Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
23 Dicembre 2009 | IRAN

Iran

Messo a morte il minorenne Mosleh Zamani. E' il quinto quest'anno

 
versione stampabile

Avvenire

Iran, impiccato «minorenne»: è il quinto nel 2009

TEHERAN. Un giovane iraniano, Mosleh Zamani, è stato impiccato dopo essere stato condannato a morte per uno stupro che avrebbe commesso quando era minorenne. Zamani era stato condannato a morte nel 2006, quando aveva 17 anni.

  L’anno dopo la Corte suprema aveva confermato la sentenza.

  Nel luglio scorso, quando l’esecuzione sembrava ormai imminente, il condannato era stato trasferito dal carcere della sua città, Sanandaj, a quello di Kermanshah, dopo che parenti e amici del giovane avevano inscenato una manifestazione per chiedere di annullare la sentenza capitale. La notizia dell’esecuzione è stata riferita da diversi siti riformisti iraniani, che hanno anche sottolineato che la presunta vittima della violenza, una donna più matura con la quale Zamani aveva una relazione, aveva affermato che i rapporti sessuali tra loro erano stati consenzienti e aveva quindi chiesto ai giudici di risparmiargli la vita. Amnesty International, che ha chiesto inutilmente all’Iran di non eseguire la sentenza capitale, ha condannato l’impiccagione, affermando che Zamani è il quinto giovane giustiziato nel 2009 dopo essere stato condannato per un reato commesso quando aveva meno di 18 anni. L’esecuzione è avvenuta giovedì scorso nel carcere Dizel Abad della città di Kermanshah, nell’ovest dell’Iran.

  Oltre a Zamani, secondo i siti che hanno diffuso la notizia, altre quattro persone sono state impiccate lo stesso giorno nello stesso carcere, ma non se ne conoscono i nomi né i reati per i quali erano state condannate. Secondo Amnesty International, sono non meno di 46 a partire dal 1990 le persone messe a morte in Iran dopo essere state condannate per reati commessi quando erano minorenni. Una pratica che continua, nonostante sia proibita dalla Convenzione internazionale per i diritti del fanciullo, alla quale la Repubblica islamica aderisce. Lo scorso anno, sempre secondo Amnesty, sono state 346 le esecuzioni capitali avvenute nella Repubblica islamica. ( A.E.)

 Mosleh Zamani fu accusato di stupro a 17 anni. La sua presunta vittima ha cercato inutilmente di salvargli la vita

NEWS CORRELATE
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
10 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO

Dichiarazione finale del Congresso Regionale in Abidjan


La svolta africana: umanizzare le carceri e abolire la Pena di Morte
9 Aprile 2018
COSTA D'AVORIO
E' il terzo Congresso Regionale contro la pena capitale. Grande l'interesse, si sono iscritte oltre 300 persone

Il Congresso Regionale delle Associazioni Abolizioniste del mondo in Costa d'Avorio il 9 e 10 aprile 2018


La sessione plenaria del 10 Aprile dal titolo “Pena di morte, povertà, condizioni carcerarie: da una Giornata Mondiale all'altra” sarà presieduta da Annemarie Pieters (al centro nella foto)
23 Febbraio 2018
STATI UNITI

Lo stato della Florida ha portato a compimento l'esecuzione letale di Branch, nella prigione statale della Florida a Raiford


Branch, che era nel braccio della morte da quasi 25 anni, è stato dichiarato morto per un'iniezione letale alle 6:05 del pomeriggio
23 Febbraio 2018
STATI UNITI

Il governatore Greg Abbott ha commutato in pena a vita Thomas Whitacker


Il governatore ha ha accettato la raccomandazione rara e unanime del Texas Board of Pardons and Parole di concedere la grazia Thomas, condannato a morte, la cui esecuzione doveva avere luogo ieri
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

9 visite

5 visite

5 visite

6 visite

8 visite
tutta i media correlati