Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
29 Marzo 2011

Amnesty International

Rapporto: meno esecuzioni nel 2010, ma più paesi-killer

 
versione stampabile

Adnkronos

PENA DI MORTE: AMNESTY, NEL 2010 MENO ESECUZIONI IL MAGGIOR NUMERO IN CINA

Roma, 28 mar. - Il numero complessivo delle esecuzioni ufficiali e' calato da almeno 714 nel 2009 ad almeno 527 nel 2010. Si crede che la Cina abbia messo a morte migliaia di prigionieri nel 2010, ma Pechino continua a mantenere il segreto sull'uso della pena di morte. E' quanto emerge dal rapporto di Amnesty International "Condanne a morte ed esecuzioni nel 2010", diffuso oggi.
I paesi che continuano a ricorrere alla pena di morte sono sempre piu' isolati, dopo un decennio di progressi verso l'abolizione, rileva il rapporto. Negli ultimi 10 anni, 31 paesi hanno abolito la pena di morte nella legge o nella prassi, mentre Cina, Iran, Arabia Saudita, Stati Uniti d'America e Yemen restano tra i paesi che piu' frequentemente ricorrono alle esecuzioni, in alcuni casi in flagrante contraddizione col diritto internazionale dei diritti umani.
"La minoranza degli stati che continua a usare sistematicamente la pena di morte e' stata responsabile di migliaia di esecuzioni nel 2010, sfidando la tendenza globale contro la pena capitale", afferma Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International.
Mentre le esecuzioni paiono essere in declino, un numero di paesi continua a emettere condanne a morte per reati legati alla droga, reati di natura economica, per relazioni sessuali tra adulti consenzienti e per blasfemia, violando il diritto internazionale dei diritti umani che vieta l'uso della pena capitale salvo per i crimini piu' gravi", sottolinea ancora Shetty.
Due regioni, Asia e Medio Oriente, sono state responsabili della maggior parte delle esecuzioni nel 2010, rileva il rapporto. La Cina ha usato la pena di morte nei confronti di migliaia di persone per un'ampia serie di reati, anche di natura non violenta e al termine di procedimenti che non hanno rispettato gli standard internazionali sui processi equi, sottolinea Amnesty.
Un significativo numero di esecuzioni e condanne a morte nel 2010 ha riguardato reati legati alla droga in Arabia Saudita, Cina, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Indonesia, Iran, Laos, Libia, Malesia, Thailandia e Yemen. Inoltre, rileva Amnesty International, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Iran, Pakistan e Sudan hanno ignorato i divieti internazionali e hanno emesso condanne a morte per reati commessi a un'eta' inferiore a 18 anni.
Il rapporto mette aanche in evidenza una serie di passi indietro: nel 2010, sei paesi e territori hanno eseguito condanne a morte dopo un intervallo nelle esecuzioni e un paese ha esteso ad altri reati l'applicazione della pena capitale.
"Nonostante i passi indietro, gli sviluppi del 2010 ci hanno ulteriormente avvicinato all'abolizione globale. Il presidente della Mongolia ha annunciato una moratoria sulla pena di morte, un passo importante in un paese dove la pena capitale e' ancora un segreto di stato. Per la terza volta e con un sostegno ancora piu' ampio, l'Assemblea generale dell'Onu ha chiesto una moratoria globale sulle esecuzioni", rileva Shetty.
Dal 2003, meno della meta' dei paesi mantenitori ha eseguito condanne a morte. Meno di un terzo di essi ha eseguito condanne a morte ogni anno nell'ultimo quadriennio. "Ogni paese che continua eseguire condanne a morte sfida le norme sui diritti umani e gli organismi delle Nazioni Unite, entrambi affermano che l'obiettivo finale di ogni paese dovrebbe essere l'abolizione della pena capitale.
Un mondo libero dalla pena di morte non solo e' possibile, e' inevitabile. La domanda e' quanto ci vorra'", conclude Shetty.

 

AFP

La peine de mort recule dans le monde, mais pas en Chine (Amnesty)

LONDRES, 28 mars 2011 - La peine de mort est en recul dans le monde, mais des milliers d'exécutions capitales ont eu lieu en 2010 dans des pays comme l'Iran, la Corée du Nord, le Yémen, les Etats-Unis, l'Arabie saoudite et surtout la Chine, selon un rapport d'Amnesty International.
"Au moins 527 exécutions capitales" ont pu être recensées l'an dernier par l'organisation de défense des droits de l'Homme, contre 714 "au moins" en 2009.
Mais ces chiffres excluent la Chine, silencieuse sur le sujet. Or, d'après Amnesty, les exécutions s'y compteraient par "milliers".
C'est en Asie et au Moyen-Orient que les exécutions capitales ont été les plus nombreuses.
"La minorité d'Etats qui continuent à avoir recours systématiquement à la peine de mort est responsable de milliers d'exécutions en 2010, allant à l'encontre de la tendance générale de reflux des exécutions capitales", souligne Salil Shetty, secrétaire général d'Amnesty, dans ce rapport.
Téhéran a ainsi reconnu 252 exécutions capitales l'an dernier, dont celles de cinq femmes et d'un mineur. Quatorze personnes y ont fait l'objet d'exécutions publiques.
60 exécutions ont également été comptabilisées en Corée du Nord, 53 au Yémen et 27 en Arabie saoudite.
Aux Etats-Unis, 46 exécutions capitales ont été décomptées et 110 condamnations à la peine de mort prononcées, mais ce chiffre représente "un tiers seulement de celles infligées au milieu des années 90", note Amnesty.
C'est la Chine qui arrive en tête de liste. D'après Amnesty, Pékin aurait eu recours à la peine de mort en 2010 contre "des milliers de personnes", y compris pour des délits commis sans violence, sans procédure ni procès équitables.
Certains pays continuent à prononcer la peine capitale "pour des affaires de drogue, des délits économiques, des relations sexuelles entre adultes consentants et pour blasphème", en violation de la législation internationale sur les droits de l'Homme qui interdit le recours à la peine de mort, excepté pour les crimes les plus graves, déplore aussi Amnesty.
Une partie importante des exécutions capitales signalées l'an dernier en Chine, Egypte, Indonésie, Iran, Laos, Libye, Malaisie, Thaïlande, Emirats arabes unis, Arabie saoudite et au Yémen étaient ainsi liées à des affaires de drogue, relève Amnesty.
D'après l'organisation, l'Iran, le Pakistan, l'Arabie saoudite et les Emirats ont par ailleurs condamné à mort des personnes qui avaient moins de 18 ans au moment des faits, en violation des règles internationales.
Amnesty regrette également que six pays (Bahrein, Belarus, Guinée équatoriale, Somalie, Taïwan, ainsi que l'Autorité palestinienne) aient recommencé à pratiquer des exécutions.
"En dépit de ces échecs, l'année 2010 nous a rapprochés un peu plus d'une abolition mondiale", juge Amnesty.
La Mongolie a annoncé un moratoire sur la peine de mort, un pas important dans un pays où celle-ci est toujours considérée comme un secret d'Etat.
Le Gabon a aussi renoncé à la peine capitale l'an dernier, portant à seize le nombre des membres de l'Union africaine ayant opté pour l'abolition.
Au cours des dix dernières années, 31 pays ont aboli la peine de mort, dans leur législation ou en pratique, relève l'organisation.

"Un monde sans peine de mort n'est pas seulement possible, il est aussi inévitable. La question est de savoir combien de temps cela prendra", conclut Amnesty.
a/dh/dfg

 

Associated Press

Amnesty: More countries now executing convicts

The number of countries executing convicts rose to 23 in 2010, four more than the previous year, Amnesty International said in a report published Monday.
The year 2009 saw the lowest number of countries impose the death penalty since the 50-year-old rights organization began keeping statistics.
Despite the rise in 2010, the London-based group said momentum is still with those who are seeking to outlaw the practice, which it argues is cruel and degrading. An increasing number of countries have stripped capital punishment from their books, and fewer executions are being reported across the globe, the report said.
"Countries that use the death penalty are increasingly isolated following a decade of progress toward abolition," Amnesty said in a statement. "A world free of the death penalty is not only possible, it is inevitable. The question is how long will it take."
The West African nation of Gabon became the 96th nation to officially eschew the use of capital punishment in February 2010, and the number of such abolitionist countries have doubled in the past two decades, the group said.
In many countries that still carry out executions, the use of the death penalty has dropped. The United States executed 46 people in 2010, a fall from 2009, when 52 people were put to death. Amnesty noted that the 110 death sentences handed down in the United States in 2010 represent only about a third of the number handed down in the mid-1990s.
Globally, Amnesty reported that at least 527 executions were carried out in 2010, although that figure only represents a fraction of the death sentences thought to have been imposed worldwide.
China retained the title of the world's biggest executioner, killing what Amnesty estimated were thousands of convicts. The group said it could not put a specific figure on the number of people sentenced to death there because the issue of executions in China is shrouded in secrecy.
Other top executioners identified by Amnesty included Iran, which executed at least 252 people in 2010, North Korea, with at least 60 executions, and Yemen, with at least 53 executions.
The rights group warned that those numbers could be far higher. For example, it said it had credible reports of more than 300 additional executions in Iran. Information from North Korea and other repressive communist countries remains incomplete, it said.

NEWS CORRELATE
20 Agosto 2016
STATI UNITI
PENA SOSPESA PER JEFF WOOD

L'ESECUZIONE DI JEFFERY WOOD NON AVRA' LUOGO


LA SUA ESECUZIONE ERA STATA FISSATA PER IL 24 AGOSTO 2016
5 Luglio 2016
CONAKRY, GUINEA
L'abolizione della pena capitale era stata indicata come possibile dal Ministro della Giustizia Cheik Sako nel corso del Convegno promosso a Roma dalla Comunità di Sant'Egidio lo scorso febbraio

Guinea-Conakry: il parlamento ha approvato l'abolizione pena di morte dal codice penale


E' il primo passo per passare dalla moratoria de facto alla moratoria de jure. L'abolizione sarà la tappa successiva
25 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Marazziti presenta l'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio

"Citiesforlife" a Oslo, come metodo per continuare nella via dell'abolizione #AbolitionNow


A Oslo la marcia degli abolizionisti per le strade della città
20 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA
Inizia oggi il VI Congresso Mondiale Contro la Pena di Morte a Oslo

La Comunità di Sant'Egidio partecipa al Congresso di Oslo con una delegazione da Italia, Congo, Belgio, Spagna, Germania e Indonesia


Sono 1500 gli iscritti provenienti da oltre 80 paesi del mondo, tra loro 20 ministri, 200 diplomatici, parlamentari, accademici, avvocati, associazioni e membri della società civile
4 Giugno 2016
CITTÀ DEL VATICANO
No alla pena di morte e all'ergastolo: "Una pena senza speranza è tortura"

Papa Francesco parlando ai magistrati e giuristi del mondo torna a dire No alla pena di morte

24 Maggio 2016
INDONESIA
La Comunità di Sant'Egidio in Indonesia e le associazioni indonesiane impegnate in difesa dei diritti umani come Kontras, Imparsial, Elsam, Lbh Masyarakat, chiedono di fermare le esecuzioni

La Chiesa e la società civile si mobilitano contro le esecuzioni capitali


Giacarta è tra le 15 città indonesiane dove negli anni scorsi si è tenuta la manifestazione "Città per la vita, città contro la pena di morte" organizzata da Sant'Egidio in oltre duemila comuni nei cinque continenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
23 Maggio 2016
AP

Malaysian death row convict loses final appeal in Singapore
23 Maggio 2016
AsiaNews

Vescovo filippino: È presto per giudicare il contraddittorio Duterte. No alla pena di morte
14 Maggio 2016
Ilsole24ore

Pfizer blocca i farmaci per la pena di morte negli Usa
14 Maggio 2016
La Stampa

Pena di morte, Pfizer blocca l’uso dei suoi farmaci per le iniezioni letali negli Usa
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

3 visite

2 visite

1 visite

1 visite

7 visite
tutta i media correlati