dal prossimo primo gennaio.

Per questo a fine ottobre la Corte suprema aveva chiesto alla Corte costituzionale di decidere se i Tribunali russi avrebbero potuto nuovamente pronunciare condanne a morte dal prossimo primo gennaio.

L'Alta Corte ha deciso oggi che la moratoria proseguira', affermando che l'introduzione su tutto il territorio del paese delle giurie popolari ''non da' il via libera all'applicazione della pena di morte, anche sulla base di sentenze pronunciate da giurie popolari''.

''La Corte costituzionale ha con cio' posto il punto finale nel dibattito sulla sorte futura della pena capitale'', ha detto a Interfax Pavel Odintsov, portavoce dell'Alta Corte.

Il presidente della Corte,Valeri Zorkin, ha motivato la decisone riferendosi tra l'altro a una serie di norme internazionali sottoscritte anche da Mosca e che vietano o raccomandano di vietare l'applicazione della pena di morte.

La Russia ha firmato nel 1996 il protocollo numero 6 ella Convenzione europea sui diritti dell'uomo relativa all'abolizione della pena di morte, ma il parlamento non lo ha ancora ratificato.

Oggi il presidente della Duma (Camera bassa del parlamento), Boris Gryzlov, commentando il verdetto del'Alta Corte, ha definito peraltro ''irreale'' l'ipotesi di una ratifica entro la fine del'anno. (ANSA).

 

EFE

Activistas aplauden prohibición de pena capital vista como decisión política

Moscú, 19 nov - Activistas de los derechos humanos alabaron el veredicto por el que el Tribunal Constitucional de Rusia (TC) prohibió hoy definitivamente la pena capital en cumplimiento de los compromisos del país con el Consejo de Europa.

"Esperaba que esto ocurriera. Estoy muy contenta con ese fallo, porque se corresponde con la Constitución de Rusia y los compromisos internacionales asumidos por el país", declaró la dirigente del Grupo de Helsinki de Moscú, Liudmila Alexéyeva.

La veterana activista subrayó que la sentencia es "lógica y correcta", porque "vivimos en el siglo XXI" y porque "los países europeos ya no aplican la pena de muerte".

"Con nuestro sistema judicial y nuestras costumbres no se puede permitir la pena capital, pues podría haber casos de castigos inmerecidos por error", dijo Alexéyeva a la agencia Interfax.

El Defensor del Pueblo ruso, Vladímir Lukin, señaló que "no dudaba de la sentencia que emitiría el Tribunal Constitucional".

"He declarado en reiteradas ocasiones que la pena de muerte debía ser prohibida y que existen convincentes razones para hacerlo oficialmente en Rusia", puntualizó.

El TC falló hoy que Rusia no puede reanudar la aplicación de la pena de muerte conforme a las obligaciones asumidas a su adhesión al Consejo de Europa.

La sentencia responde a una interpelación del Tribunal Supremo relativa a la posibilidad de reanudar la aplicación de la pena de muerte a partir del 1 de enero de 2010, tras la introducción de jurados populares en todos los entes federados del país.

Sobre la aplicación de la pena de muerte en Rusia pende desde 1996 una moratoria, condición impuesta por el Consejo de Europa para aceptar a Rusia en su seno, aunque ésta firmó pero nunca ratificó el protocolo número 6 de la Convención Europea de Derechos Humanos, que prohíbe la pena capital.

Pável Krashenínnikov, jefe del comité de Legislación de la Duma rusa, explicó que, aunque Rusia tarde en adherirse a la Convención Europea, la pena capital en el país ya no podrá aplicarse, pues el derecho internacional prohíbe hacerlo en el período comprendido entre la firma y la ratificación del protocolo número seis.

El politólogo Gleb Pavlovski opinó que el veredicto del TC es reflejo de la postura solidaria adoptada en este asunto por toda la clase política, pese a que la mayoría de los habitantes, más de un 70 por ciento, está a favor de la pena capital, según sondeos.

"Supongo que todos los grupos políticos se han puesto de acuerdo en que la pena de muerte en Rusia es imposible. Creo que esa postura la comparten todas las fracciones de la clase política gobernante, por lo que la decisión jurídica acompaña a la política", manifestó.

Durante las audiencias del TC, el Kremlin, el Gobierno, el Parlamento y la Fiscalía abogaron por mantener la moratoria a la pena de muerte y por la ulterior supresión definitiva de la pena capital.

Pavlovski subrayó que la sentencia responde a la necesidad de que Rusia cumpla con los compromisos internacionales asumidos, pues "hoy es imposible vivir en Europa y aplicar la pena capital", indicó.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

7 visite

6 visite

7 visite
tutta i media correlati