Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
25 Febbraio 2010 | SVIZZERA

Switzerland

Ginevra - IV Congresso della Coalizione Mondiale Contro la Pena di Morte - Dalle Grandi Religioni la proposta e l'impegno per la moratoria. L'occasione per una nuova interpretazione delle Sacre Scritture

 
versione stampabile

Comunità di Sant’Egidio

IV Congresso della Coalizione Mondiale Contro la Pena di Morte - Dalle Grandi Religioni la proposta e l’impegno per la moratoria. L’occasione per una nuova interpretazione delle Sacre Scritture.

La Comunità di Sant’Egidio ha condotto la tavola rotonda “Religioni e Pena di Morte: Ostacoli o Strumenti per l’Abolizione?”, nell’ambito del IV Congresso della Coalizione Mondiale contro la Pena di Morte, che si sta svolgendo a Ginevra.

E’ stata l’occasione di un confronto interreligioso e interconfessionale per fare luce sul ruolo che le religioni possono giocare per sostenere i processi abolizionisti nei paesi dove ancora esiste la pena capitale.

Danthong Breen, presidente della Union for Civil Liberty (Thailandia), ha evidenziato come la pena capitale sia chiaramente esclusa dai suoi principi basilari. Tradizione vuole che i monaci buddisti non possano neppure calpestare i luoghi dove avvengano esecuzioni, abbiano sempre parole di conforto per i prigionieri e condannino ogni forma di violenza, indiscriminatamente. Questo a volte si scontra con la realtà della politica, in quanto il buddismo tailandese afferma anche l’obbedienza all’autorità dello stato, e tra la popolazione è ancora assai diffusa la cultura della retribuzione e della vendetta.

Che la pena di morte abbia convissuto in passato con il Cristianesimo non impedisce di prendere atto che oggi la gran parte dei paesi a maggioranza cristiana respinga l’omicidio di stato. Lo ha puntualizzato Jonas Jonson, svedese, co-presidente del Gruppo Misto di Lavoro tra Chiesa Cattolica e Consiglio Ecumenico delle Chiese.

“Come potrebbero i cristiani accettare la pena di morte –si è chiesto- quando Gesù stesso fu condannato al più umiliante dei patiboli, quello della croce?”. Dalla morte da innocente di Gesù –sostiene- deriva l’obbligo, per ogni cristiano, di proteggere la vita in ogni circostanza.

La pena capitale –ha proseguito- è indifendibile agli occhi del Cristianesimo, che promulga la pace e la riconciliazione fra gli uomini. Ogni cristiano, avendo pietà per chi abbia commesso anche il più efferato dei crimini, salva la propria anima, ha ricordato, perché chi perdona il suo prossimo riceverà il perdono di Dio.

Piuttosto, ha suggerito, occorre una nuova interpretazione dei testi sacri, per confutare ogni presunta legittimazione della pena di morte partendo ad esempio da alcune parti del Vecchio Testamento.

La proposta è stata condivisa dall’ex Gran Rabbino di Ginevra Marc Raphael Guedj, il quale ha sottolineato che nelle Sacre Scritture la condanna a morte è intesa per lo più nella sua dimensione simbolica come la fine della vita interiore del credente, e non come un precetto giuridico quasi che la Bibbia fosse considerata alla stregua di un codice penale. In realtà il diritto rabbinico ha abolito la pena capitale da ormai 2.300 anni., e la tradizione rabbinica fino ai giorni nostri ha inteso sempre educare le giovani generazioni alla non violenza.

La teologa indonesiana Siti Musdah Mulia, musulmana, ha tenuto a precisare che i precetti coranici, contrariamente ad un’opinione largamente diffusa, sono in contraddizione con l’uso della pena di morte, in quanto l’islam promulga la misericordia e  la legge naturale, secondo cui il diritto alla vita di ogni essere umano va rispettato e salvaguardato. Solo facendo leva sull’istruzione, riformando i codici penali e rivedendo le tradizioni familiari –ha evidenziato- si può combattere una falsa cultura islamica comunemente percepita come legittimante l’omicidio di stato.

In conclusione, Mario Marazziti, della Comunità di Sant’Egidio, moderatore del dibattito, ha suggerito come l’impegno per una moratoria universale delle esecuzioni possa fornire un’opportunità concreta per le religioni affichè si comincino ad interrogare di nuovo sulle ragioni della violenza e sulla necessità del  rispetto della vita e della dignità umana, e come questo possa e debba divenire una proposta reale degli uomini di religione  per una società giusta e compassionevole, indipendentemente dalla diversità delle fedi professate.

NEWS CORRELATE
7 Luglio 2017
STATI UNITI
Dopo una vasta campagna mondiale basata sulla preoccupazione per la sua salute mentale e sulla richiesta di abolizione della pena di morte

Apprendiamo con dolore che in Virginia ha avuto luogo l'esecuzione di William Morva


William Morva, 35 anni, è morto alle 9.15 di giovedì nel centro correttivo di Greensville a Jarratt, in Virginia
24 Giugno 2017
STATI UNITI

Comunità di Sant'Egidio: a Washington per rafforzare l'impegno contro la pena di morte

2 Maggio 2017
STATI UNITI

Anthony Farina non è più condannato a morte. Non sarà libero, ma non rischia più l'esecuzione


Dal 2012 migliaia di appelli urgenti alle autorità e lettere e cartoline a Anthony hanno sostenuto questo importante cambiamento
29 Aprile 2017
STATI UNITI
Apprendiamo che lo Stato dell'Arkansas ha portato a termine quattro delle esecuzioni previste

L'ultima esecuzione ieri, Kenneth William era un afroamericano di 38 anni

21 Aprile 2017
STATI UNITI

L'Arkansas ha messo a morte uno dei condannati di nome Ledell Lee


E' prima esecuzione dal 2005. La nostra campagna continua con l'invio di appelli e la richiesta di clemenza
15 Aprile 2017
STATI UNITI
Un giudice ha accolto il ricorso dell'azienda produttrice dei farmaci: il prodotto non era stato venduto per questo scopo

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica


Il provvedimento è temporaneo, continuiamo a inviare appelli!
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

1 visite

1 visite

2 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati