Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
2 Gennaio 2011 | STATI UNITI

USA

Un editoriale del New York Times: i progressi del 2010 verso lo stop alla pena di morte

 
versione stampabile

The New York Times

Still Cruel, Less Usual

The tide continued ebbing on the death penalty this year. States are putting fewer people to death, and juries continue to favor the punishment of life without parole over execution when given the choice. A report released this month by the Death Penalty Information Center counted 46 executions in 2010. That is nearly 12 percent fewer than a year ago, and down sharply from the 85 executions of 2000.
Forty-six state-committed killings are 46 too many, but the drop was even felt in Texas, by far the national leader in executions. It killed 17 prisoners this year, 29 percent fewer than last year. The center, which opposes the death penalty, found that while juries imposed about the same number of death sentences this year as last — 114 in 2010, 112 in 2009 — that rate was still only about half what it was in the 1990s.
The center suggested a number of reasons for the decline, including that prosecutors and the public are grappling with the wrenching problem of innocence. The irreversible punishment of death requires a foolproof justice system, but growing numbers of DNA exonerations in recent years suggest that it is far from that.
What tempers the results is that some of the reluctance had nothing to do with enlightenment. Death rows and executions are expensive, and cash-strapped states seem more willing to investigate alternatives. And executions were postponed or canceled this year in Arkansas, California, Oklahoma, Tennessee and Kentucky simply because of a shortage of a lethal-injection drug.
Still there was good news in 2010. Electoral victories by candidates who oppose the death penalty, like the new governors of California and New York and the re-elected governor of Massachusetts, suggest that it’s not a voters’ litmus test or political third rail.
A judge in a state court in Texas, of all places, granted a hearing this month on whether the state’s capital-punishment law is unconstitutional because of the high risk of executing the innocent. While the hearing has been temporarily halted, prominent former governors, prosecutors and legislators have urged that it continue. And in an essay this month in The New York Review of Books, John Paul Stevens, the retired Supreme Court justice, argued that capital punishment was neither fair nor an effective deterrent.
We can only hope the country is closer to putting its shameful experiment in state-sponsored death behind it.

NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati