Le donazioni alla Comunità di Sant'Egidio sono fiscalmente deducibili
secondo la normativa vigente
 
Anche quest'anno è possibile destinare il 5x1000 alla Comunità di Sant'Egidio
Scrivi il numero 80191770587 nella dichiarazione dei redditi

Andrea Riccardi: sul web

Andrea Riccardi: sui social network

Andrea Riccardi: la rassegna stampa

change language
sei in: no pena di morte - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
23 Giugno 2011 | STATI UNITI

TEXAS/USA

Messo a morte Milton Mathis, ritardato mentale, nonostante la sentenza della Corte Suprema.

 
versione stampabile

PANORAMA.IT


Milton Mathis, ritardato mentale, messo a morte, nonostante la sentenza della Corte Suprema.

Milton Mathis aveva collezionato già da un piccolo una serie di insuccessi scolastici che avevano fatto dire ai suoi insegnanti che quel ragazzino nero della Contea di Fort Bend, profondo Texas, aveva sicuramente dei grossi limiti cognitivi e di apprendimento.

Era stato bocciato in prima e quinta elementare e un paio di volte alle medie prima di lasciare la scuola all’età di 14 anni. Da allora in poi aveva vissuto, come migliaia di altri suoi coetanei delle fasce meno abbienti della popolazione, più di espedienti, più di disillusioni sul lavoro che del tentativo di costruirsi una professione.

Aveva fatto l’aiuto cuoco, l’aiuto meccanico, il manovale. Tutto questo fino a quella mattina del 15 dicembre del 1998, quando Milton uccise due persone, due uomini, e ferì gravemente una terza, una donna (che poi rimarrà paralizzata) mentre si trovava in un’abitazione privata, considerata dalla polizia un luogo di spaccio di droga. Secondo gli inquirenti, fu una rapina finita male. Mathis raccontò che uno dei due uomini gli aveva sparato prima che lui, a sua volta, gli sparasse in testa.

Un anno dopo, nel 1999, Milton Mathis venne condannato alla pena capitale. Tre anni dopo quella sentenza, la Corte Suprema degli Usa decise che eseguire condanne a morte di persone ritenute minorate mentali era solo una “crudele” punizione.

Gli avvocati di Milton si appellarono a quella decisione della più alta corte di giustizia americana per tentare di salvare il loro assistito. E iniziarono l’iter per dimostrare che Milton non poteva salire sul patibolo. Tirarono fuori dal fascicolo i risultati di un test sul Quoziente di Intelligenza, deciso dal Texas Department of Corrections, che il detenuto aveva fatto nel 2000. Il livello raggiunto da Mathis era ben inferiore a quello richiesto dagli standard applicati in diversi stati degli Usa.

Ma quel test non fermò la macchina dell’esecuzione. Nel 2005, una corte texana rigettò il ricorso degli avvocati, affermando che l’intelligenza di Miltion Marthis era normale, la “tipica” intelligenza di un criminale di strada. I legali non si arresero, ma ogni tribunale interpellato in seguito diede loro torto, che fossero corti statali o federali. A mettere la parola fine a questa odissea giudiziaria è stata la Corte Suprema che, martedì scorso ha rigettato l’ultimo ricorso, l’ultima istanza dei legali.

L’ultima speranza era però nella mani di Rick Perry. Una speranza veramente flebile visto che  il governatore repubblicano del Texas è il governatore che nella storia moderna degli Usa ha fatto eseguire il maggior numero di condanne a morte: 230 (in una decina di anni).

E, infatti, Rick Perry ha fatto pollice verso. Prima di morire all’età di 32 anni, di cui più di dieci trascorsi in carcere, Milton Mathis ha detto un paio di parole sul sistema che aveva deciso di mandarlo a morte.

 “Non uccidiamo minorati mentali, quello è solo una ragazzo che ha tentato di fare il furbo”, è stato il commento di un portavoce del governatore. Aveva dei forti limiti mentali, aggravati dal pesante uso di droghe in giovane età, è stata al risposta di Steven Rocket Rosen, il primo avvocato di Milton.

Comunque sia la vita di Milton Mathis è terminata alle 6 e 53 di un’alba texana, nel braccio della morte del carcere di Huntsville.

Nonostante la sentenza della Corte Suprema, secondo le associazioni per i diritti civili, altre esecuzioni capitali di altri minorati mentali sono state eseguite in questi anni. Come nel caso di Daniel Lee Bedford, giustiziato in Ohio nello scorso maggio. I suoi avvocati affermavano che fosse afflitto da demenza e che non fosse in grado di capire il perché stava per essere ucciso con una iniezione letale. Ma la Macchina della Morte non si è fermata.

Come non l’ha fatto nel caso di Frank Spisak, la cui sentenza di morte è stata eseguita sempre in Ohio, ma due mesi prima di quella di Bedford. Uccise tre persone non per odio, ma perché malato mentale da tempo, hanno detto prima (inutilmente) e dopo (sconsolati) i suoi avvocati.

In un momento in cui diversi stati degli Usa hanno deciso una moratoria delle esecuzioni, i casi di Mathis, Bedford e Spisak fanno riflettere.

Michele Zurleni, Panorama.it

-----------------------

Associated Press & Rick Halperin

Milton Mathis executed for Houston double slaying

Convicted killer Milton Mathis was executed Tuesday evening for fatally shooting 2 people inside a Houston crack house in 1998. The lethal injection was carried out shortly after the U.S. Supreme Court rejected appeals from his defense attorneys, who argued that Mathis was mentally impaired and therefore ineligible for execution. Mathis, 32, was condemned for a shooting spree that killed Travis Brown III, 24, and Daniel Hibbard, 31, less than two weeks before Christmas in 1998. A 15-year-old girl, Melony Almaguer, also was shot and left paralyzed. Almaguer, seated in a wheelchair and accompanied by her husband, was among a small group of people who watched Mathis die from behind a window at the Huntsville Unit of the Texas Department of Criminal Justice. "I never meant to hurt you," Mathis, strapped to a gurney with tubing taped to his arms, told Almaguer. "You were just at the wrong place at the wrong time." Her husband stood with his hand on her shoulder and at one point brushed her face with his hand. They declined to speak with reporters after leaving the prison. Mathis thanked his friends and relatives, and asked for mercy for himself and "these people carrying out this mass slaughter." "The system has failed me," he said. "This is what you call a miscarriage of justice. Life is not supposed to end this way ... I just ask the Lord, when I knock at the gates, you just let me in." He yawned and gasped, then began snoring as the lethal drugs began taking effect. 9 minutes later, at 6:53 p.m. CDT, he was pronounced dead. An unsuccessful late appeal to the Texas Court of Criminal Appeals briefly delayed the punishment. In their appeal filed Monday with the Supreme Court, his attorneys also argued that Mathis' claims of mental impairment hadn't been reviewed by any federal court because of a "procedural quagmire" and "freakish coincidence" of state and federal legal issues involving the timing of his appeals. Attorney Lee Kovarsky also argued that if Mathis was executed, he likely would have the lowest IQ of any Texas inmate put to death since the Supreme Court 9 years ago barred execution of the mentally impaired. One test cited in Mathis' appeals put his IQ as low as 62, below the threshold of 70 considered by the courts to be the level for deciding mental impairment. Other tests showed Mathis' IQ considerably higher. State attorneys cited a federal appeals court ruling declaring it was a "mystery how Mathis could have scored 10-20 points higher on his IQ test before trial as compared to after his conviction." State attorneys said the low test results could have been the result of his heavy drug use, including PCP and "Fry," a marijuana cigarette soaked in embalming fluid laced with PCP, alcohol and codeine cough syrup. State lawyers who opposed the reprieve argued Mathis was not mentally impaired and that his claims were thoroughly litigated in a state court proceeding which included an evidentiary hearing with expert defense witnesses and legal assistance for Mathis. "Mathis has already been afforded the requested relief in state court — review of his mental retardation claim — he fails to demonstrate that his right to further review is clear and indisputable," Laura Grant Turbin, an assistant Texas attorney general, told the Supreme Court. Mathis testified at his 1999 trial that he wasn't at the scene of the shooting, even though his lawyers had told jurors he was there. After meeting with his attorneys, he changed his testimony to acknowledge he was present, explaining he was afraid when he didn't initially tell the truth. He said he shot Brown in self-defense because Brown had threatened to shoot him. And he said he panicked and opened fire on Hibbard and Almaguer. Testimony from the girl's mother showed that he also tried to shoot her but his gun was out of bullets. Before he fled, Mathis set fire to Brown's room and then stole Brown's Cadillac, according to evidence. At the time of the shooting, Mathis was on probation for aggravated robbery. Mathis also was set for execution in 2005, but it was halted a day before his scheduled execution date by the Texas Court of Criminal Appeals, which wanted to review his claims. Mathis refused to speak with reporters in the weeks leading up to his execution. One of his trial attorneys, Pheobe Smith, described him as cooperative and respectful but acknowledged that the facts of the case didn't help the defense team. "I look at this case as a failure on our part," she said. "I don't think Milton Mathis should be on death row." Fred Felcman, the Fort Bend County assistant district attorney who prosecuted Mathis, called him a violent individual and "a little thug." "He'd already been assaulting people and killing people's dogs and holding them for ransom," Felcman said. "People were almost more upset by the dogs than by killing people. ... He's got a low IQ but he's very street savvy and very street smart." Mathis becomes the 6th condemned inmate to be put to death this year in Texas and the 470th overall since the state resumed capital punishment on December 7, 1982. Mathis becomes the 231st condemned inmate to be put to death since Rick Perry became governor of Texas in 2001. Mathis becomes the 23rd condemned inmate to be put to death this year in the USA and the 1257th overall since the nation resumed executions on January 17, 1977.

 

NEWS CORRELATE
1 Dicembre 2016

dal Colosseo

1 Dicembre 2016
da Avvenire

Sant'Egidio. Duemila città si illuminano contro la pena di morte


Il 30 novembre è la Giornata mondiale delle città per la vita, iniziativa nata nel 2002 per abolire la pena capitale
30 Novembre 2016
PARIGI, FRANCIA
In occasione della Giornata delle Città per la Vita e dei 35 anni di abolizione della pena di morte in Francia

Parigi: 30 novembre, ore 19 Incontro per l'abolizione universale della pena di morte, Maison Victor Hugo, 6 Places de Vosges, Paris (Metro Bastille)


Con la Comunità di Sant'Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace, alla presenza altre personalità
30 Novembre 2016
LISBONA, PORTOGALLO
Insieme alla Comunità di Sant'Egidio

Lisbona è città per la vita, contro la pena di morte, appuntamento il 30 novembre ore 18, Arco da rua Augusta


Sono molte le città portoghesi che aderiscono alla Giornata delle città per la vita
29 Novembre 2016
BIELORUSSIA
Lo annuncia Andrei Paluda dell'Associazione Viasna. Con la Comunità di Sant'Egidio siamo vicini alla sua famiglia

Apprendiamo con dolore che condanna di Ivan Kulesh è stata eseguita in Bielorussia


Ivan è uno dei condannati per i quali stiamo inviando appelli urgenti
29 Novembre 2016
STATI UNITI
Uniti alla Comunità di Sant'Egidio

Le diocesi della Florida anche quest'anno partecipano alla Giornata "Città per la vita, contro la pena di morte"


Siete invitati a partecipare a un evento nella vostra zona!
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
28 Novembre 2016
AP

High court to examine mental disability, death penalty issue
12 Novembre 2016
Internazionale

Si rafforza la pena di morte negli Stati Uniti
11 Novembre 2016

Al liceo classico “Socrate” di Bari, conferenza “Non c’è giustizia senza vita”
24 Ottobre 2016
New York Times

The Death Penalty, Nearing Its End
4 Giugno 2016
The Washington Post

Meet the red-state conservatives fighting to abolish the death penalty
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
53
Video promo Cities for Life 2015
3:22

0 visite

0 visite

0 visite

0 visite

1 visite
tutta i media correlati