Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
12 Gennaio 2011 | STATI UNITI

USA

Illinois, il Parlamento vota l'abolizione della pena di morte. Si attende il via libera definitivo del Governatore Pat Quinn

 
versione stampabile

TMNews

Pena morte, Parlamento dell'Illinois ha votato l'abolizione.

Chicago, 12 gen. - Il Parlamento dell'Illinois ha votato l'abolizione della pena di morte nel collegio elettorale del presidente Barack Obama, lasciando al nuovo governatore democratico di questo Stato, Pat Quinn, la scelta di trasformare questo voto in legge. Dopo la Camera dei Rappresentanti, ieri anche il Senato dello Stato ha approvato l'abolizione della pena capitale con 32 voti favorevoli e 25 contrari. Un voto che giunge proprio mentre in Oklahoma è stato giustiziato un condannato a morte, il secondo dall'inizio del nuovo anno.

Nel braccio della morte dell'Illinois ci sono attualmente 15 condannati. Nel 2003, al termine di una moratoria di tre anni sulle esecuzioni, il governatore repubblicano George Ryan commutò tutte le condanne a morte sulla base di una serie di errori giudiziari. Lo Stato non ha più giustiziato alcun condannato dal 1999, mentre aveva applicato la pena capitale in 12 occasioni nei dieci anni precedenti. Quinn non ha rivelato le sue intenzioni. Il suo ufficio politico ha fatto sapere che, prima di decidere, il governatore intende aspettare un po' di tempo per potere esaminare il testo prima di promulgarlo.

Intanto ieri in Oklahoma è stato giustiziato un uomo di 38 anni. La pena capitale è stata eseguita con un anestetico solitamente utilizzato per l'eutanasia degli animali. Jeffrey Matthews è stato dichiarato morto alle 18.09 locali, l'1.09 in Italia. Era stato condannato nel 1995 per la morte, l'anno precedente, di un uomo di 77 anni durante un furto nella sua abitazione. Matthews, che è la seconda persona giustiziata in Oklahoma con l'aiuto del pentobarbital dall'inizio del 2011, si è sempre dichiarato innocente.

 

The New York Times

Illinois Bill Eliminating Death Row Is Approved

By MONICA DAVEY

CHICAGO — After more than a decade of debate over whether the state’s system of capital punishment could ever be fair, state lawmakers voted on Tuesday to end the death penalty in Illinois.

The move, which came only hours before a new group of lawmakers takes office in Springfield on Wednesday, leaves the future of capital punishment to the Democratic governor, Patrick J. Quinn, who has not indicated whether he will sign the legislation. If Mr. Quinn agrees to the ban, Illinois will join 15 other states without capital punishment.

A heated, sometimes graphic debate preceded a vote in the State Senate, which is dominated by Democrats. Senator Kwame Raoul, a Democrat who led efforts to end death sentences, reminded his colleagues of the state’s record of at least 13 condemned prisoners, including one who came within 50 hours of execution, who were found to have been wrongfully convicted. Supporters of the death penalty, meanwhile, described heinous cases and said there were still some circumstances so intolerable as to require execution.

The Senate voted 32 to 25 to approve the ban. The State House, also controlled by Democrats, approved the measure last week on a 60-to-54 vote. But the future of capital punishment has been in question here for years.

In 2000, George Ryan, a Republican who was then serving as governor, described the state’s death penalty system as broken, declared a moratorium on executions and later commuted the death sentences of everyone on death row — more than 100 prisoners. New convicts have been sentenced to death in Illinois since then, but no executions have been held.

 

AFP

USA: le Parlement de l'Illinois vote l'abolition de la peine de mort

CHICAGO, 11 jan 2011 - La Chambre et le Sénat de l'Illinois (nord des Etats-Unis) ont voté l'abolition de la peine de mort dans le fief du président Barack Obama, laissant au nouveau gouverneur démocrate de cet Etat, Pat Quinn, le choix de transformer ce vote en loi.

Le Sénat de l'Etat a voté par 32 voix contre 25 en faveur de l'abolition, imitant la Chambre des représentants qui avait voté dans le même sens la semaine dernière.

M. Quinn n'a pas révélé ses intentions et son bureau a fait savoir qu'il prendrait le temps d'examiner le texte avant de le promulguer.

"Le parlement de l'Illinois a montré avec courage la bonne direction en prenant cette mesure tardive", a estimé dans un communiqué Larry Cox, directeur d'Amnesty International USA. Il a rappelé que 20 personnes avaient été disculpées et libérées du couloir de la mort, depuis 30 ans.

"Ce vote illustre la montée des inquiétudes concernant la peine de mort et la volonté générale de la remplacer par d'autres types de châtiments", a déclaré de son côté Richard Dieter, directeur du Centre d'information sur la peine de mort (DPIC).

"Les problèmes liés à la peine capitale ne sont pas propres à l'Illinois. Le ras-le-bol qu'elle provoque et son coût ont conduit à une baissse générale de sa pratique", a-t-il ajouté. Le couloir de la mort de l'Illinois accueille aujourd'hui 15 condamnés. En 2003, à l'issue de trois ans de moratoire sur les exécutions, le gouverneur républicain George Ryan avait commué toutes les peines de mort, après la découverte d'une série d'erreurs judiciaires. L'Etat n'a exécuté aucun condamné depuis 1999 et en avait exécuté 12 dans les 10 années précédentes, selon le DPIC.

De même source, la peine de mort a coûté 100 millions de dollars à l'Illinois depuis 2003.

Les élus de plusieurs Etats américains s'interrogent régulièrement sur la possibilité d'abolir la peine de mort, qui est encore en vigueur dans 35 Etats sur 50, notamment en raison de son coût exponentiel par rapport à la perpétuité.

En 2009, le gouverneur du Nouveau-Mexique (sud-ouest) a signé la loi supprimant la peine capitale dans son Etat. Trois ans auparavant, c'était le New Jersey (est).

Les abolitionnistes scrutent de très près ces abolitions ponctuelles dans l'attente que 26 Etats interdisent la peine de mort. Ils pourront alors demander à la Cour suprême de l'abolir partout, au nom du 8e amendement de la Constitution qui interdit "les châtiments inhabituels", c'est-à-dire désapprouvés dans une majorité d'Etats.

Les Etats-Unis ont exécuté 46 personnes en 2010 dont une femme, contre 98 en 1999.

 

NEWS CORRELATE
4 Dicembre 2016
FIRENZE, ITALIA
A Firenze seduta solenne del Consiglio Regionale in occasione della Giornata internazionale "Città per la vita, contro la pena di morte" e Festa della Toscana, alle ore 11.00, presso il Teatro della Compagnia regionale

Riconoscimento alla Comunità di Sant'Egidio per l'impegno nella lotta alla pena capitale


Ha ritirato il premio il Prof. Adriano Roccucci, segretario generale della Comunità di Sant'Egidio
1 Dicembre 2016

dal Colosseo

1 Dicembre 2016
da Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte


Il 30 novembre è la Giornata mondiale delle città per la vita, iniziativa nata nel 2002 per abolire la pena capitale
30 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA
In occasione della Giornata delle Città per la Vita e dei 35 anni di abolizione della pena di morte in Francia

Parigi: 30 novembre, ore 19 Incontro per l'abolizione universale della pena di morte, Maison Victor Hugo, 6 Places de Vosges, Paris (Metro Bastille)


Con la Comunità di Sant'Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace, alla presenza altre personalità
30 Novembre 2016
LISBONA, PORTOGALLO
Insieme alla Comunità di Sant'Egidio

Lisbona è città per la vita, contro la pena di morte, appuntamento il 30 novembre ore 18, Arco da rua Augusta


Sono molte le città portoghesi che aderiscono alla Giornata delle città per la vita
29 Novembre 2016
BIELORUSSIA
Lo annuncia Andrei Paluda dell'Associazione Viasna. Con la Comunità di Sant'Egidio siamo vicini alla sua famiglia

Apprendiamo con dolore che condanna di Ivan Kulesh è stata eseguita in Bielorussia


Ivan è uno dei condannati per i quali stiamo inviando appelli urgenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati