Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
2 Gennaio 2010 | GIAPPONE

Japan

Nel braccio della morte a 83 anni, chiede un nuovo processo

 
versione stampabile

Mainichi Daily News

83-year-old death row inmate looks for one last chance at retrial for 1961 murders

An 83-year-old man on death row for killing five people with poisoned wine in 1961 has spoken to the Mainichi as he appeals to the Supreme Court for a new trial.

"I'm already an old man," said Masaru Okunishi through an intermediary, Shozo Inou of the human rights organization Nihon Kokumin Kyuenkai (Japanese People's Rescue Association). "This may be my last try."

Okunishi was sentenced to die for the poisoning death of five women including his wife on March 28, 1961, in Nabari, Mie Prefecture. He was initially acquitted but found guilty on appeal, and his death sentence was confirmed by the Supreme Court in 1972. The Nagoya High Court called a retrial in 2005, but it was cancelled in a hearing in 2006. He filed a special appeal with the Supreme Court in January 2007, objecting to the cancellation of the retrial. Okunishi's defense counsel will submit final written arguments to the court at the end of January, and a decision can be expected before the end of the fiscal year.

Asked how he felt about the 48 years since his arrest, Okunishi paused for a full minute before saying, "It can't be expressed in words. It's really such a shame, and so painful."

It has been more than 40 years since his acquittal was overturned and he was sentenced to death in September 1969. "This could be my last chance," Okunishi, who will turn 84 in January, said of the special appeal. "So I believe a retrial will start."

NOTIZIE CORRELATE
6 Settembre 2019
STATI UNITI

Nonostante le migliaia di appelli l’esecuzione di Bill Crutsinger ha avuto luogo. Dolore e sdegno per questo orrore


Grazie a tutti quelli che hanno inviato appelli e che continueranno a lottare con noi
16 Agosto 2019

Sospesa - per la seconda volta - l'esecuzione di Dexter Johnson in Texas. Grazie a tutti coloro che hanno aderito all'appello in suo favore

3 Maggio 2019
GEORGIA
E' stata la prima esecuzione in Georgia nel 2019, la precedente il 4 maggio di un anno fa

L'esecuzione di Scotty Morrow è purtroppo avvenuta. Preghiamo per lui e continuiamo a lottare per l'abolizione della pena di morte, perché non c'è giustizia senza vita


Gli appelli esauriti, la clemenza negata. Scotty ha chiesto ancora perdono ai familiari delle vittime
1 Maggio 2019
STATI UNITI

L'esecuzione di Dexter Johnson è stata temporaneamente sospesa. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato a inviare migliaia di appelli!!!

15 Marzo 2019
STATI UNITI
dall'Osservatore Romano

Marazziti: la decisione presa dal nuovo governatore della California, Gavin Newsom, di mettere uno stop, forse definitivo, alle esecuzioni capitali è un gesto di coraggio politico

14 Marzo 2019
SANT'EGIDIO: PENA DI MORTE

Pena di morte: grande segnale di speranza la sospensione in California, il più grande braccio della morte del mondo

tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

62 visite

31 visite

38 visite

28 visite

27 visite
tutta i media correlati