Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
12 Novembre 2010 | ARGENTINA

United Nations

La Risoluzione per la Moratoria Universale approvata in Commissione con 107 voti a favore. Si aggiungono Mongolia e Maldive

 
versione stampabile

ANSA

PENA MORTE: ONU, FRATTINI SODDISFATTO RICHIESTA RISOLUZIONE

 ROMA, 12 NOV - Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha salutato con soddisfazione l'approvazione, avvenuta ieri nella Terza Commissione dell'Assemblea Generale Onu a New York, della risoluzione che richiede una moratoria universale delle esecuzioni, in vista della completa abolizione della pena di morte. lo si apprende da fonti della Farnesina.

Il testo Š stato approvato con 107 voti a favore, 38 contrari e 36 astensioni, confermando ancora una volta l'esistenza di una chiara tendenza in aumento del numero dei Paesi che sostengono la moratoria.

''Questo risultato - ha commentato Frattini - si deve all'impegno dell'Italia, in stretto coordinamento con gli altri membri dell'Unione Europea, per costruire e mantenere salda un'alleanza tra Paesi di tutti i gruppi regionali sostenitori della campagna contro la pena di morte''.

''Quest'anno - ha proseguito il Ministro Frattini - sono stati introdotti nella risoluzione alcuni elementi intesi a ridurre l'applicazione della pena capitale laddove essa viene ancora purtroppo applicata. In particolare, viene richiesto agli Stati di rendere disponibili i dati sulle condanne a morte, dal momento che una migliore informazione dell'opinione pubblica contribuisce di per se' a ridurre il numero di esecuzioni; si ribadisce inoltre che la pena di morte - nei Paesi che ancora la praticano - deve essere assoggettata agli standards minimi definiti dalle Nazioni Unite, che comprendono, tra l'altro, la proibizione di eseguire condanne a morte nei confronti dei minori e dei disabili mentali''.

''Ci auguriamo ora - ha concluso Frattini - che il testo venga approvato in Assemblea Generale a dicembre con un numero almeno pari di consensi, obiettivo cui stiamo lavorando al Palazzo di Vetro''.

Si consolida quindi, come si evince anche dal rapporto recentemente presentato dal Segretario Generale Ban Ki-moon su questo argomento, un orientamento internazionale verso l'abolizione della pena di morte, a conferma che il cammino intrapreso riflette un'esigenza profondamente avvertita dalla comunit… internazionale.

Il ministro ha tenuto a ringraziare di questo risultato gli uffici del ministero e la rete diplomatica all'estero, a cominciare dalla Rappresentanza a New York, che hanno gestito con successo un difficile negoziato, cos come le organizzazioni della societa' civile attive in questa campagna, il cui contributo e' stato come sempre fondamentale.

 

REUTERS

UN committee urges death penalty halt, US opposed * Number of yes votes edges up * Singapore amendment to soften wording fails

UNITED NATIONS, Nov 11 - A U.N. General Assembly committee called for a moratorium on the death penalty on Thursday, while the United States joined China, Iran, Sudan, Saudi Arabia and others in opposing the measure.

The vote in the assembly's human rights committee, which includes all 192 U.N. member states, is a periodic ritual that divides the United States from the vast majority of European and other Western nations, which reject capital punishment.

A nonbinding resolution calling for the moratorium received 107 votes in favor, 38 against and 36 abstentions. The General Assembly is expected to adopt the resolution formally with another vote in December.

The number of yes votes was slightly higher than in December 2007 when a similar resolution received 104 votes in favor. The number of votes against it dropped sharply from 54 in 2007, while the number of abstentions rose from 29.

The resolution said the assembly welcomed "the decisions made by an increasing number of states to apply a moratorium on executions" and urged other nations "to establish a moratorium on executions with a view to abolishing the death penalty." Singapore introduced one of three amendments to the draft resolution before the vote, aimed at softening the language.

The amendment proposed adding that the General Assembly "reaffirms the sovereign right of all countries to develop their own legal systems." The U.S. delegation voted in favor of the Singaporean amendment, which failed to win sufficient support to be included in the final version.

Among others that voted against the resolution were Egypt, Singapore and Myanmar.

An Egyptian delegate told the assembly the United Nations should focus on "due process rather than abolition," sentiments echoed by the U.S. delegate.

The European Union was the driving force behind the resolution, although there were African, Asian and Latin American states that signed on as co-sponsors. Panama, Paraguay, Philippines, East Timor, Rwanda, Mozambique and Russia were among the resolution's sponsors and also voted for it. (Reporting Louis Charbonneau; Editing by Peter Cooney)

NEWS CORRELATE
4 Dicembre 2016
FIRENZE, ITALIA
A Firenze seduta solenne del Consiglio Regionale in occasione della Giornata internazionale "Città per la vita, contro la pena di morte" e Festa della Toscana, alle ore 11.00, presso il Teatro della Compagnia regionale

Riconoscimento alla Comunità di Sant'Egidio per l'impegno nella lotta alla pena capitale


Ha ritirato il premio il Prof. Adriano Roccucci, segretario generale della Comunità di Sant'Egidio
1 Dicembre 2016

dal Colosseo

1 Dicembre 2016
da Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte


Il 30 novembre è la Giornata mondiale delle città per la vita, iniziativa nata nel 2002 per abolire la pena capitale
30 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA
In occasione della Giornata delle Città per la Vita e dei 35 anni di abolizione della pena di morte in Francia

Parigi: 30 novembre, ore 19 Incontro per l'abolizione universale della pena di morte, Maison Victor Hugo, 6 Places de Vosges, Paris (Metro Bastille)


Con la Comunità di Sant'Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace, alla presenza altre personalità
30 Novembre 2016
LISBONA, PORTOGALLO
Insieme alla Comunità di Sant'Egidio

Lisbona è città per la vita, contro la pena di morte, appuntamento il 30 novembre ore 18, Arco da rua Augusta


Sono molte le città portoghesi che aderiscono alla Giornata delle città per la vita
29 Novembre 2016
BIELORUSSIA
Lo annuncia Andrei Paluda dell'Associazione Viasna. Con la Comunità di Sant'Egidio siamo vicini alla sua famiglia

Apprendiamo con dolore che condanna di Ivan Kulesh è stata eseguita in Bielorussia


Ivan è uno dei condannati per i quali stiamo inviando appelli urgenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati