Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
3 Aprile 2010 | ARABIA SAUDITA

Saudi Arabia

Sospesa la condanna a morte di Ali Hussain Sibat

 
versione stampabile

Newsnotizie.it

Sospesa l’esecuzione del mago libanese condannato a morte

Per chi non ne conosce la storia Ali Hussain Sibat è un sedicente mago di origine libanese; il suo lavoro è stato, fino al 2008, anno in cui è stato arrestato, prevedere il futuro. Sibat però , in fondo, forse, non faceva niente di male, lui il futuro lo rivelava ai “comuni mortali” in Tv. Protagonista e conduttore di un popolare Show sull’emittente libeanese Sherazade, aveva anche un ottimo seguito di pubblico “personalizzato”.

Mai  avrebbe potuto immaginarsi , quando da buon musulmano si era recato in pellegrinaggio a Medina, la “città illuminatissima” luogo di sepoltura di Maometto, di essere arrestato dalla polizia religiosa saudita. Da lì sono cominciati i suoi guai, e che guai. Ufficialmente arrestato per il reato di “stregoneria”, per il quale tra l’altro non esiste una definizione certa, ma l’attribuzione di tale delitto dipende in gran parte dall’interpretazione dei fatti compiuta dal giudice, Sibat nel Novembre 2009 viene condannato a morte.

Il 31 Marzo viene diffusa la notizia che il “criminale” verrà giustiziato entro 48 ore, tramite decapitazione. Oggi però  May al-Khansa, avvocato dell’ condannato a morte ha dichiarato che non sarà oggi la data dell’esecuzione; sulla questione infatti sarebbe intervenuto il Ministro della giustiza Libanese, che però non ha chiarito se la pena, così come è strutturata, sia stata semplicemente sospesa o del tutto annullata.

“Ciò che il ministro ci ha detto non è abbastanza per la sua famiglia, e non è abbastanza per me, perché noi vogliamo che Ali Sibat sia rilasciato”, ha detto al-Khansa, all’Associated Press.

Sibat è padre di 5 bambini e manca dalla famiglia dal Maggio 2008, mese in cui è stato arrestato durante appunto il suo pellegrinaggio, l’evento religioso conosciuto come Umra ( o Umrah), considerato “minore” e  fattibile in ogni periodo dell’anno.

A.S.

NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati