Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
2 Dicembre 2010 | STATI UNITI

USA

Tennessee, la Corte Suprema blocca le prossime 4 esecuzioni. Dubbi sulla conformità alla Costituzione dell'iniezione letale

 
versione stampabile

Associated Press

US state's Supreme Court halts next 4 executions - Updates with details of court ruling, background on West's crime and challenge to lethal injection prodecure. For global distribution.

By LUCAS L. JOHNSON II

NASHVILLE, Tennessee - The Tennessee Supreme Court on Monday halted the executions of four death row inmates to allow a lower court to examine the constitutionality of the state's new lethal injection procedure. Convicted killer Stephen Michael West was set to die by lethal injection Tuesday for the 1986 stabbing deaths of Wanda Romines and her 15-year-old daughter Sheila Romines. Earlier this month, the state's high court granted West a temporary stay so a lower court could hear evidence in his lawsuit claiming the first drug in Tennessee's three-drug lethal injection protocol does not adequately anesthetize prisoners, violating the constitutional ban on cruel and unusual punishment. Davidson County Chancellor Claudia Bonnyman ruled last week that Tennessee's process «allows for death by suffocation while conscious.» Bonnyman said in her ruling that the 5 grams of sodium thiopental, the first drug meant to render the inmate unconscious, was insufficient. She said the state should adopt some method to determine whether the inmate was awake before being injected with the second drug, a paralyzing agent.

In response, the state added a procedure in which a prison warden will brush a hand over an inmate's eyelashes and gently shake the inmate to check for consciousness. If the warden determines the inmate is unconscious after the first injection, he directs the executioner to administer the next two drugs. If the warden determines the inmate is still conscious, a second IV line will give a second dose of 5 grams of sodium thiopental.

The Tennessee Supreme Court approved the plans, but West's attorneys urged them on Friday to halt the execution because they say the state hasn't proven that the new procedure is constitutional. «Defendants waited until the eve of the Thanksgiving holidays to spring a new protocol on the court and Mr. West with nothing to demonstrate its constitutionality,» the attorneys said.

On Monday, the Tennessee Supreme Court reconsidered its action and granted West's request to test the constitutionality of the procedure in lower court. Until the issue is resolved, the high court also stayed the executions of death row inmates Billy Ray Irick _ who was to be executed next month_ and Edmund Zagorski and Edward Jerome Harbison. Parties in the West case are expected to submit arguments or evidence regarding the revised protocol and the trial court is expected to render a judgment within 90 days, according to the high court.

In 2001, West was hours away from death when a judge granted him a stay so he could pursue federal appeals, which he has since completed. Tennessee Gov. Phil Bredesen declined to intervene when West's attorneys asked for clemency, spokeswoman Lydia Lenker said.

NEWS CORRELATE
4 Dicembre 2016
FIRENZE, ITALIA
A Firenze seduta solenne del Consiglio Regionale in occasione della Giornata internazionale "Città per la vita, contro la pena di morte" e Festa della Toscana, alle ore 11.00, presso il Teatro della Compagnia regionale

Riconoscimento alla Comunità di Sant'Egidio per l'impegno nella lotta alla pena capitale


Ha ritirato il premio il Prof. Adriano Roccucci, segretario generale della Comunità di Sant'Egidio
1 Dicembre 2016

dal Colosseo

1 Dicembre 2016
da Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte


Il 30 novembre è la Giornata mondiale delle città per la vita, iniziativa nata nel 2002 per abolire la pena capitale
30 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA
In occasione della Giornata delle Città per la Vita e dei 35 anni di abolizione della pena di morte in Francia

Parigi: 30 novembre, ore 19 Incontro per l'abolizione universale della pena di morte, Maison Victor Hugo, 6 Places de Vosges, Paris (Metro Bastille)


Con la Comunità di Sant'Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace, alla presenza altre personalità
30 Novembre 2016
LISBONA, PORTOGALLO
Insieme alla Comunità di Sant'Egidio

Lisbona è città per la vita, contro la pena di morte, appuntamento il 30 novembre ore 18, Arco da rua Augusta


Sono molte le città portoghesi che aderiscono alla Giornata delle città per la vita
29 Novembre 2016
BIELORUSSIA
Lo annuncia Andrei Paluda dell'Associazione Viasna. Con la Comunità di Sant'Egidio siamo vicini alla sua famiglia

Apprendiamo con dolore che condanna di Ivan Kulesh è stata eseguita in Bielorussia


Ivan è uno dei condannati per i quali stiamo inviando appelli urgenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati