Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
17 Gennaio 2010 | UGANDA

Uganda

I vescovi contro la pena capitale per gli omosessuali malati di Aids: "Provvedimento non necessario"

 
versione stampabile

Radio Vaticana

Uganda: lettera dei vescovi sulla controversa proposta di legge contro gli omosessuali

I vescovi ugandesi condividono l’impegno del governo per difendere la famiglia e i valori tradizionali, ma sono contrari a un inasprimento della legge contro gli omosessuali, perché ritengono che la legislazione attuale in materia sia più che adeguata. Lo ha puntualizzato mons. Cyprian Kizito Lwanga, arcivescovo di Kampala, in una recente lettera dove chiarisce la posizione dell’episcopato locale in merito alla controversa proposta di legge che vuole inasprire le pene contro le pratiche omosessuali. “Gli insegnamenti della Chiesa cattolica sull’omosessualità sono chiari affermando che gli atti omosessuali sono immorali e costituiscono una violazione della legge divina e naturale”, afferma la lettera, pubblicata sul sito dell’emittente cattolica ugandese “Radio Sapientia”. Tuttavia, “la Chiesa insegna anche il messaggio cristiano del rispetto, della compassione e della sensibilità. Gli omosessuali devono convertirsi e pentirsi, ma hanno anche bisogno di sostegno, comprensione e amore”. In questo senso, a giudizio dei vescovi ugandesi, il testo in questione non corrisponde all’”approccio cristiano di attenzione”, in quanto “prende di mira il peccatore e non il peccato”. “L’introduzione della pena di morte e di pene detentive per gli omosessuali – si legge nella lettera – colpisce le persone, anziché cercare di offrire aiuto e assistenza compassionevoli a individui che hanno bisogno di conversione, pentimento, sostegno e speranza”. I presuli ugandesi evidenziano altresì i pericoli insiti in alcune norme che prevedono sanzioni anche contro chi omette di denunciare atti omosessuali. Queste disposizioni, scrivono, “mettono a repentaglio la riservatezza e le norme di deontologia professionale di persone come genitori, sacerdoti, psicologi, insegnanti, medici che offrono sostegno e consulenza per la riabilitazione degli omosessuali”. “La criminalizzazione di questa opera di aiuto – rimarcano i presuli – si scontra con i valori centrali della fede cristiana”. In conclusione, la lettera afferma che il provvedimento “non è necessario”, dal momento che gli atti omosessuali sono già illegali nell’attuale codice penale del Paese. Sulla legge, che sarà presentata al Parlamento tra febbraio e marzo, il Presidente Yoweri Museveni si è detto contrario all’introduzione della pena di morte per gli omosessuali e il governo si è impegnato a modificare questa norma. (A cura di Lisa Zengarini)

NOTIZIE CORRELATE
9 Agosto 2018
The Los Angeles Times

The Catholic Church's opposition on the death penalty began with previous popes


By Mario Marazziti
29 Giugno 2018
BURKINA FASO

Il Burkina Faso elimina la pena di morte: un altro passo verso l’abolizionismo globale

26 Giugno 2018
Mons. Rodolfo Diamante, segretario esecutivo della Commissione episcopale per la pastorale carceraria presenta un libro contro la pena di morte

La Conferenza episcopale delle Filippine resta vigile sul tema della pena di morte


In occasione della memoria del dodicesimo anniversario dell'abolizione della pena capitale nel paese
18 Giugno 2018
BIELORUSSIA
La Bielorussia è l'unico paese europeo che ancora mantiene e applica la pena capitale, la sospensione delle due condanne è un fatto senza precedenti

La Corte Suprema bielorussia sospende due condanne a morte


la diplomazia francese era intervenuta lo scorso anno con un comunicato con il quale invitava la Bielorussia ad introdurre una moratoria contro la pena di morte
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

9 visite

5 visite
tutta i media correlati