Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
24 Gennaio 2011 | PAKISTAN

Pakistan

Manifestazione per Aasia Bibi, la Comunità di Sant'Egidio: "La pena di morte è sempre inaccettabile, specie se inflitta per motivi religiosi"

 
versione stampabile

Agenzia Fides

PAKISTAN - Difendere Asia Bibi per costruire una civiltà del convivere

Roma – “Accogliamo con soddisfazione e speranza l’impegno dell’Italia per la salvezza di Asia Bibi e per l’abolizione della legge sulla blasfemia” dice all’Agenzia Fides Peter Jacob, Segretario Esecutivo della Commissione “Giustizia e Pace” della Conferenza Episcopale pakistana, alla vigilia della manifestazione pubblica “Asia Bibi: libertà, giustizia, diritti umani” che si terrà a Roma il 26 gennaio, promossa da un gruppo di parlamentari e di associazioni della società civile italiana. “Quello della società civile italiana – nota Jacob – è un esempio unico di un paese che si mostra vicino ai problemi del popolo pakistano. Già gli interventi del Santo Padre Benedetto XVI, del Ministro degli Esteri italiano e  la recente risoluzione del Parlamento Europeo, hanno aiutato a calamitare l’attenzione internazion ale sul caso di Asia Bibi. Ci aspettiamo che la manifestazione del 26 gennaio possa servire a sensibilizzare ulteriormente: è una questione che tocca i diritti umani, la costruzione della democrazia, e il futuro comune dell’umanità. Speriamo che questo movimento possa essere d’esempio in altri paesi e che si faccia sentire il sostegno alla società civile del Pakistan, per contrastare quelle forze che cercano di polarizzare la società”.

Difendere la vita di Asia Bibi, la prima donna condannata a morte con l’accusa di blasfemia in Pakistan, significa “affermare che la giustizia si ottiene nella costruzione di una civiltà del convivere, dove le diversità religiose, etniche e culturali non siano mai motivo di ostilità, ma di pacifica convivenza” spiega all’Agenzia Fides Valeria Martano, responsabile per l’Asia nella Comunità di Sant’Egidio, una delle associazioni promotrici della manifestazione del 26 gennaio. L’iniziativa intende ribadire l'urgenza del rispetto della libertà religiosa, della dignità e dei diritti inalienabili di tutti i cittadini del Pakistan, e chiede l’abrogazione della legge sulla blasfemia in Pakistan.

Valeria Martano dichiara a Fides: “La Comunità di Sant’Egidio è presente da anni in Pakistan, dove svolge un'attività di sostegno ai più poveri e di promozione del dialogo tra comunità religiose. Abbiamo aderito alla manifestazione, auspicando una soluzione positiva del caso di Asia Bibi, che rischia la vita a causa di una legge che espone ad abusi e ingiustizie tutti i cittadini pakistani, ma in particolare le minoranze religiose, come i cristiani in Pakistan, e chi appartiene a categorie più deboli, come i poveri e le donne”. In questa campagna c’è anche l’urgenza di sostenere una moratoria delle esecuzioni capitali in Pakistan: “La pena di morte è sempre inaccettabile, e ancora di più quando si adducono motivi religiosi per comminarla”, conclude.

Anche Amnesty International “prende parte con convinzione alla manifestazione del 26 gennaio: Salvare Asia Bibi e ottenere l'abolizione della legislazione anti-blasfemia, che in Pakistan mette a rischio la vita di chi appartiene a un credo religioso di minoranza, è un obiettivo da raggiungere al più presto” spiega a Fides Riccardo Noury di Amnesty – Italia. “La mobilitazione della società civile italiana – aggiunge – è accanto a chi in Pakistan, con coraggio e determinazione, è impegnato in una difficile lotta per il rispetto dei diritti umani”. (PA)

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati