Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
27 Ottobre 2010 | STATI UNITI

Arizona/USA

Arizona, dopo i dubbi sul veleno da usare messo a morte Jeffrey Landrigan

 
versione stampabile

Ansa

PENA MORTE: USA; DOPO DUBBI ANESTETICO, GIUSTIZIATO DETENUTO

PHOENIX (USA), 26 OTT - Jeffrey Landrigan, il detenuto condannato per omicidio la cui esecuzione era stata sospesa per dubbi sull'origine dell'anestetico da usare, e' stato messo a morte in Arizona alle 10:26 di ieri sera (le 07:26 ora italiana di oggi).

Lo ha annunciato un portavoce del Dipartimento correzionale dell'Arizona secondo il quale Landrigan e' stato giustiziato con un'iniezione letale nella prigione di stato di Florence, a sud di Phoenix.

La Suprema corte americana ha infatti chiarito i termini dell'esecuzione che era prevista per ieri mattina e che era stata rinviata su richiesta degli avvocati del detenuto. I legali di Landrigan - condannato a morte nel 1989 per omicidio - avevano argomentato con successo che il loro cliente correva il rischio di essere messo a morte tra enormi sofferenze perch‚ non ci si poteva fidare della efficacia del liquido anestetico che doveva essere usato nella iniezione letale. Il nuovo farmaco era stato proposto in sostituzione del normale prodotto risultato pero' assente dai magazzini dello Stato.

 

Asca

PENA DI MORTE: GIUSTIZIATO DETENUTO IN ARIZONA DOPO DUBBI SU ANESTETIC

Washington, 26 ott - E' stato giustiziato alle alle 22:26 di ieri sera (le 07:26 ora italiana di oggi) Jeffrey Landrigan, un detenuto dell'Arizona condannato nel 1989 per omicidio. La sua esecuzione era stata rimandata per i dubbi sul tipo di anestetico da usare per l'iniezione letale. Era infatti emersa la possibilita' che gli venisse somministrato un farmaco straniero non approvato dalla US Food and Drug Administration (Fda), ma gli avvocati di Landrigan hanno sporto causa, sostenendo che il condannato avrebbe potuto morire provando grandi dolori. Negli Stati Uniti vi e' una carenza generale del sodio tiopentale anestetico, uno dei tre componenti dell'iniezione letale, cosa che ha costretto a rimandare tutte le esecuzioni nel Paese.

Landrigan e' stato giustiziato solo dopo che lo Stato dell'Arizona ha fornito i nomi dei farmaci, le loro date di scadenza e le prove che il loro utilizzo e' stato autorizzato e approvato dalla Fda.

NEWS CORRELATE
21 Aprile 2017
STATI UNITI

L'Arkansas ha messo a morte uno dei condannati di nome Ledell Lee


E' prima esecuzione dal 2005. La nostra campagna continua con l'invio di appelli e la richiesta di clemenza
15 Aprile 2017
STATI UNITI
Un giudice ha accolto il ricorso dell'azienda produttrice dei farmaci: il prodotto non era stato venduto per questo scopo

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica


Il provvedimento è temporaneo, continuiamo a inviare appelli!
7 Aprile 2017
STATI UNITI

La lotta e le speranze di fermare le esecuzioni in Arkansas


Anche alcune ex guardie carcerarie hanno scritto al governatore, preoccupate per i pesantissimi effetti psicologici sui loro colleghi
3 Marzo 2017
CITTÀ DEL VATICANO, CITTÀ DEL VATICANO

Il Vaticano all' Onu ribadisce il suo no alla pena di morte, non si fa giustizia uccidendo


L'intervento di Mons. Jurkovic a Ginevra
1 Febbraio 2017
FILIPPINE

Filippine: fermezza dei vescovi contro la pena di morte


Il Vangelo della vita è il cuore del messaggio di Gesù
4 Dicembre 2016
FIRENZE, ITALIA
A Firenze seduta solenne del Consiglio Regionale in occasione della Giornata internazionale "Città per la vita, contro la pena di morte" e Festa della Toscana, alle ore 11.00, presso il Teatro della Compagnia regionale

Riconoscimento alla Comunità di Sant'Egidio per l'impegno nella lotta alla pena capitale


Ha ritirato il premio il Prof. Adriano Roccucci, segretario generale della Comunità di Sant'Egidio
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

9 visite

4 visite

6 visite

5 visite

6 visite
tutta i media correlati