Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
1 Maggio 2011 | STATI UNITI

USA

Connecticut, le famiglie delle vittime contro la pena di morte

 
versione stampabile

The New York Times

Co-Victims Against the Death Penalty

As the country has increasingly turned against capital punishment as barbaric and horrifyingly prone to legal abuses, defenders are pointing to the emotional needs of the families of murder victims — “co-victims” to those who study crime — as justification. Many family members, however, have said they want no part of that.
When New Jersey abolished the death penalty in 2007 and New Mexico did in 2009, each did so with the support of co-victims. In Connecticut, the Legislature’s joint Judiciary Committee has now approved a bill that would repeal that state’s death penalty, again with the support of victims’ families.
The family members say that rather than providing emotional closure, the long appeals process in death penalty cases is actually prolonging their suffering. They also say it wastes money and unjustifiably elevates some murders above others in importance. In an open letter to the Connecticut Legislature, relatives of murder victims — 76 parents, children and others — wrote that “the death penalty, rather than preventing violence, only perpetuates it and inflicts further pain on survivors.”
Their arguments were a moving and effective part of the effort that led to the committee’s repeal vote. Now Connecticut’s leaders need to bring these arguments to a wider state audience. A March opinion poll in Connecticut showed that 48 percent of residents favored the death penalty over life without parole, up from 37 percent in 2005.
The increase is not surprising, since news in the state has been dominated by the trials of the murderers in the 2007 home invasion killings in Cheshire. Dr. William Petit Jr., who lost his wife and two children, is an outspoken advocate for the death penalty, arguing that vicious killers should pay with their lives.
We do not minimize the suffering of family members, wherever they stand on the issue. But the facts are undeniable. The death penalty does not deter crime and the long history of legal abuses is well documented. Connecticut’s full Legislature should pass the repeal bill and Gov. Dannel Malloy should sign it into law.

NEWS CORRELATE
4 Dicembre 2016
FIRENZE, ITALIA
A Firenze seduta solenne del Consiglio Regionale in occasione della Giornata internazionale "Città per la vita, contro la pena di morte" e Festa della Toscana, alle ore 11.00, presso il Teatro della Compagnia regionale

Riconoscimento alla Comunità di Sant'Egidio per l'impegno nella lotta alla pena capitale


Ha ritirato il premio il Prof. Adriano Roccucci, segretario generale della Comunità di Sant'Egidio
1 Dicembre 2016

dal Colosseo

1 Dicembre 2016
da Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte


Il 30 novembre è la Giornata mondiale delle città per la vita, iniziativa nata nel 2002 per abolire la pena capitale
30 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA
In occasione della Giornata delle Città per la Vita e dei 35 anni di abolizione della pena di morte in Francia

Parigi: 30 novembre, ore 19 Incontro per l'abolizione universale della pena di morte, Maison Victor Hugo, 6 Places de Vosges, Paris (Metro Bastille)


Con la Comunità di Sant'Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace, alla presenza altre personalità
30 Novembre 2016
LISBONA, PORTOGALLO
Insieme alla Comunità di Sant'Egidio

Lisbona è città per la vita, contro la pena di morte, appuntamento il 30 novembre ore 18, Arco da rua Augusta


Sono molte le città portoghesi che aderiscono alla Giornata delle città per la vita
29 Novembre 2016
BIELORUSSIA
Lo annuncia Andrei Paluda dell'Associazione Viasna. Con la Comunità di Sant'Egidio siamo vicini alla sua famiglia

Apprendiamo con dolore che condanna di Ivan Kulesh è stata eseguita in Bielorussia


Ivan è uno dei condannati per i quali stiamo inviando appelli urgenti
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite
tutta i media correlati