Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
24 Gennaio 2011 | PAKISTAN

Pakistan

Manifestazione per Aasia Bibi, la Comunità di Sant'Egidio: "La pena di morte è sempre inaccettabile, specie se inflitta per motivi religiosi"

 
versione stampabile

Agenzia Fides

PAKISTAN - Difendere Asia Bibi per costruire una civiltà del convivere

Roma – “Accogliamo con soddisfazione e speranza l’impegno dell’Italia per la salvezza di Asia Bibi e per l’abolizione della legge sulla blasfemia” dice all’Agenzia Fides Peter Jacob, Segretario Esecutivo della Commissione “Giustizia e Pace” della Conferenza Episcopale pakistana, alla vigilia della manifestazione pubblica “Asia Bibi: libertà, giustizia, diritti umani” che si terrà a Roma il 26 gennaio, promossa da un gruppo di parlamentari e di associazioni della società civile italiana. “Quello della società civile italiana – nota Jacob – è un esempio unico di un paese che si mostra vicino ai problemi del popolo pakistano. Già gli interventi del Santo Padre Benedetto XVI, del Ministro degli Esteri italiano e  la recente risoluzione del Parlamento Europeo, hanno aiutato a calamitare l’attenzione internazion ale sul caso di Asia Bibi. Ci aspettiamo che la manifestazione del 26 gennaio possa servire a sensibilizzare ulteriormente: è una questione che tocca i diritti umani, la costruzione della democrazia, e il futuro comune dell’umanità. Speriamo che questo movimento possa essere d’esempio in altri paesi e che si faccia sentire il sostegno alla società civile del Pakistan, per contrastare quelle forze che cercano di polarizzare la società”.

Difendere la vita di Asia Bibi, la prima donna condannata a morte con l’accusa di blasfemia in Pakistan, significa “affermare che la giustizia si ottiene nella costruzione di una civiltà del convivere, dove le diversità religiose, etniche e culturali non siano mai motivo di ostilità, ma di pacifica convivenza” spiega all’Agenzia Fides Valeria Martano, responsabile per l’Asia nella Comunità di Sant’Egidio, una delle associazioni promotrici della manifestazione del 26 gennaio. L’iniziativa intende ribadire l'urgenza del rispetto della libertà religiosa, della dignità e dei diritti inalienabili di tutti i cittadini del Pakistan, e chiede l’abrogazione della legge sulla blasfemia in Pakistan.

Valeria Martano dichiara a Fides: “La Comunità di Sant’Egidio è presente da anni in Pakistan, dove svolge un'attività di sostegno ai più poveri e di promozione del dialogo tra comunità religiose. Abbiamo aderito alla manifestazione, auspicando una soluzione positiva del caso di Asia Bibi, che rischia la vita a causa di una legge che espone ad abusi e ingiustizie tutti i cittadini pakistani, ma in particolare le minoranze religiose, come i cristiani in Pakistan, e chi appartiene a categorie più deboli, come i poveri e le donne”. In questa campagna c’è anche l’urgenza di sostenere una moratoria delle esecuzioni capitali in Pakistan: “La pena di morte è sempre inaccettabile, e ancora di più quando si adducono motivi religiosi per comminarla”, conclude.

Anche Amnesty International “prende parte con convinzione alla manifestazione del 26 gennaio: Salvare Asia Bibi e ottenere l'abolizione della legislazione anti-blasfemia, che in Pakistan mette a rischio la vita di chi appartiene a un credo religioso di minoranza, è un obiettivo da raggiungere al più presto” spiega a Fides Riccardo Noury di Amnesty – Italia. “La mobilitazione della società civile italiana – aggiunge – è accanto a chi in Pakistan, con coraggio e determinazione, è impegnato in una difficile lotta per il rispetto dei diritti umani”. (PA)

NEWS CORRELATE
24 Giugno 2017
STATI UNITI

Comunità di Sant'Egidio: a Washington per rafforzare l'impegno contro la pena di morte

2 Maggio 2017
STATI UNITI

Anthony Farina non è più condannato a morte. Non sarà libero, ma non rischia più l'esecuzione


Dal 2012 migliaia di appelli urgenti alle autorità e lettere e cartoline a Anthony hanno sostenuto questo importante cambiamento
29 Aprile 2017
STATI UNITI
Apprendiamo che lo Stato dell'Arkansas ha portato a termine quattro delle esecuzioni previste

L'ultima esecuzione ieri, Kenneth William era un afroamericano di 38 anni

21 Aprile 2017
STATI UNITI

L'Arkansas ha messo a morte uno dei condannati di nome Ledell Lee


E' prima esecuzione dal 2005. La nostra campagna continua con l'invio di appelli e la richiesta di clemenza
15 Aprile 2017
STATI UNITI
Un giudice ha accolto il ricorso dell'azienda produttrice dei farmaci: il prodotto non era stato venduto per questo scopo

Fermate le esecuzioni in Arkansas in seguito all'esposto di un'azienda farmaceutica


Il provvedimento è temporaneo, continuiamo a inviare appelli!
7 Aprile 2017
STATI UNITI

La lotta e le speranze di fermare le esecuzioni in Arkansas


Anche alcune ex guardie carcerarie hanno scritto al governatore, preoccupate per i pesantissimi effetti psicologici sui loro colleghi
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

13 visite

5 visite

9 visite

7 visite

8 visite
tutta i media correlati