Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei dentro: no pena di morte - news newslettercontattilink

Sostieni la Comunità

 
12 Gennaio 2011 | CINA

China

Una donna zambiana già condannata a morte rilasciata e tornata nel suo paese

 
versione stampabile

Lusaka Times

Zambia: China frees Zambian woman sentenced to death by firing squad

A Zambian woman, Mary Musyalike who was sentenced to death by firing squad in China for trafficking in drugs has been released and returned to Zambia.
And the Zambia Direct Democracy Movement (ZDDM) has said that her release was a a great relief and a joyous moment to the country. ZDDM National Co-ordinator Edwin Sakala said his party is pleased that Ms. Musyalike is back from China.
Mr. Sakala says though his party doesn’t support Zambians particularly women engaging themselves in illicit dealings like drug trafficking, the party believes that the gesture demonstrated by the Chinese Government to return Ms. Musyalike to Zambia will ultimately increase and strengthen the relations between Zambia and China.
In a statement released to ZANIS in Lusaka today, Mr. Sakala said the Chinese authorities acted in a brotherly manner in ensuring that Zambia’s appeal to the Chinese Government not to kill the Zambian woman by firing squad came to reality.
“We wish to thank the Zambian Government for the diplomatic efforts applied in ensuring that our sister Mary Musyalike came alive to her home Motherland, Zambia and she was not brought before the firing squad in a foreign land. I believe this is because of the bilateral relations that exists between the two countries,” Mr. Sakala said.
He appealed to all Zambians who intend to travel abroad against indulging themselves in dubious activities.
He cautioned the Zambian people that they should learn to live and survive within their means and he observed that most Zambians who have been arrested for similar offences in the past are desperately to be rich.
“Zambians particularly women need to be hard working people instead of engaging in dubious activities in their desperation for luxury.
“Many will recall that sometime last year, ZDDM had appealed to the Chinese Government through the Chinese Ambassador to Zambia Mr. Li Qiangmin not to enforce the death sentence on Ms. Musyalike as much as we respect the laws of our brothers in China, “ he said.
The ZDDM Chief thanked the Chinese Envoy to Zambia Mr. Li Qiangmin and President Rupiah Banda for having facilitated for release and return of Mary home.
“We therefore wish to thank the Chinese Ambassador to Zambia and President Rupiah Banda for having facilitated for release and return of Mary to Zambia,” he stated.

NOTIZIE CORRELATE
27 Novembre 2018
REGNO UNITO
Roma, 28 novembre

IX Incontro internazionale dei ministri della Giustizia per "Un mondo senza pena di morte"


presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari - Camera dei Deputati
27 Novembre 2018
#STAND4HUMANITY

IL 30 NOVEMBRE AL COLOSSEO: CITTA' PER LA VITA , CONTRO LA PENA DI MORTE


Lato Arco di Costantino ore 18
14 Novembre 2018
NEW YORK, STATI UNITI
La Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU ha approvato la risoluzione per la moratoria con 123 voti a favore

Approvata la risoluzione sulla moratoria della pena di morte con un numero maggiore di consensi rispetto al 2016


Un segnale positivo verso l’obiettivo dell’abolizione completa della pena capitale nel mondo!
3 Novembre 2018
La pena di morte in Germania venne applicata fin dal Medioevo. Fu cancellata dall'ordinamento giudiziario della Repubblica Federale nel 1949, mentre nella Repubblica Democratica fu abolita nel 1987

Germania: lo stato tedesco dell'Assia ha eliminato la pena di morte dalla costituzione che la conservava per un'anomalia giuridica


Con il loro voto i cittadini hanno modificato una norma che da 69 anni conservava la pena di morte
18 Ottobre 2018

Vescovi Usa: plauso per la fine della pena di morte nello Stato di Washington


"Ci uniamo ai vescovi cattolici di Washington, alla Conferenza cattolica dello Stato di Washington, alla rete di mobilitazione cattolica e a tutte le persone di buona volontà nell'accogliere favorevolmente questa decisione e perseverare nel lavoro per porre fine alla pena di morte"
12 Ottobre 2018
STATI UNITI

Lo Stato di Washington ha abolito la pena di morte


La Corte suprema dello Stato di Washington ha stabilito che la pena di morte “viola la Costituzione” e di conseguenza viene abolita
tutte le notizie correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati