Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
5 Gennaio 2011 | STATI UNITI

Texas/USA

Texas, Cornelius Dupree esce dal braccio della morte dopo 30 anni. Era innocente

 
versione stampabile

Avvenire

Texas, il Dna salva detenuto dopo 30 anni
Dupree fu condannato nell’80 a 75 anni per rapina e stupro È l’uomo che ha passato più tempo in cella da innocente

5 gennaio 2011
NEW YORK. Cornelius Dupree ha trascorso gli ultimi 30 anni in un carcere di Dallas, in Texas. Me ieri, il 51enne condannato nel 1980 a 75 anni di reclusione per rapina e stupro, è stato dichiarato innocente grazie ai risultati di un test del Dna. Cornelius Dupree è l’uomo che ha passato più tempo in carcere per un reato non commesso, ma porta anche a 21 il numero delle persone scagionate in quella contea dal 2001. Un “record” nazionale che si scontra con quello per numero di esecuzioni detenuto dal Texas, e che potrebbe continuare a ripetersi. A rendere possibile la liberazione dell’afroamericano è stata infatti la recente scoperta che nei laboratori criminali di Dallas rimane materiale genetico raccolto nell’ambito di indagini risalenti agli anni settanta e non solo – come ritenevano prima le autorità – dal 1981. Durante il processo, erano emersi dubbi sulla colpevolezza di Dupree e del suo presunto complice, Anthony Ray Massingill, nella rapina di una coppia all’uscita di un negozio di liquori nel novembre 1979 e nel successivo furto della loro auto e nello stupro della donna. Alla fine, però, Dupree venne condannato. Ma i test Dna sulle tracce di seme hanno poi dimostrato che nessuno dei due uomini era responsabile dello stupro. Dupree era tornato in libertà condizionata alcuni mesi fa, in luglio, ancora prima dei risultati del test. Massingil è rimasto in prigione perché è stato condannato nel frattempo per un altro reato sessuale.

( L.B.L. )


The New York Times

January 3, 2011

Texas: DNA Evidence Clears Man After 30 Years

By JAMES C. McKINLEY Jr.
Thirty years after Cornelius Dupree Jr. was imprisoned for rape and robbery, prosecutors in Dallas declared him innocent on Monday in light of new DNA evidence. Mr. Dupree, 51, has served more years in a Texas prison for a crime he did not commit than any of the other 41 people exonerated in the state in recent years. In 1980, Mr. Dupree was convicted along with a second man, Anthony Massingill, of robbing a couple and then kidnapping and raping the woman. But DNA tests completed last year on traces of semen showed that neither man committed the rape. Mr. Dupree was released on parole last summer, weeks before the DNA tests were done. Mr. Massingill, who was convicted in another sexual assault, remains in prison.

NOTIZIE CORRELATE
9 Agosto 2018
The Los Angeles Times

The Catholic Church's opposition on the death penalty began with previous popes


By Mario Marazziti
29 Giugno 2018
BURKINA FASO

Il Burkina Faso elimina la pena di morte: un altro passo verso l’abolizionismo globale

26 Giugno 2018
Mons. Rodolfo Diamante, segretario esecutivo della Commissione episcopale per la pastorale carceraria presenta un libro contro la pena di morte

La Conferenza episcopale delle Filippine resta vigile sul tema della pena di morte


In occasione della memoria del dodicesimo anniversario dell'abolizione della pena capitale nel paese
18 Giugno 2018
BIELORUSSIA
La Bielorussia è l'unico paese europeo che ancora mantiene e applica la pena capitale, la sospensione delle due condanne è un fatto senza precedenti

La Corte Suprema bielorussia sospende due condanne a morte


la diplomazia francese era intervenuta lo scorso anno con un comunicato con il quale invitava la Bielorussia ad introdurre una moratoria contro la pena di morte
5 Maggio 2018
STATI UNITI

Robert Earl Butts Jr. è stato messo a morte per iniezione letale venerdì 4 maggio 2018

3 Maggio 2018
STATI UNITI
Per ora Robert è salvo! Ringraziamo per questi 90 giorni di sospensione e continuiamo a inviare appelli per la salvezza di Robert Butts Jr.

Il Comitato per la Clemenza della Georgia ha sospeso l'esecuzione di Robert Butts Jr a meno di 24 dalla esecuzione!


Continuiamo a inviare appelli
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

9 visite

5 visite
tutta i media correlati