Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
29 Ottobre 2010 | STATI UNITI

Arizona/USA

Il caso di Jeffrey Landrigan in Arizona: "Nessuna giustificazione"

 
versione stampabile

The New York Times

No Justification

Two years ago, when a splintered Supreme Court approved lethal injection as a means of execution in Baze v. Rees, Justice John Paul Stevens made a prophecy. Instead of ending the controversy, he said, the ruling would raise questions “about the justification for the death penalty itself.” Since then, evidence has continued to mount, showing the huge injustice of the death penalty — and the particular barbarism of this form of execution.

In the case of Jeffrey Landrigan, convicted of murder and executed by Arizona on Tuesday, the system failed him at almost every level, most disturbingly at the Supreme Court. In a 5-to-4 vote, the court’s conservative majority allowed the execution to proceed based on a stark misrepresentation.

Of the 35 states that allow the death penalty, all now execute by lethal injection. Most use a sequence of drugs that is supposed to provide a painless death, but when it is administered incorrectly it causes agony that amounts to torture. Veterinarians say the method doesn’t meet the standard for euthanizing animals.

Arizona’s plan for Mr. Landrigan’s execution was thrown off by a shortage of sodium thiopental, one of three drugs used in standard lethal injections. The only maker approved by the Food and Drug Administration hasn’t been able to get a critical ingredient for almost a year. The state obtained the drug from a foreign maker.

When Mr. Landrigan tried to ascertain its effectiveness for sedating him so he wouldn’t feel the pain of the other drugs, Arizona refused to divulge the information. After the state defied four orders from a federal district judge to produce it, the judge stayed the execution.

When the case got to the Supreme Court, the majority overturned the stay, saying there was “no evidence in the record to suggest that the drug obtained from a foreign source is unsafe.” There was no evidence — either way — because Arizona defied orders to provide it.

The court’s whitewash highlights the arbitrariness of Mr. Landrigan’s execution. Cheryl Hendrix, the retired Arizona judge who presided over his trial, recently said, “Mr. Landrigan would not have been sentenced to death” if she had been given the medical evidence of the defendant’s brain damage and other factors. Mr. Landrigan’s inept trial lawyer didn’t submit the evidence.

She no longer had the power to alter his fate, but, in an affidavit for the Arizona Board of Executive Clemency, Ms. Hendrix supported his plea to have his death sentence commuted to life. “Since the courts have not corrected this injustice,” she stated, “I am compelled to submit this declaration on Mr. Landrigan’s behalf.” The Supreme Court should have upheld the stay of execution and forced the state to deliver the information called for. It failed, shamefully.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati