Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
20 Settembre 2010 | UZBEKISTAN

Italia

Tamara Chikunova: la forza della fede per fermare la pena di morte

 
versione stampabile

Corriere della Sera

La testimonianza al Giubileo delle donne di Frosinone

Tamara, la forza della fede per fermare la pena di morte

Veroli (Frosinone) - «Non voglio che latre madri soffrano quello che ho vissuto io». Da dieci annni lotta per l’abolizione della pena di morte nel mondo Tamara Chikunova, 62 anni, che ieri pomeriggio ha raccontato la sua storia la Giubileo delle donne al centro polifunzionale del Comune di Veroli, in occasione degli 800 anni dal ritrovamento delle spoglie di Santa Maria Salome, morta proprio nel paesino frusinate. La santa, come narra la tradizione, aveva seguito Gesù fin sotto la croce ed era stata, insieme alla Madonna, tra le prime  a scoprire la tomba del Cristo vuota. Tamara, origine russa e fede cristiana, si desfrive come «una donna semplice», ma ha coraggio da vendere, il 10 luglio del 2000 ssuo figlio è stato fucilato in Uzbekistan per omicidio, «un’accusa falsa, confessata dopo essere stato torturato e dopo avere ascolatato le mie grida mentre torturavano anche me – sottolinea – Così Dimitri mi ha salvata. Non l’ho neanche potuto abbracciare per l’ultima volta …». E per riscattare la sua memoria, Tamara è riuscita  a fare abbrogare la condanna a morte prima in Kirghizistan nel 2007 e poi in Uzbekistan l’anno dopo, sostenuta anche dalla Comunità di Sant’Egidio. Nell’Ultima lettera a Dimitri c’era scritto: «Ti volgio bene: scusa per le sofferenze che ti ho dato. Ricordati di me” – dice con voce rotta dell’emozione -. Penso a lui ogni giorno. E so che è tanto felice quando abbiamo salvato oltre 250 condannati  nel braccio della morte in Kirghizistan e Uzbekistan». Tamara non ha mai riavuto indietro il corpo di suo figlio, ma non si arrende: «Sto lavorando per cancellare la pena capitale in Molgolia: è dura, ma io vado avanti. Per Dimitri». Le otre mille persone, soprattutto donne applaudono, qualcuna singhiozza. Da Santa Maria Salome a Tamara «sono tante le storie di donne straordinarie – sottolinea Ambrogio Spreafico, vescovo di Frosinone -. Tante donne impegnate nel volontariato, anche laico, stanno vicino a chi soffre senza chiedere nulla. Questa è una grande lezione: così si può convivere tra diversi». Il sindaco di Veroli, Giuseppe D’Onorio, ribadisce: «Quali sono gli anni bui? Quando c’era la schiavitù oppure oggi che respingiamo i gommoni e vogliamo cacciare i rom?». E Tamara lancia un appello: «Fermatevi almeno un minuto, riflettete. La morte non rigenera la vita. Così si alimenta solo la vendetta». Francesco di Frischia

NOTIZIE CORRELATE
15 Marzo 2019
STATI UNITI
dall'Osservatore Romano

Marazziti: la decisione presa dal nuovo governatore della California, Gavin Newsom, di “mettere uno stop, forse definitivo, alle esecuzioni capitali è un gesto di coraggio politico

14 Marzo 2019
SANT'EGIDIO: PENA DI MORTE

Pena di morte: grande segnale di speranza la sospensione in California, il più grande braccio della morte del mondo

28 Febbraio 2019
Bruxelles

Messaggio di Papa Francesco al "7° Congresso Mondiale della World Coalition Against the Death Penalty


"La pena di morte una grave violazione del diritto alla vita di ogni persona. Non vengano eliminate altre vite, si offra la via del pentimento"
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

10 visite

4 visite

5 visite

4 visite

2 visite
tutta i media correlati