Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
9 Ottobre 2010 | COREA DEL SUD

North Korea

Un deputato sudcoreano denuncia 22 esecuzioni in pubblico dal dicembre 2009 ad oggi

 
versione stampabile

ANSA

PENA MORTE: COREA NORD, ESECUZIONI PUBBLICHE IN AUMENTO
PARLAMENTARE SEUL, STRETTA IN VISTA SUCCESSIONE KIM JONG-IL

SEUL, 7 OTT - La Corea del Nord sta aumentando il ritmo delle esecuzioni in pubblico, che coinvolgono non solo gente comune ma anche ex alti funzionari del regime caduti in disgrazia, nel tentativo di imporre un'altra stretta autoritaria sul Paese in preparazione della ipotizzata successione di Kim Jong-un, figlio terzogenito del leader attuale, Kim Jong-il.

E' la denuncia fatta da Yoon Sang-hyun, parlamentare sudcoreano del partito di maggioranza, il Grand National Party (Gnp), che, in base alle informazioni di intelligence, ha spiegato che il regime di Pyongyang ha portato a termine almeno 22 esecuzioni in pubblico tra fine 2009 e i primi sei mesi del 2010.

Secondo gli ultimi dati, 10 persone sono state uccise insieme lo scorso dicembre a Pyongyang, per accuse di vario genere, tra cui prostituzione, furto e violenza carnale, e nello stesso mese e' stata eseguita la condanna in pubblico del comandante di un plotone di frontiera accusato di traffico di droga e tratta di esseri umani. Sul patibolo sono finiti anche ex esponenti di spicco del regime, che hanno pagato con la vita il fallimento dei compiti loro affidati: in scia al collasso della riforma della valuta del novembre 2009, il regime comunista ha eseguito a marzo la condanna a morte di Pak Nam-gi, ex responsabile per le Finanze del partito dei Lavoratori nordcoreano e principale promotore della riforma, e di Ri Tae-il, primo vicedirettore del Dipartimento guida e organizzazione del Partito dei Lavoratori.

''Quando il fallimento della riforma si e' manifestato in tutta la sua gravita', creando un diffuso scontento nella popolazione - ha spiegato Yoon -, il regime ha dato la colpa ai due funzionari, facendoli uccidere in pubblico da un plotone di esecuzione con l'accusa di spionaggio''.

Secondo il parlamentare sudcoreano, inoltre, la reazione violenta dell'apparato di potere nordcoreano conferma le alte aspettative riposte nella riforma, il cui merito sarebbe dovuto andare ufficialmente all'erede Kim Jong-un.

Le nuove cifre sulle esecuzioni in Corea del Nord superano abbondantemente le stime di Amnesty International, secondo cui Pyongyang ha mandato al patibolo pubblico almeno 23 persone tra il 1970 e il 1992 e almeno sette nel corso del 2009.

NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati