Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
5 Febbraio 2011 | TUNISIA

Tunisia

Il Governo di transizione abolisce la pena di morte

 
versione stampabile

ANSA

TUNISIA:ABOLITA PENA MORTE, APPROVATA MISURA CONTRO TORTURA

TUNISI, 4 FEB - Il consiglio dei ministri tunisino ha approvato una serie di convenzioni internazionali e di protocolli non vincolanti riguardanti, in particolare, l'abolizione della pena di morte, la lotta contro la tortura e la protezione delle persone contro le scomparse forzate.
Attualmente in Tunisia i condannati a morte per impiccagione sono 130, tra cui quattro donne. L'ultima sentenza e' stata eseguita nel mese di ottobre del 1991. Le condanne a morte vengono tramutate nell' ergastolo ''duro'', nel senso che i condannati non hanno piu' alcun contatto con il mondo esterno, familiari ed avvocati difensori compresi.


TGCOM

4/2/2011
Tunisia, abolita la pena di morte
A
pprovati protocolli contro torture

La Tunisia ha approvato una serie di convenzioni internazionali e di protocolli non vincolanti riguardanti, in particolare, l'abolizione della pena di morte, la lotta contro la tortura e la protezione delle persone contro le scomparse forzate. Attualmente in Tunisia i condannati a morte per impiccagione sono 130, tra cui quattro donne. L'ultima sentenza è stata eseguita nel mese di ottobre del 1991.
Le condanne a morte vengono tramutate nell'ergastolo "duro", nel senso che i condannati non hanno più alcun contatto con il mondo esterno, familiari ed avvocati difensori compresi. La decisione è stata presa dal governo di transizione guidato dal primo ministro Mohamed Ghannouchi. Abbiamo aderito, ha spiegato il portavoce dell'esecutivo, "alle più importanti convenzioni internazionali: la convenzione internazionale sulla protezione delle persone contro le scomparse, lo Statuto di Roma costitutivo della Corte penale Internazionale (Cpi), protocollo non obbligatorio allegato alla alla convenzione internazionale contro la tortura, e i protocolli non obbligatori allegati al Patto internazionale sui diritti civili e politici".
Saranno inoltre "esaminate" le "riserve" poste dalla Tunisia ai tempi del regime di Ben Ali su altre convenzioni internazionali riguardanti la pena di morte, l'infanzia e la convenzione per l'eliminazione di tutte le forme di discriminazione verso le donne.

 Misna

TUNISIA - ABOLITA PENA DI MORTE, STANDARD INTERNAZIONALI PIÙ VICINI

Il consiglio dei ministri tunisino ha approvato una serie di convenzioni internazionali che prevedono l'abolizione della pena di morte, la lotta contro la tortura e la protezione delle persone dalle pratiche di arresto preventivo e sparizioni. In base alla nuove normative, i condannati a morte – circa 130 allo stato attuale - si vedranno tramutare la sentenza in ergastolo duro, che non prevede contatti con il mondo esterno, familiari, avvocati e difensori compresi. Il nuovo governo ha annunciato inoltre che sono allo studio delle diverse commissioni la rimozione delle riserve sulla Convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (Cedaw). Con queste decisioni, a lungo attese, la Tunisia si avvicina a grandi passi verso il rispetto degli standard universali dei diritti umani. "Si tratta di una prima nella regione del Nord Africa, e questo va sottolineato" ha osservato Khadija Cherif, segretario generale della Federazione internazionale per i diritti dell'uomo (Fidh). "E speriamo - ha aggiunto Cherif - che queste ratifiche consentano alla Tunisia di passare dalla parte della concreta garanzia dei diritti umani di ciascuno". Nei giorni scorsi il Consiglio aveva approvato l’adesione a diverse convenzioni internazionali, in particolare quelle per la protezione delle persone contro le sparizioni forzate e ai protocolli facoltativi, al patto internazionale sui diritti civili e politici e al protocollo facoltativo dell’Onu sulla lotta contro la tortura e i trattamenti crudeli. E’ stata infine approvata l’adesione allo Statuto di Roma, istitutivo della Corte penale internazionale.[AdL]

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati