Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
3 Dicembre 2009 | COREA DEL SUD

North Korea

Esuli rivelano: condanne a morte a ladri per fame

 
versione stampabile

Asia News

Pyongyang tightens grip: death even for those who steal rice

The North Korean regime has radically changed its Penal Code, which now provides for the death penalty for those who steal half sack of rice. The news was revealed by exiles from the north who have sought refuge in the southern part of the peninsula and who speak of a climate of terror that is increasing with every passing day.

In fact, the Supreme Court of the government led by Kim Jong-il has not changed its penal law: instead it has published - giving it the force of law - an "addendum" that provides "new additional penalties for crimes already punishable under the normal code”. For example, the smuggling or counterfeiting of currency, which until last year was punished with a prison sentence of ten years, now leads directly to the scaffold. The Addendum dates back to 2007, but its existence was made public only in recent days.

This is because, say the dissidents, the government was not convinced of the need to enact it. After the famine last year, and especially after the halt to international humanitarian aid after Pyongyang's nuclear test, there has been a dramatic increase in crimes committed in the territory. Statistics, says an interlocutor, anonymous for security reasons, "speak of an increase of 40%, but do not take into account the fact that now stealing even a bowl of rice is considered a serious crime."

In a further effort to discourage "crime", the North Korean government has decided to increase the number of public executions, to which the population is forced to assist by public security. Furthermore, the added penalties provide that - in case of flagrant offences - the death sentence "may be practiced without due process."

Professor Park Jung-won, of the South Korean Kookmin University, explains: "These changes are intended to preserve, through the law, the opportunity to punish not only the worst offenders but also ordinary ones. In this way, the North Korean authorities can also get rid of those who, until now, were ordinary citizens. Trials are no longer needed, its enough to point a finger at someone. "

NEWS CORRELATE
4 Dicembre 2016
FIRENZE, ITALIA
A Firenze seduta solenne del Consiglio Regionale in occasione della Giornata internazionale "Città per la vita, contro la pena di morte" e Festa della Toscana, alle ore 11.00, presso il Teatro della Compagnia regionale

Riconoscimento alla Comunità di Sant'Egidio per l'impegno nella lotta alla pena capitale


Ha ritirato il premio il Prof. Adriano Roccucci, segretario generale della Comunità di Sant'Egidio
1 Dicembre 2016

dal Colosseo

1 Dicembre 2016
da Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte


Il 30 novembre è la Giornata mondiale delle città per la vita, iniziativa nata nel 2002 per abolire la pena capitale
30 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA
In occasione della Giornata delle Città per la Vita e dei 35 anni di abolizione della pena di morte in Francia

Parigi: 30 novembre, ore 19 Incontro per l'abolizione universale della pena di morte, Maison Victor Hugo, 6 Places de Vosges, Paris (Metro Bastille)


Con la Comunità di Sant'Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace, alla presenza altre personalità
30 Novembre 2016
LISBONA, PORTOGALLO
Insieme alla Comunità di Sant'Egidio

Lisbona è città per la vita, contro la pena di morte, appuntamento il 30 novembre ore 18, Arco da rua Augusta


Sono molte le città portoghesi che aderiscono alla Giornata delle città per la vita
29 Novembre 2016
BIELORUSSIA
Lo annuncia Andrei Paluda dell'Associazione Viasna. Con la Comunità di Sant'Egidio siamo vicini alla sua famiglia

Apprendiamo con dolore che condanna di Ivan Kulesh è stata eseguita in Bielorussia


Ivan è uno dei condannati per i quali stiamo inviando appelli urgenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati