Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
9 Ottobre 2010 | NEW YORK, STATI UNITI

European Union

L'Europarlamento approva a larga maggioranza una risoluzione per una moratoria mondiale delle esecuzioni

 
versione stampabile

ANSA

PENA MORTE: RISOLUZIONE PE PER MORATORIA, 25 VOTANO CONTRO APPELLO AI 43 PAESI CHE ANCORA LA PRATICANO, STATI UNITI INCLUSI

 BRUXELLES, 7 OTT - ''La pena di morte non puo' mai essere considerata un atto di giustizia''. Con queste parole il presidente, Jerzy Buzek, aveva aperto ieri la seduta della sessione plenaria. Oggi l'europarlamento ha approvato una risoluzione che chiede una moratoria mondiale sulle esecuzioni capitali. Straripante la maggioranza a favore (574 si'), macchiata da 25 voti contrari tra i quali quelli dei Le Pen padre e figlia, del francese Gollnisch (lo stesso che oggi si e' esibito nella contestazione dell'inno europeo), degli indipendentisti inglesi, di cinque conservatori e di un popolare (il finlandese Ville Itala).

Nel testo della risoluzione, adottata per rimarcare l'ottava giornata mondiale contro la pena di morte, si fa riferimento esplicito - tra gli altri paesi - a Russia, Cina, Egitto, Iran, Malaysia, Thailandia, Corea del Nord, Kirgyzstan, Arabia Saudita, Sudan Lettonia e Bielorussia (unico paese europeo in cui e' ancora praticata). Ma non mancano gli Usa (dove e' utilizzata in 25 dei 50 stati) che vengono invitati (al punto 6 della risoluzione) ad ''adottare immediatamente una moratoria delle esecuzioni in quanto membri dell'Osce''.

La risoluzione condanna l'uso della pena capitale in ogni caso e in qualsiasi circostanza. ''Nel mondo - e' scritto nel testo - sono 43 i paesi che mantengono la pena di morte e il maggior numero di esecuzioni si e' registrato in Cina, Iran e Iraq; nella sola Cina sono state eseguite circa 5.000 condanne, pari all'88% del totale delle esecuzioni nel mondo; in Iran sono state messe a morte almeno 402 persone, in Iraq almeno 77 e in Arabia Saudita almeno 69''.

Il Parlamento inoltre chiede ''alla Ue e ai suoi Stati membri di assicurare l'applicazione della risoluzione delle Nazioni Unite su una moratoria universale delle esecuzioni, in vista della piena abolizione della pena di morte in tutti gli Stati che ancora la praticano''.

I deputati ritengono infine che il nuovo servizio diplomatico europeo debba fornire orientamenti per una politica europea globale in difesa delle decine di persone di cittadinanza europea che rischiano di essere giustiziate in paesi terzi, attraverso meccanismi di identificazione, prestazione di assistenza giuridica e interventi legali dell'UE e delle rappresentanze diplomatiche.

L'Unione europea e' il principale finanziatore delle organizzazioni della societa' civile che si occupano di combattere la pena di morte. Dal 1994 ad oggi ha sostenuto piu' di 30 progetti in tutto il mondo, con un bilancio complessivo di oltre 15 milioni di euro.

NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati